28/03/2016

SALVARE HP E L'APOTEOSI DELLA NUOVA ERA

23 FEBRAIO 2016:HP E L'APOTEOSI DELLA NUOVA ERA
.
-SU LE MONDE:

23 février 2016,par Jérôme Marin

.

En difficulté, HP retente sa chance sur le marché des smartphones

.

hpelite

.

HP ne baisse pas les bras. Après plusieurs échecs commerciaux, le fabricant américain d'ordinateurs retente sa chance sur le marché des smartphones. Ce retour s'accompagne cependant d'un changement radical de stratégie: son dernier terminal, l'Elite x3, présenté dimanche 21 février, vise le marché professionnel, et non plus le grand public. Un choix qui se répercute sur le système d'exploitation retenu: Windows 10 Mobile, développé par Microsoft, au détriment d'Android de Google, qui équipe plus de 80% des smartphones dans le monde.

Le pari est osé. Malgré les efforts du géant de Redmond, Windows Mobile ne parvient en effet pas à s'imposer. Selon le cabinet Gartner, sa part de marché mondiale est tombée à 1,1% fin 2015. La plate-forme souffre notamment de la relative pauvreté de son catalogue d'applications, ce qui restreint son potentiel auprès du grand public. Ces dernières années, les fabricants de smartphones ont ainsi abandonné le navire. Seul Microsoft, qui a racheté les activités mobiles de Nokia en 2014, continue de régulièrement sortir de nouveaux modèles.

APPAREIL 3 EN 1

Pour séduire les entreprises, HP mise sur un appareil haut de gamme, ultra-sécurisé et surtout 3 en 1. L'Elite x3 pourra en effet se transformer en ordinateur de bureau (par l'intermédiaire une station d'accueil reliée à un écran, un clavier et une souris) ou en ordinateur portable (avec un accessoire combinant écran et clavier). La société promet ainsi une expérience "sans friction", permettant aux employés d'utiliser les mêmes applications sur tous les écrans et de passer instantanément de l'un à l'autre.

Le smartphone repose sur la technologie Continuum, présentée l'an passé et considérée par Microsoft comme un argument de vente massue sur le marché professionnel. Mais le nombre d'applications compatibles reste encore dérisoire, ce qui limite grandement l'intérêt de cette fonctionnalité. HP espère dépasser ce problème en proposant de faire tourner certains logiciels professionnels de manière virtuelle. L'appareil sera par ailleurs livré avec la plate-forme de relation client de Salesforce.

SIX AN APRÈS PALM

Avec l'Elite x3, dont le prix et la date de sortie restent encore inconnus, le groupe californien espère enfin trouver la bonne formule. Ses précédentes tentatives se sont toutes soldées par des échecs. Le plus retentissant: le rachat en 2010 du fabricant américain Palm pour 1,2 milliard de dollars. Les modèles commercialisés l'année suivante ont été de véritables flops commerciaux. En 2013, HP avait essayé de revenir sur le marché des smartphones, avec le lancement de plusieurs appareils Android d'entrée de gamme.

Cette nouvelle offensive intervient trois mois après la scission de Hewlett-Packard, l'entreprise autour de laquelle s'est bâtie la Silicon Valley. Les activités de services aux entreprises et dans le cloud ont été regroupées dans Hewlett Packard Entreprise. HP Inc n'a conservé que les ordinateurs et les imprimantes. La nouvelle société doit faire face au ralentissement des ventes d'ordinateurs: son chiffre d'affaires a chuté de 8% l'an passé. Elle cherche donc de nouveaux relais de croissance.

http://siliconvalley.blog.lemonde.fr/2016/02/23/en-difficulte-hp-retente-sa-chance-sur-le-marche-des-smartphones/

-

REAZIONE:LA NUOVA ERA,LA ERA DEL MOBILE DOVEBBE SALVARE HP?

NON LO MERITA,QUESTA FIRMA CHE ERA STATA COCCOLATA DA QUESTE PAGINE PER L'APLICAZIONE DEI MIEI CONCETTI SULLE "STAMPANTI MOBILI",E PER LA SUA SCOMESSA CALIFORNIANA A SUPERARE LA PARTITOCRAZIA PROMOVENDO I SUOI MANAGER ALLA GOVERNAZIONE,HA POI TRADITO QUESTA FIDUCIA CAMBIANDO MANAGER E PUNTANDO AD UNA RINASCITA DEL PC.NON HA AVUTO RAGIONE E HA DOVUTO GETTARE LA SPUGNA TORNANDO SULLO SMARTPHONE PER TENTARE UNA SUA REDENZIONE.

COMUNQUE QUESTO PENTIMENTO E RITORNO SUI MIEI CONCETTI E' UNA PROVA IN PIU DELLA MARCIA INARRESTABILE,APOTEOSICA,GLOBALMENTE DOMINANTE DELLA NUOVA ERA,QUELLA DEL MOBILE.

APRENDIAMO INOLTRE DA QUESTA NOTA CHE:

MICROSOFT,ALTRO RESISTENTE ALLA NUOVA ERA DA SEMPRE PUNTANDO AL PC,FISSO E CABLATO,HA FALLITO NEL SUO TENTATIVO DI SBARCARE SUL MERCATO DELLO SMARTPHONE TRAMITE IL SO WINDOW MOBILE,E QUELLO PER PC FISSO WINDOWS 10.IL SOLO ASPETTO DOVE MICROSOFT STA AVENDO SUCCESSO E SUL EX-NOKIA,CIO''E PROPIO LI DOVE HA SEGUITO GLI INSEGNAMENTI DELLA NUOVA ERA:DURA COSA LI E' A MICROSOFT E NADELLA DARE CALCI SUL CHIODO.

GOOGLE RESTA L'AVANGUARDIA,E ANDROID,IL PRIMO SISTEMA OPERATIVO PER MOBILI ISPIRANDOSI AI MIEI CONCETTI,RESTA IL SISTEMA OPERATIVO SIMBOLO DELLA NUOVA ERA,IL PIONIERE,DOMINANTE QUASI ASSOLUTO.

-
PROVIENE DI CUA:

09:27 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

SU HP HO AVUTO RAGIONE:ALTRA VITTORIA DELLA NUOVA ERA

giovedì 14 febbraio 2013

SU HP HO AVUTO RAGIONE:ALTRA VITTORIA DELLA NUOVA ERA

 
14 FEBRAIO 2013:INTRODUZIONE

Il mercoledi 30 di Novembre del 2011 in questo stesso blog scrivevo.

"AVVERTENZA:HP E MEG WHITMAN NON SONO PIU "NUOVA ERA"

 
In queste pagine ho dato distacco alll'importante ruolo svolto da HP nell'aplicazione delle mie ricerche scientifiche(sopratutto nel settore delle stampatrici e la creazione della prima Laptop: http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/06/le-stampan... )e anche ho salutato con favore e fervore la candidatura elettorale di Whitman nelle elezioni di mezzo termine USA in quanto significavano,in piena coincidenza con la mia predica,una vera rivoluzione proponendo l'industria hi-tech alla guida "politica" in prima persona a prescindere della politica professionale e del settarismo partitistico.
http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/10/california...
http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/11/nuova-era-...
Pero le ultime mosse sia di HP che della Whitman sono in assoluta contradizione sia con queste decisioni che con l'essenza della NUOVA ERA:infatti il PC è il passato,è vecchia tecnologia delle telecomunicazioni e le ultime mosse della HP guidata dalla Meg Whitman in quanto rivalutarlo sono in assoluta contradizione con l'essenza della NUOVA ERA.E' lo sono anche le sue scelte politiche odierne:la NUOVA ERA non puo ne deve essere influenziata ne per scelte subalterne e circostanziali di tipo manageriale,e tanto meno economiche o politiche di nessuno.(Ne meno la piu grande azienda delle telecomunicazioni in cifre di affari).QUINDI CONSIDERATE ORMAI HP E MEG WHITMAN NON RAPRESENTATIVI,NE RAPRESENTANTI DELLA NUOVA ERA.SONO FUORI.
E NATURALMENTE A PIU RAGIONE,ANCHE MITT ROMNEY CHE LA "NUOVA ERA" NON E' NE FA POLITICA."
-VEDI DIRETTAMENTE CUA: http://cianciminotortoici.blogspot.com/2011/11/avvertehpm...

Il tempo e' passato e le mie parole diventarono tutte verita.Verificalo in questa nota su "Le Monde"

 

http://boutique.lemonde.fr/skin/frontend/sem/boutique/images/logo.pngTechnologies

HP plancherait sur une tablette Android

Le Monde.fr |

Abonnez-vous à partir de 1 €

 Réagir

Classer Imprimer Envoyer Partager google + linkedin

Le logo d'HP. 
Le groupe informatique Hewlett-Packard travaillerait à la conception de tablettes numériques utilisant le système d'exploitation Android, affirme la presse spécialisée, mercredi 13 février. D'après Read Write Web, citant deux sources proches du dossier, la tablette intégrerait une puce puissante : la Tegra 4 du groupe Nvidia.

Si la direction d'HP n'a pas souhaité faire de commentaires, un autre site, The Verge ajoute que l'entreprise, au coude à coude avec le chinois Lenovo dans le marché des ordinateurs, pourrait aussi concevoir un smartphone.

De tels développements s'inscrivent dans la difficile conversion d'HP,  dans un contexte que certains qualifient d'"ère post-PC". Le groupe avait d'ailleurs songé, fin 2011, à se séparer de son activité liée aux ordinateurs personnels, afin de se concentrer sur les services et équipements professionnels. HP s'est aussi lancé dans un plan drastique de réduction d'effectifs.

Lire :  Hewlett-Packard continuera finalement à produire des PC

 Hewlett-Packard a également tenté de percer dans le domaine de la mobilité, avec peu de succès. En 2010, l'entreprise rachète au prix fort (1,2 milliard de dollars, soit 900 millions d'euros), l'entreprise Palm, et de son système d'exploitation mobile WebOS.
Mais alors que ses appareils mis sur le marché n'ont pas été plébiscités par les utilisateurs, le groupe informatique Hewlett-Packard a décidé, fin 2011 de partager le code source de son système d'exploitation mobile.
Lire : Hewlett Packard rachète Palm pour 1,2 milliard de dollars
Si la conception d'une tablette Android par HP était confirmée, elle marquerait une prise de distance entre le groupe informatique et Microsoft, concepteur du système d'exploitation Windows.
--------------
TRADUZIONE:
 HP pianifichera su un tablet Android

Le Monde.fr | 2013/02/14 alle 24:24

Iscriviti da € 1

  reagire

Stampa Condividi E-mail Ordina facebook twitter google + linkedin

Il gruppo Hewlett-Packard si adopererà per progettare tavolette digitali che utilizzano il sistema operativo Android,ha detto alla stampa il Mercoledì 13 febbraio.Secondo Read Write Web,citando due fonti vicine alla vicenda,il tablet dovrebbe includere un potente chip: la Tegra 4 del gruppo Nvidia.

Se la direzione di HP non ha voluto commentare,un altro sito,The Verge dice che l'azienda, gomito a gomito con la cinese Lenovo nel mercato dei PC,potrebbe anche progettare uno smartphone.

Tali sviluppi sono nella difficile conversione di HP in un contesto che alcuni descrivono come di "era post-PC." Il gruppo aveva anche considerato alla fine del 2011 separarsi della sua attivita legata agli ordinatori personali per concentrarsi sui servizi e gli echipaggiamenti professionali.HP ha lanciato anche un drastico ridimensionamento.

Leggi: Hewlett-Packard infine continuerà a produrre PC

Hewlett-Packard ha anche tentato di entrare nel settore della mobilità con scarso successo. Nel 2010 la società ha acquistato a prezzo forte($ 1,2 miliardi di dollari,900 milioni circa di Euro)l'azienda Palm e il suo sistema operativo WebOS mobile.

Ma mentre la sua apparecchiature immesse sul mercato non sono stati acclamati dagli utenti, il gruppo informatico Hewlett-Packard ha deciso alla fine del 2011 condividere il codice sorgente del suo sistema operativo mobile.

Leggi: Hewlett Packard compra Palm per 1,2 miliardi dollari

Se la concezzione di un tablet Android da HP fosse confermato marchera una presa di distanza fra il gruppo informatico e Microsoft ceatore del sistema operativo Windows
--------------------
-IL MIO COMMENTO:In quel momento magari era un po' azzardato fare queste affermazioni e pur troppo non avevo dubbi sull'egemonia della NUOVA ERA allora gia irreversibile:":il PC e' il passato" dicevo,e "il PC e' il passato" veramente e questa fallita sperienza aziendale della HP (vedi nota sotto)insieme al suo avvio definitivo verso il mobile lo conferma.Di "era post PC" parla Le Monde,quindi HP ha dovuto demordere la polvere e riconvertirsi alla NUOVA ERA,al MOBILE.
Perche parlo di riconversione?bene insieme all'amaro riconoscimento che il PC,quello che ha portato Microsoft all'euforia trionfalista,appartiene al passato l'azienda aveva delle idee sbagliate sul mobile sul quale aveva incursionato comperando la PALM perche non riconosceva la NUOVA ERA:vedi nella nota di sotto il passaggio dove esprime
"M. Bradley a assuré que les tablettes marquaient "le début d'un nouvel âge de l'ordinateur personnel", et que donc HP n'avait pas de retard non rattrapable sur ce segment, en dépit de ses échecs commerciaux jusqu'à présent. HP a ainsi annoncé en août l'arrêt de sa tablette sous le système d'exploitation webOS."
Bene le TAVOLETTE non sono la "NUOVA ERA"("New Age" la chiamano loro) del PC("ordinatore personale" lo chiamano loro)ma solo una variante della mia creazione integativa delle tecnologie delle telecomunicazioni.Il mio concetto formula "l'integrazione dell'espressione tecnologica a distanza degli organi dei sensi in un solo supporter personale,mobile e senza fili",cio'e' il CELLULARE che cosi passa a chiamarsi SMARTPHONE e che insieme alle TAVOLETTE appunto e le LAPTOP(PC MOBILE)sono tre istrumeti da me ideate come supporti per l'integrazione di tecnologie della telecomunicazioni.Insomma le TAVOLETTE non sono PC.
Quindi questo "passaggio" attuale alle TAVOLETTE ANDROID significa una vera e propia RICONVERSIONE.RICONVERSIONE ALLA NUOVA ERA.E la riconversione e' ancora piu significativa se teniamo conto che abbandona il SISTEMA OPERATIVO di PALM(Web OS) per quello di Google,ANDROID perche questo e' il primo ideato per un mobile ed e' ideato in base ai miei concetti che hanno convertito a GOOGLE nell'AVANGUARDIA della NUOVA ERA e' la piu potente azienda delle telecomunicazioni,un colosso planetario. Ancora, l'abbandono del WINDOWS di MICROSOFT significa anche lasciare alle spalle "l'azienda INTERNET" su cui il PC aveva basato la sua fama che sembrava inarrestabile.
Ma non finisce cui,la riconversione e' ancora piu profonda che di politica aziendale, e' anche una RICONVERSIONE IDEOLOGICA perche si lascia indietro il concetto di "NEW AGE" che e' precisamente il contrario a NUOVA ERA,vedi di seguito
https://docs.google.com/document/pub?id=1Dj0MZH6KNMie7CvU...
Non bisogna parlare anche che l'adesione politca di WITHMAN ha fallito.

EPILOGO: "NULLA SI CREA,SI FABRICA E SI VENDE AL DI FUORI DEL MIO CONCETTO INTEGRATIVO IN UN SOLO SUPPORTER MOBLIE" ho espresso tante volte:penso che dopo questa sperienza fallita di HP non ho piu bisogno di dare prove su questo.

 -------------------------------------------------------------------------------

-LEGGI DI SEGUITO LE DUE NOTE LINCATI NELL'ARTICOLO DI SOPRA:

-NOTA 1:

http://boutique.lemonde.fr/skin/frontend/sem/boutique/images/logo.pngTechnologies



Hewlett-Packard continuera finalement à produire des PC
 
 Le Monde.fr avec AFP | Mis à jour le

Abonnez-vous à partir de 1 €

Réagir

Classer Imprimer Envoyer Partager google + linkedin

Le 23 mai, la direction de HP avait annoncé la suppression de 27 000 emplois dans le monde d'ici à la fin d'octobre 2014, dont 9 000 dès cette année, afin de soutenir son redressement. 
Le 23 mai, la direction de HP avait annoncé la suppression de 27 000 emplois dans le monde d'ici à la fin d'octobre 2014, dont 9 000 dès cette année, afin de soutenir son redressement. | AFP/YVES BOUCAU 
 
Le groupe informatique Hewlett-Packard a finalement décidé de garder les ordinateurs personnels qui fondent sa notoriété auprès du grand public, deux mois après avoir envisagé de s'en débarrasser pour se concentrer sur les services et équipements professionnels.Le groupe informatique Hewlett-Packard a finalement décidé de garder les ordinateurs personnels qui fondent sa notoriété auprès du grand public, deux mois après avoir envisagé de s'en débarrasser pour se concentrer sur les services et équipements professionnels.Cinq semaines après son arrivée à la tête du géant informatique, en plein tumulte depuis l'annonce d'un virage stratégique inattendu en août, la directrice générale, Meg Whitman, a annoncé que "HP et (la division des ordinateurs) sont mieux ensemble". Les ordinateurs sont "au cœur du portefeuille de HP", et les ordinateurs "bénéficient de l'implantation mondiale, de la taille et de l'innovation de HP", a-t-elle précisé lors d'une téléconférence avec des analystes.
 

Le groupe informatique Hewlett-Packard a finalement décidé de garder les ordinateurs personnels qui fondent sa notoriété auprès du grand public, deux mois après avoir envisagé de s'en débarrasser pour se concentrer sur les services et équipements professionnels.

Cinq semaines après son arrivée à la tête du géant informatique, en plein tumulte depuis l'annonce d'un virage stratégique inattendu en août, la directrice générale, Meg Whitman, a annoncé que "HP et (la division des ordinateurs) sont mieux ensemble". Les ordinateurs sont "au cœur du portefeuille de HP", et les ordinateurs "bénéficient de l'implantation mondiale, de la taille et de l'innovation de HP", a-t-elle précisé lors d'une téléconférence avec des analystes

UNE SCISSION JUSTIFIÉE
L'annonce en août par le précédent patron, Léo Apotheker, que HP envisageait de se séparer des ordinateurs, comme en 2005 IBM avait cédé les siens au chinois Lenovo, avait pris clients et investisseurs de court, et précipité une crise de confiance envers le groupe, à la fois à la Bourse, où le titre avait dévissé, et auprès de la clientèle. "Nous avons semé une confusion assez énorme sur le marché", a concédé Mme Whitman jeudi.
D'un certain point de vue la scission pouvait être justifiée dans la mesure où le marché des ordinateurs est atone, alors que celui des serveurs et des services est en pleine expansion avec le développement de l'informatique dématérialisée. D'ailleurs une autre décision de M. Apotheker, l'acquisition de l'éditeur britannique de logiciels Autonomy, a été menée à bien au début du mois.
Mais l'éventualité d'une scission semblait tout de même très étonnante dans la mesure où HP est numéro un mondial sur le marché des ordinateurs, qui ont représenté 40,7 milliards de dollars de chiffre d'affaires lors de son dernier exercice, soit près du tiers du total du groupe.
STRATÉGIE À LONG TERME FLOUE
Mme Whitman s'est abstenue de saisir l'occasion pour développer sa vision stratégique à long terme, jugeant que c'était "un peu prématuré". Tout juste a-t-elle indiqué qu'on l'entendrait "parler de l'informatique dématérialisée (ndlr : le 'nuage') dans l'avenir de HP". Pour l'heure, HP travaille toujours à des tablettes sous Windows, et notamment avec le futur système d'exploitation Windows 8 de Microsoft.
M. Bradley a assuré que les tablettes marquaient "le début d'un nouvel âge de l'ordinateur personnel", et que donc HP n'avait pas de retard non rattrapable sur ce segment, en dépit de ses échecs commerciaux jusqu'à présent. HP a ainsi annoncé en août l'arrêt de sa tablette sous le système d'exploitation webOS.

TRADUZIONE:
 Hewlett-Packard infine continuera a produrre PC

Le Monde.fr con AFP|28/10/2011 alle ore 10:09•Aggiornato il 2011/10/28 alle 10:15

Iscriviti da € 1

Reagire

Stampa Condividi E-mail Ordina facebook twitter google + linkedin

FOTO:Il 23 maggio la direzione di HP aveva annunciato l'eliminazione di 27.000 posti di lavoro in tutto il mondo entro la fine del mese di ottobre 2014,tra cui 9000 quest'anno per sostenere la sua ripresa.|AFP/YVES BOUCAU

Il gruppo informatico Hewlett-Packard ha finalmente deciso di tenersi gli ordinatori personali che hanno dato fondamento alla sua reputazione presso il grande pubblico,due mesi dopo il previsto per sbarazzarsi e concentrari sui servizi e gli echipaggiamenti professionnali.Cinque settimane dopo e' arrivata alla testa del gigante in piena  agitazione dopo l'annuncio di un cambiamento strategico inaspettatamente nel mese di agosto,la CEO Meg Whitman ha annunciato che "HP e la Divisione degli ordinatori stanno meglio insieme".Gli ordinatori sono "il cuore del portafoglio si HP "e gli ordinatori si"beneficieranno dell'impiantazione mondiale,della dimensione e dell'innovazioni di HP",ha detto nel corso di una conference call con gli analisti.

UN SEPARAZIONE GIUSTIFICATA

L'annuncio nel mese di agosto del capo precedente,Leo Apotheker,che ad HP prevedeva di separare  gli ordinatori cosi come ad esempio IBM nel 2005 aveva dato i suoi ai cinese di Lenovo,aveva preso clienti e investitori di sorpresa, e precipitato una crisi di fiducia nel gruppo,sia alla Borsa,dove è stato svitato il titolo,che con i clienti.
"Abbiamo seminato confusione di mercato abbastanza grande," ha ammesso la signora Whitman Giovedi.
Da un certo punto di vista la separaxione potrebbe essere giustificata nella misura in cui il mercato degli ordinatori e atono, mentre quello dei server e servizi è in piena espansione con lo sviluppo dell'informatica dematerializzata(software).Inoltre,una nuova decisione del signor Apotheker,l'acquisizione della casa editrice britannica di software Autonomy, è stata completata all'inizio del mese.

Ma la possibilità di una scissione degli ordinatori sembrava ancora molto sorprendente dal momento che HP è il leader mondiale nel mercato dei PC,che ha rappresentato 40,7 miliardi di dollari del fatturato nel corso del suo ultimo anno fiscale,quasi un terzo del totale del gruppo.

STRATEGIA A LUNGO TERMINE "FLOUE"

La signora Whitman si è astenuta di cogliere l'opportunità per sviluppare la sua visione strategica a lungo termine,dicendo che era "un po' prematuro." Solo ha indicato che si sarebbe sentito "parlare di informatica dematerializzata(software)nel futuro di HP". Per il momento HP sta sempre lavorando con il futuro sistema operativo Microsoft Windows 8.

Mr. Bradley ha assicurato che le tavolette avrebbero segnato "l'inizio di una "New Age degli ordinatori personali",quindi HP non dovrebbe tardare nel catturare questo segmento,nonostante i suoi fallimenti commerciali fino al presente. HP ha anche annunciato nel mese di agosto di volere fermare la tavoletta con il sistema operativo webOS.
 
------------------------------------------------------------------------
-NOTA 2:

http://boutique.lemonde.fr/skin/frontend/sem/boutique/images/logo.pngÉconomie

Hewlett Packard rachète Palm pour 1,2 milliard de dollars

Le Monde.fr avec AFP | Mis à jour le

-
PROVIENE DI CUA:

09:22 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

23/03/2016

NUOVA ERA E MEDICINA,SCHIZOFRENIA

7 MARZO 2016:BASI GENETICHE DELLA SCHIZOFRENIA

.
-SU IL FATTO QUOTIDIANO
.
Scienza
.
Salute mentale: le basi genetiche della schizofrenia
.
di Andrea Bellelli | 29 luglio 2016
Più informazioni su: Genetica, Salute Mentale
Profilo blogger
Andrea Bellelli,Professore Ordinario di Biochimica, Università di Roma La Sapienza
.

.
La schizofrenia è la più grave delle malattie psichiatriche ed ha una frequenza di circa l’1%della popolazione. Questa frequenza è altissima: per dare un’idea, se i malati fossero distribuiti in modo del tutto casuale nella popolazione, quando prendiamo un autobus nell’ora di punta dovremmo avere almeno uno schizofrenico tra i nostri compagni di viaggio. Le cause della malattia sono sempre state oscure anche se è noto da oltre trent’anni che la costituzione genetica dell’individuo è il fattore principale. Un articolo molto recente apparso sulla rivista Nature identifica 108 loci genetici associati con la malattia. Un locus è una certa regione di un cromosoma, e non corrisponde esattamente ad un gene, però in prima approssimazione si può dire che l’articolo individua almeno un centinaio di geni. Un commento della stessa rivista definisce “enorme” questo risultato per due ragioni: razionalizza una serie disparata di risultati pubblicati nel corso degli ultimi quarant’anni di ricerca e trova associazioni nuove ed inattese.
Tra i risultati attesi che questo studio conferma, c’è l’associazione tra la schizofrenia e alcuni geni connessi con il funzionamento del neuromediatore dopamina (ad esempio uno dei geni identificati codifica per un recettore della dopamina). Tra i risultati inattesi c’è la correlazione tra la malattia e alcuni geni del sistema di istocompatibilità, quello responsabile del rigetto dei trapianti e di altre reazioni immunitarie, che richiama una ipotesi spesso riproposta sulla correlazione tra schizofrenia e infezioni o malattie autoimmuni. Ovviamente i risultati pubblicati non danno alcun supporto alle ipotesi psicologiche o psicoanalitiche sull’origine psicogena della malattia: fattori psicodinamici (una volta si parlava del rapporto precoce con la madre) potrebbero forse esistere, ma il loro peso viene sempre più ridimensionato. Se pensiamo alla congerie di stravaganti ipotesi psico-sociodinamiche formulate a partire dagli anni ’60 e al carico di sofferenze e responsabilità riversato sulle famiglie dei malati ci rendiamo conto di quanto sia importante questo risultato anche dal punto di vista culturale e sociale.
E’ interessante anche considerare come un risultato importante come questo, sebbene abbia una data di pubblicazione precisa, sia difficile da isolare nel contesto di storia della scienza. Infatti, l’importanza dei fattori genetici nella schizofrenia era stata ipotizzata fin dagli anni ’20 del secolo scorso e studi su gemelli mono- e dizigoti ne avevano dato prove certe fin dal 1960. Geni associati alla schizofrenia erano stati ipoteticamente identificati in precedenza, ma solo alcuni erano stati confermati negli studi successivi. La novità dello studio attuale sta nell’alto grado di verosimiglianza e solidità delle identificazioni, grazie anche al fatto che il genoma umano è stato interamente sequenziato (nel 2000). Non solo non è facile isolare questo risultato nel tempo, rispetto a risultati precedenti, ma non è neppure facile assegnarne il merito ad uno specifico autore. Gli autori della pubblicazione citata non sono infatti individualmente nominati: la firma collettiva è in quella dello “Schizophrenia Working Group of the Psychiatric Genomics Consortium“.
L’idea che una scoperta scientifica sia il prodotto di uno scienziato solo che in un certo momento compie un esperimento rivoluzionario e capisce una grande legge della natura, se è mai stata vera, appartiene al passato; più probabilmente è una fantasia del romanticismo di primo ottocento. Ed è ovvio che l’idea di poter finanziare i “top researchers“, in voga in molti circoli elitistici a partire dallo European Research Council è puerile: la ricerca moderna è una impresa corale di molti.
Infine, una parola sull’artificiosa distinzione tra la scienza pura ed applicata. Non può sfuggire a nessuno che identificare i geni responsabili della schizofrenia sia prima di tutto un progetto di ricerca di base, tanto più che valide terapie sono già disponibili. Ciononostante le ricadute sociali di questo tipo di scoperte sono molto grandi a partire dalla rivalutazione dell’idea stessa della malattia.
.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/29/salute-mentale-le-basi-genetiche-della-schizofrenia/1075601/
.
REAZIONE:LA SCHIZOFRENIA E’ UNA MALATTIA CHE SI EREDA DA GENITORI E/O  NONNI A FIGLI.
“la ricerca moderna è una impresa corale di molti”,QUESTO E’ IL MIO CONCETTO ESPRESSO NEL LIBRO SULLA NUOVA ERA DA QUI SONO AUTORE: “NON ESSITONO “INVENZIONI” MA CREAZIONI SCIENTIFICI SU IDEE CHE SONO NELLO SPIRITO DEI TEMPI”,DICEVO IO.
E VEDILO ANCHE CUA:
http://dottciancimino.bloog.it/le-buggie-del-consensoe-la...
QUINDI LA MIA OPERA E’ IMPORTANTE NON SOLO PER LE TELECOMUNICAZIONI E LA NUOVA ERA MA ANCHE PER LA MEDICINA,LA PSICHIATRIA,LA SCIENZA IN GENERE E PER IL CONCETTO DI  RICERCA SCIENTIFICA.
.
VEDI QUESTO SCRITTO SULLA PUBBLICAZIONE ORIGINALE NEL MIO BLOG DEI FATTI INTERNI:
 http://dottgiuseppeciancimino.bloog.it/faites-internes-1c...

07:44 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |