24/05/2012

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 92)

mercoledì 30 novembre 2011

AVVERTENZA:HP E MEG WHITMAN NON SONO PIU "NUOVA ERA"

 
In queste pagine ho dato distacco alll'importante ruolo svolto da HP nell'aplicazione delle mie ricerche scientifiche(sopratutto nel settore delle stampatrici e la creazione della prima Laptop: http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/06/le-stampanti-della-nuova-erahawlett.html )e anche ho salutato con favore e fervore la candidatura elettorale di Whitman nelle elezioni di mezzo termine USA in quanto significavano,in piena coincidenza con la mia predica,una vera rivoluzione proponendo l'industria hi-tech alla guida "politica" in prima persona a prescindere della politica professionale e del settarismo partitistico.
http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/10/californiala-nuova-era-nel-potere.html
http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/11/nuova-era-ed-elezioni-di-mezzo-termine.html
Pero le ultime mosse sia di HP che della Whitman sono in assoluta contradizione sia con queste decisioni che con l'essenza della NUOVA ERA:infatti il PC è il passato,è vecchia tecnologia delle telecomunicazioni e le ultime mosse della HP guidata dalla Meg Whitman in quanto rivalutarlo sono in assoluta contradizione con l'essenza della NUOVA ERA.E' lo sono anche le sue scelte politiche odierne:la NUOVA ERA non puo ne deve essere influenziata ne per scelte subalterne e circostanziali di tipo manageriale,e tanto meno economiche o politiche di nessuno.(Ne meno la piu grande azienda delle telecomunicazioni in cifre di affari).QUINDI CONSIDERATE ORMAI HP E MEG WHITMAN NON RAPRESENTATIVI,NE RAPRESENTANTI DELLA NUOVA ERA.SONO FUORI.
E NATURALMENTE A PIU RAGIONE,ANCHE MITT ROMNEY CHE LA "NUOVA ERA" NON E' NE FA POLITICA.
-VEDI LA NOTIZIA SU "LE FIGARO":

Whitman reconnait qu'Apple pourrait dépasser HP en 2012
Mots clés : informatique, Meg Whitman, HEWLETT PACKARD, APPLE
Par Marc Cherki Mis à jour le 30/11/2011 à 12:48 publié le 29/11/2011 à 18:52 Réactions (11) .
-
.

.

.

.
.
Crédits photo : © Mario Anzuoni / Reuters/REUTERS
S'abonner au Figaro.fr
INTERVIEW - La directrice générale d'HP, Meg Whitman, se donne cinq ans pour redresser le numéro un mondial des technologies de l'information.

Meg Whitman, 55 ans, a dirigé le site d'enchères eBay de 1998 à 2008. En 2010, elle a été candidate malheureuse au ­poste de gouverneur de Californie. Depuis le 22 septembre, elle a pris la tête de Hewlett-Packard (HP) alors en pleine tourmente. Milliardaire, diplômée de Princeton et de Harvard, Meg Whitman a été choisie pour relancer le numéro un mondial des technologies de l'information. HP est moins rentable que Apple et IBM mais plus gros par son chiffre d'affaires (127,2 milliards de dollars). Son prédécesseur, Leo Apotheker, avait envisagé, cet été, la vente de la division PC, qui contrôle 20% du marché mondial et réalise plus de 40 milliards de dollars de chiffre d'affaires. Ces décisions ont fait plonger d'un tiers le cours de l'action HP. Au contraire, Meg Whitman a décidé de relancer HP dans les PC et les tablettes.
LE FIGARO. - Apple devrait devenir numéro un mondial des ordinateurs personnels en 2012, selon Canalys. Partagez-vous cette prévision ?
Meg WHITMAN. - Oui. Je pense que c'est possible si vous intégrez les tablettes. Apple réalise un travail formidable. Nous avons besoin d'améliorer notre jeu et nos produits pour reprendre la place de leader. Apple pourrait passer devant HP en 2012. Nous essaierons de redevenir le champion en 2013. Il faut du temps pour que les produits sur lesquels j'ai de l'influence arrivent sur le marché.
Pourquoi HP s'est-il fait dépasser par IBM dans les serveurs d'entreprise ?
Nous avons été le champion pendant de nombreuses années. Nous avons perdu cette position à cause de notre faiblesse grandissante dans les très gros serveurs, utilisés pour des opérations critiques dans les entreprises. Nous sommes en train de renouveler notre gamme Superdome.
Quand HP sera-t-il le numéro un mondial en termes de profits ?
HP a énormément d'atouts. Mon objectif est de positionner HP, qui a déjà 70 ans d'histoire, pour les soixante-dix prochaines années. Nous avons beaucoup de travail à réaliser. Je suis là pour redonner un avenir au groupe. Les changements importants d'une compagnie prennent de trois à cinq ans. Dans cinq ans, HP sera plus solide qu'aujourd'hui.
Pourquoi avez-vous décidé de garder les PC ?
Cent personnes, réparties en deux équipes, ont dû y réfléchir. Une équipe devait étudier les raisons de se séparer des PC, l'autre les motifs pour les conserver. Au terme de cette réflexion, il m'a semblé clair que nous devions conserver cette division pour trois raisons. Nous séparer des PC aurait eu un coût de près de 1 milliard de dollars. Ensuite, l'impact sur notre chiffre d'affaires aurait été trop important. Car les entreprises qui achètent nos serveurs, nos réseaux et nos équipements de stockage achètent aussi des PC. Enfin, la marque HP est liée de manière indiscutable à nos PC.
Pourquoi lancer le Slate 2, votre deuxième tablette, après avoir bradé le TouchPad ?
Nous allons revenir sur le marché des tablettes. Le Slate 2 signe notre retour. Nous avons arrêté les produits qui utilisaient notre système d'exploitation WebOS. Nous reviendrons en 2012. Nous aurons une tablette Internet qui utilisera Windows 8 de Microsoft.
Une tablette est-elle comparable à un PC ?
Pas pour l'instant. Les tablettes Internet servent surtout à consommer des médias et aux courriels. Si vous voulez utiliser des logiciels de productivité, comme ceux de Microsoft, vous ne le pouvez pas. Nos études prouvent qu'il s'agit d'un achat supplémentaire qui ne vient pas empiéter sur le marché des PC. C'est un domaine important sur lequel nous voulons aller.
Qu'allez-vous faire de votre système d'exploitation WebOS ?
Nous devrions annoncer notre décision dans les deux prochaines semaines. Ce n'est pas une décision facile, car nous avons une équipe de 600 personnes qui est dans le flou. Nous avons besoin d'avoir un autre système d'exploitation.
Êtes-vous plus prudente en matière d'acquisitions ?
En 2012, après le rachat d'Autonomy pour 7,1 milliards de livres (8,3 milliards d'euros), nous devons reconstruire le bilan du groupe. Nous ne devrions pas réaliser de gros achats. Je pourrais regarder les opportunités au-dessous d'un milliard de dollars, mais je ne pense pas que nous réaliserons de telles acquisitions.
Dans les services, avez-vous la même stratégie qu'IBM ?
Les PC, les imprimantes, les serveurs, les réseaux, le stockage représentent 70% de notre chiffre d'affaires. Nous n'allons pas désinvestir le matériel pour les services. En quinze ans, IBM est devenu un groupe orienté vers le conseil et les technologies. De notre côté, nous resterons spécialisés dans le matériel de pointe, complété par des logiciels et des services.
Augmenterez-vous les efforts de recherche et le développement ?
Il est souhaitable d'investir davantage dans notre recherche et développement. Nous n'avons pas un objectif rapporté à notre chiffre d'affaires global. Nous devrons investir davantage dans le stockage, les réseaux et les serveurs pour nous aligner sur nos concurrents comme EMC et Cisco. Notre dernier serveur, qui utilise un processeur ARM, est plus efficace en termes de consommation d'énergie. Nous avons besoin de ces innovations majeures pour nous différencier.
Vous à la tête de HP, Ginni Rometty chez IBM, les femmes prennent-elles le pouvoir ?
Oui, nous sommes trois à la tête de groupes high-tech, car Xerox est dirigé par Ursula Burns. Nous sommes bonnes, c'est tout ! Lorsque j'ai été diplômée, moins de 20% des étudiants étaient des femmes. Maintenant, elles sont aussi nombreuses que les hommes. Leur pourcentage va donc augmenter parmi les dirigeants des grandes entreprises.
Allez-vous reprendre la politique ?
À moyen terme, non. J'ai dû m'engager pour plusieurs années. HP a déjà eu trois directeurs généraux en moins de deux ans. Je dois donc rester. Même si mon ami Mitt Romney devient le prochain président des États-Unis, je ne le rejoindrai pas à Washington.
LIRE AUSSI :
» HP ne vendra finalement pas sa division PC
Par Marc Cherki
TRADUZIONE:
Whitman riconosce che Apple potrebbe superare HP nel 2012
Parole chiave:informatica,Meg Whitman,HEWLETT PACKARD,APPLE
Da Marc Cherki,aggiornamento 30/11/2011 alle 12:48,pubblicato il 29/11/2011 alle 18:52 Reazioni(11).
-Photo credits:©Mario Anzuoni/Reuters/REUTERS
Iscriviti a Figaro.fr
INTERVISTA-L'amministratore delegato di HP,Meg Whitman,si è data cinque anni per radirizzare il numero uno mondiale delle tecnologie dell'informazione.
Meg Whitman,55 anni,ha guidato il sito di aste eBay dal 1998-2008. Nel 2010,fu sconfitto candidato a governatore della California. Dal 22 settembre, ha preso la testa della Hewlett-Packard(HP),allora in subbuglio. Miliardaria,laureata a Princeton e Harvard,Meg Whitman è stata scelta per rilanciare il numero uno mondiale delle tecnologie dell'informazione.HP è meno redditizia di Apple e IBM, ma la più grande dei ricavi(127,2 miliardi di dollari).Il suo predecessore,Leo Apotheker, aveva previsto questa estate,la vendita dela divisione PC,che controlla il 20% del mercato mondiale,con oltre 40 miliardi di dollari di vendite.Questa decisione ha fatto piombare di un terzo il prezzo delle azioni HP.Al contrario,Meg Whitman ha deciso di rilanciare HP nei PC e le tavolette.
LE FIGARO.-Apple è destinato a diventare numero uno al mondo dei personal computer nel 2012, secondo Canalys.Sei d'accordo con questa previsione?
Meg Whitman.-Sì.Penso che sia possibile se si integrano le tavolette.Apple fa un ottimo lavoro.Dobbiamo migliorare il nostro gioco e i nostri prodotti per riprendere la posizione di leadership.Apple potrebbe passare davanti HP nel 2012.Cercheremo di diventare il campione nel 2013. Ci vuole tempo perche quelli prodotti su qui ho influenza arrivino sul mercato.Perché HP si ha fatto superare da IBM nei server aziendali?Noi siamo stati il campione per molti anni.Abbiamo perso quella posizione a causa della nostra crescente debolezza nei grandi server,utilizzati per le operazioni critiche di business. Stiamo rinnovando la nostra gamma Superdome.
Quando HP sara il numero uno mondiali in termini di profitti?
HP ha un sacco di vantaggi.Il mio obiettivo è posizioneare HP,che ha già 70 anni di storia, per le prossime settant'anni.Abbiamo molto lavoro da fare.Sono qui per dare un futuro al gruppo.I Cambiamenti significativi di una società bisognasno di tre a cinque anni.In cinque anni,HP sarà più forte di oggi.
Perché avete deciso di tenere i PC?
Centinaio di persone,divisi in due echippe,ci hanno riflettut.Un team deve analizzare le ragioni per separarci dal PC,l'altro i motivi per conservarlo.Dopo queste riflessioni,è sembrato chiaro che avevamo bisogno di mantenere questa divisione per tre motivi.La nostra separazione dai PC sarebbe costato quasi $ 1 miliardo di dollari.Poi,l'impatto sui nostri ricavi sarebbe stato troppo alto.Perche le aziende che acquistano i nostri server,le nostre reti e impianti di stoccaggio anche acquistano il PC.Infine,il marchio HP è indiscutibilmente legata ai nostri PC.
Perché iniziare il Slate2,la vostra seconda tavoletta,dopo aver venduto il TouchPad?
Torneremo sugli scaffali del mercato delle travolette.Il Slate 2 ha segnato il nostro ritorno.Abbiamo smesso di usare i prodotti che utilizzano il nostro sistema operativo WebOS. Torneremo nel 2012.Avremo un Tablet Internet che utilizzerà Windows 8 di Microsoft.
Una tavoletta è paragonabile ad un PC?
Non in questo momento.Le tavolette Internet sono utilizzati principalmente per consumare i media ed e-mail.Se si desidera utilizzare software di produttività come quelli di Microsoft, non si può fare.I nostri studi mostrano che bisogna un acquisto supplementare che non violi il mercato dei PC. Questo è un settore importante su cui vogliamo andare.
Cosa farete nel vostro sistema operativo WebOS?
Dobbiamo annunciare la nostra decisione nelle prossime due settimane. Questa non è una decisione facile, perché abbiamo un team di 600 persone, che è nel limbo. Abbiamo bisogno di un altro sistema operativo.
Sieti più cauti sulle acquisizioni?
Nel 2012, dopo l'acquisizione di Autonomy per 7,1 miliardi di libra(8,3 miliardi di euro), dobbiamo ricostruire il bilancio del gruppo. Non dobbiamo fare grandi acquisti.Potrei guardare alle opportunità di sotto di un miliardo, ma non credo che ci prenderemo cura di tali acquisizioni.
Nei servizi, hai la stessa strategia che IBM?
PC,stampanti,server,reti,i storage rapresentano il 70% del nostro fatturato.Noi non desinvestiremo il materiale per i servizi.In quindici anni,IBM è diventato un gruppo orientato verso la consulenza e le tecnologie.Da parte nostra,restermo specializzati in attrezzature all'avanguardia,completato dai software e servizi.
Vuoi aumentare gli sforzi di ricerca e sviluppo?
È auspicabile investire ulteriormente nella nostra ricerca e sviluppo.Non abbiamo riportato un obiettivo alle nostre cifre di affari globale.Dobbiamo investire di più nello storage, reti e server per allinearci con i nostri concorrenti come EMC e Cisco.Il nostro ultimo server,che utilizza un processore ARM è più efficiente in termini di consumo energetico. Abbiamo bisogno di queste importanti innovazioni per differenziarci.
Voi siete a capo di HP,Ginni Rometty a IBM,le donne prendono il potere?
Sì,siamo a capo di tre gruppi high-tech,perché Xerox è guidata da Ursula Burns.Siamo bravi, questo è tutto!Quando mi sono laureato,meno del 20% degli studenti erano donne.Ora sono cosi numerosi come gli uomini.Quindi la loro percentuale va aumentata tra i leader delle grandi aziendede.
Ritornera sulla politica?
A medio termine,no.Ho dovuto assumere per diversi anni.HP ha avuto gia tre amministratori delegati in meno di due anni.Quindi devo rimanere.Anche se il mio amico Mitt Romney diventi il prossimo presidente degli Stati Uniti,non mi unisco con loro a Washington.
Leggi anche:"HP alla fine non venderà la sua divisione PC.
Da Marc Cherki
-TESTIMONIO GRAFICO(adatazione pubblicata nella versione Inglese di "Le Figaro":



.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
P.D.:LA NUOVA ERA NON HA "COMPLESSI DI ELETTRA"
La NUOVA ERA è egemonica nel mondo intero a prescindere del regime imperante:nulla si crea si fabrica o si vende al di fuori dei miei concetti scientifici.Nessuna azienda,o paese dove si sviluppa ha mai arretrato sotto nessun punto di vista sia scientifico,socio-culturale,politico,economico ecc.,e quindi queste scelte della HP e la Meg Whitman,che considero circostanziali e per motivi circostanziali legati a strategie politiche in vista delle prossime elezioni USA,non avranno il sopravento ne dal punto di vista manageriale ne economico e tanto meno politico.
Due parole per quanto riguarda al femminismo delle sue parole:la NUOVA ERA "ama" tutte le donne e per tanto non li fa il preggio di differenziarli(ne degli uomini,ne di altre donne,magari della "generazione delle mamme").E quindi non ha bisogno di fare di loro una "fazione sessuata" per darli il benvenuto con uguali diritti.Questo solo puo giovare a chi tratta di speculare usando la condizione femminile settariamente.Insomma...QUELLO DEL TITOLO.
(Ah la tecnologia NUOVA ERA,che non comprende il PC-fisso, è mobile,personale e,attenti,SENZA FILI :un altro motivo per non avere tali "complessi".Questa volta tecnologicamente parlando:si capisce)

VEDI QUESTO STESSO SCRITTO IN ORIGINE:
http://spaziofavoriticiancimino.splinder.com/post/25750844
 
3 GENNAIO 2011:ATTUALIZAZZIONE
Come voi sapete la NUOVA ERA non fa politica ma visto che è stata chiamata in causa da Withman mi vedo nell'obligo di dare la mia opinione nella corsa elettorale degli Stati Uniti che oggi commincia con le elezioni primarie Repubblicani.Oggi si vota nel caucus di Iowa,un importante test simbolico non che grande in numero di elettori,che di solito vedi il vincitore premiato con la nomination.I sondaggi danno favorito Mitt Ronmey,anche non in forma conclussiva.Il messagio fondamentale agli elttori dice:"l'America è uno stato di OPPORTUNITA e non uno stato benefattore come quelli Europei a cui vorrebbe trasformarlo Obama in nome dell'uguaglianza"Vorrei ricordare Romney che l'America non è uno stato di OPPORTUNITA come vorrebe farci credere la Hillary Clinton ma un paese di LIBERTA.Cosi lo capiamo tutti quelli non Americani che ammiriamo quel paese,e cosi ci lo ha insegnato alla mia famiglia il nostro nonno che ha risediuto in America a principio di secolo molto prima che lui avessi nato,e cosi lo privilegia la visione del mondo della NUOVA ERA.
Qualcuno dovrebbe ricordare ora a Romney che la corsa è per governare gli Stati Uniti di Nord America e non un casino di LAS VEGAS(CALIFORNIA appunto),a qui quello di MONTE CARLO non ha nulla da invidiare.E che le elezioni non sono un gioco al Jack Black.(E nessuno dira che io la penso come Obama.Ma questa è un'altra storia)
 
5 GENNAIO 2011:APPENDICE
Il revival della dottrina MONROE chiaramente percepibbile nel discorso elettorale inoltre,non è acettabile se non viene con un imprescindibile corelato di LIBERTA(gia visto che manca sostituito con una piu o meno riformulazione economicista,e non solo,di matrice NEOLIBERALE ),separazione dello STATO e la RELIGIONE(manca questa laicita data la proclamata condizione di MORMONE della sua candidatura)e di INDIPENDENZA(va della mano della LIBERTA religiosa incompatibile con questa sua reale rapresentanza)
Le possibilita del PRAMMATISMO,corrente di pensiero Americana per definizione, proclamata da Williams James,non puo non tenere conto del limite del "non sense".L'inatteso pareggio elettorale a Iowa con il Cattolico Italo-Americano Rick Santorun impensabile quando ho scritto la "ATTUALIZAZIONE" di sopra,cosi lo testimonia e dovrebbe farlo riflettere.
Pero a questo punto risulta opportuno(scusate)farvi presente che la NUOVA ERA non ha candidature ne preferenza elettorale partitistica di nessun genere.E tanto meno religiosa.Mi limito a segnalare il coinvolgimento della sua visione del mondo la dove accade.
 
19 GENNAIO 2012,ATTUALIZAZZIONE:GIU RONMEY

SCUSATI ERO SBAGLIATO,IN REALTA MITT ROMNEY LE PRIMARIE A IOWA LI HA PERSO.VEDI LA NOTIZIA SSU "LE FIGARO" DELLA FRANCIA:

Primaires US : Santorum remporte l'Iowa
AFP Publié le 19/01/2012 à 16:06 Réactions (6)
S'abonner au Figaro.fr
Le candidat à l'investiture républicaine pour la Maison Blanche, Rick Santorum, a finalement remporté le scrutin de l'Iowa le 3 janvier devant Mitt Romney, proclamé vainqueur le soir du vote, a annoncé le parti républicain de l'Etat en dévoilant le dépouillement final des voix.

Le nouveau résultat certifié par le parti républicain de l'Iowa montre que Rick Santorum a devancé Mitt Romney de 34 voix. Mais les résultats de huit des 1.774 circonscriptions sont introuvables, selon le parti. Le dépouillement final offre donc la victoire à Rick Santorum avec 29.839 voix, contre 29.805 voix pour Mitt Romney.

Mitt Romney, ancien gouverneur du Massachusetts et favori du processus de sélection du candidat républicain qui devra affronter le président Barack Obama en novembre, a remporté, cette fois très largement, la primaire organisée dans le New Hampshire (nord-est des Etats-Unis), la semaine dernière.
TRADUZIONE:Il candidato per l'investitura alla Casa Bianca,Rick Santorum,ha finalmente vinto lo scrutinio di Iowa del 3 Gennaio di fronte a Mick Ronmey,proclamato vincente la sera del voto,ha annunciato il Partito Repubblicano dello Stato nella develazione dello spoglio finale dei voti.
Il nuovo risultato certificato per il Partito Repubblicano del Iowa mostra che Rick Santorum ha sorpassato Mitt Ronmey da 34 voti.Pero il risultato di 1.774 circoscrizioni sono introvabili secondo il partito.Lo spoglio finale offre dunque la vittoria di Rick Santorum con 29.839 voti contro 29.805 voti per Mitt Ronmey.
Mitt Ronmey antico Governatore del Massachuset e favorito del processo di selezione del candidato Repubblicano che dovra confrontare il Presidente Barck Obama in Novembre,ha rimportato,questa volta molto largamente, le primarie organizzate nel New Hampshire(Nord Est degli Stati Uniti),la settimana passata.
("Nota di Redazione":Peccato comunque perche come si sa i risultati influiscono nell'animo votante dell'elettore.Massime quando si tratta della partenza di campagna.Ma questo argomento non è l'ogetto del mio scritto)
22 GENNAIO 20112,EXTRA:E cosi nell'elezione posteriore a New Hampshire in titolari prese dalla BBC:
Gingrich wins in South Carolina
 
.
.
.
.
.
.
.
.
.
 
Newt Gingrich convincingly beats Mitt Romney to win the South Carolina primary, the latest leg of the battle for the Republican candidacy in the US presidential election.
TRADUZIONE: Gingrich vince in South Carolina
Newt Gingrich convincente batte Mitt Romney e vince le primarie della Carolina del Sud, l'ultima tappa della battaglia per la candidatura repubblicana nelle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Vedi questo scritto anche cua: http://espace.canoe.ca/dtgiuseppecianci/blog/view/669322
 
 
23 MAGGIO 2012:FOSSE STATA MALEDIZIONE D'ASINO NON SAREBBE ARRIVATA IN CIELO

Vedi come le mie parole sono diventati la verita in questa nota del Corriere della Sera:

 HP PUNTA A RISPARMIARE 3,5 MILIARDI DI DOLLARI ALL'ANNO

 Hewlett-Packard taglia 27mila posti di lavoro Colosso dell'informatica manda a casa entro 2014 l'8% dipendenti: «Vendite crollate, colpa di smarphone e iPad»

MILANO - Piano di tagli lacrime e sangue per il colosso dei computer Usa, Hewlett-Packard, che ha deciso di mandare a casa 27.000 dipendenti entro il 2014, pari all'8% della sua forza lavoro attualmente composta da circa 350mila persone in tutto il mondo. Alla base della decisione, la sempre maggiore popolarità di smartphones, iPad e altri apparecchi mobili che stanno facendo crollare le vendite dei personal computer.
MAI COSI' TANTI TAGLI - I tagli annunciati mercoledì da HP sono i più sostanziosi mai operati dall'azienda nei suoi 73 anni di storia. L'azienda di Palo Alto spera di evitare i licenziamenti, come molti, offrendo pacchetti di pensionamento anticipato.

3.5 MILIARDI DI RISPARMI - L'azienda, che ha sede a Paolo Alto, in California, con il tagli di posti di lavoro e altre misure di austerità si aspetta di risparmiare fino a 3,5 miliardi dollari ogni anno.
Redazione Online 23 maggio 2012 | 23:30© RIPRODUZIONE RISERVATA

E COSI SU "LA REPUBBLICA":
Hewlett - Packard taglia il personale
A casa in 27mila entro il 2014
Hewlett-Packard taglia il personale A casa in 27mila entro il 2014
 
Il gigante dei computer vara un piano di rigore che ridurrà dell'8% la forza lavoro. Un taglio senza precedenti, dopo anni di crisi a causa della concorrenza di smartphone e tablet
condividi  
-O COSI SU TITOLARI "LE FIGARO" DELLA FRANCIA:
ÉCONOMIE ACTU ECO
S'abonner au Figaro.fr
HP supprime 27 000 emplois dans le monde
Reactions
En France, environ 400 emplois seraient menacés. HP a vu son bénéfice net plonger de 33% à 1,9 milliard de dollars, tandis que son chiffre d'affaires recule de 3 % à 30,7 milliards de dollars
 

12:52 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

15/05/2012

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 96)

martedì 1 maggio 2012

IN INTERNET LIBERO,LIBERO SOFTWARE PER UNA LIBERA NAVEGAZIONE:HTLM 5,UN LINGUAGGIO DELLA "NUOVA ERA"

1)-INTRODUZIONE: "L'INTERNET VERAMENTE LIBERA LASCIA INTENDERE UNA LIBERA NAVEGAZIONE,E PERCHE QUESTO SUCCEDA PIENAMENTE E' IMPRESCINDIBILE IL SOFTWARE LIBERO":Questo ennunciato potrebbe essere la sintesi di questa pubblicazione.E il video che vedrete di seguito li da un fondamento: 

(CUA PUOI LEGGERE IL DISCORSO INTERO IN LINGUA INGLESE,FRANCESE E ITALIANA: http://docs.google.com/View?id=dg8k66gs_44cg75chfk

E vedi il video anche sulla mia pubblicazione originale: http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/01/blog-post.... )

2)-IL POST SUI MIEI "FATTI INTERNI":

Lo scritto che vedrete di seguito è stato inizialmente pubblicato come POST fra i miei "FATTI INTERNI" a modo di semplice e circostanziale denuncia di fronte ad una difficolta("tecnica" se vuoi)sul mio vecchio WINDOWS 98 (che tra l'altro mi resisto ad abbandonare).Potrebbe essere benissisimo anche la seconda parte di una mia pubblicazione anteriore sull'argomento: http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/12/servizio-a...

Non è cosa da poco trovare soluzioni di software nelle mie condizioni ma sospetto che questa sia una difficolta non tanto personale e circostanziale ma piu generica che fa all'essenza stessa della navegazione di tutti su Internet.Ed è un argomento di qui se ne parla poco ma secondo me gli internauti dovrebbero affrontarlo con piu rilevanza.

Ora vedi questa mia pubblicazione sui "FATTI INTERNI":

"17 APRILE 2012:OPERA MIA

-DENUNCIA PUBBLICA: Ho voluto usare su You Tube "HTML 5 " che vi permette prescindere dei prodotti Macromedia Flash Player di ADOBE (che ha quasi il monopolio per queste prodotti Flash)e cosi osservare un video portato su una pagina del Washington Times nell'articolo "Apple fixed e-book prices,Feds report-Washington Times"( Wednesday,April 11,2012 )

A tale scopo mi sono preso il lavoro di cercare e installare sul mio computer uno dei Browser compatibili consigliato da YouTube,cio'è Opera 10.10 con la sgradevole sorpresa pero che You Tube mi informa che il mio navigatore non è compatibile con "HTML 5 Video Player" .

La mancanza è chiaramente individualizzabile pubblicamente come vedete sotto in una trascrizzione di YouTube ( http//www.youtube.com/html 5 )dove prima mi informa che il Browser Opera 10.6+(cio'è 10.6 o "piu recenti" come è il mio caso )è supportato e sotto, dopo,sulla stessa pubblicazione mi informa che il mio Browser,non è supportato. Voglio dirlo pubblicamente perche questa mi pare una grave mancanza etica verso l'utente.

-VEDI LA PAGINA DI "YOUTUBE" SULL'OPERA BROWSER:

"YouTube HTML5 Video Player

This is an opt-in trial of HTML5 video on YouTube.

If you are using a supported browser, you can choose to use the HTML5 player instead of the Flash player for most videos. Your comments will help us improve and perfect the mixtures we're working on. So jump in, play around, and send your feedback directly to the brains behind the scenes.

Supported Browsers

We support browsers that support both the video tag in HTML5 and either the h.264 video codec or the WebM format (with VP8 codec).

These include:

Firefox 4 (WebM, Available here)

Google Chrome (WebM)

Opera 10.6+ (WebM, Available here)

Apple Safari (h.264, version 4+)

Microsoft Internet Explorer 9 (h.264, Available here, WebM support avaliable here)

Microsoft Internet Explorer 6, 7, or 8 with Google Chrome Frame installed (Get Google Chrome Frame)

Fullscreen support is partially implemented. Pressing the fullscreen button will expand the player to fill your browser. If your browser supports a fullscreen option, you can then use that to truly fill the screen

If you want to find videos with WebM formats available, you can use the Advanced Search options to look for them (or just add &webm=1 to any search URL)

Additional Restrictions (we are working on these!)

Videos with ads are not supported (they will play in the Flash player) On Firefox and Opera, only videos with WebM transcodes will play in HTML5 If you've opted in to other testtube experiments, you may not get the HTML5 player (Feather is supported, though)

-What does my browser support?:Video tag,h.264,WebM

-Your browser does not support HTML5 video with our site.

" CLICCA TESTIMONIO GRAFICO DEL TESTO DI YOU TUBE VISTO SUL BROWSER "OPERA"

-SU QUEST'ALTRA PAGINA SU YOU TUBE IN LINGUA FRANCESE LA SEGNALAZIONE DELL'OPERA 10.6+ COME BROWSER SUPPORTATO DAI V.IDEO IN HTLM 5 CONSIGLIATO DA YOU TUBE E' PIU CHIARA: http://1.bp.blogspot.com/-KJdnPMMGOAs/T7B1I6IzN9I/AAAAAAA...

 

 

 

 

 

 

 

PD:Come detto Opera 10.10 è il mio Browser e dovrebbe essere perfettamente compatibile.(Ah....."Opera",uno stranno Browser,in quanto molto veloce ma non conta con un ricercatore propio utilizzando il motore Web di Google, e che causa guai alla navigazione con costanti e eccesivi secondo me,intromissioni della sicurezza,richiede con insistenza venga caricato una versione posteriore,l'ultima,Opera 12 per l'appunto .)

-ATTUALIZAZZIONE (18 APRILE 2012)

IN OGNI MODO SONO RIUSCITO AD ADOPERARE "HTLM 5" E VEDERE IL VIDEO IN QUESTIONE,E ANCORA PIU IN GENERE ADEGUARE IL MIO INSIEME TECNOLOGICO ESPRESSIVO ALLE ALTE ESSIGENZE DELLA NAVIGAZIONE DELLO SPAZIO ONLINE MODERNO GRAZIE AL SOFTWARE LIBERO(A CUI,PARADOSSALMENTE IL BROWSER OPERA NON E' ESTRANEO)ED OPEN SOURCE,DA CUI SONO FERVENTE SOSTENITORE,SENZA SOTTOMETTERMI ALLA DETTATURA DI CERTI TECNICI NE LA LOGICA COMMERCIALE DEGLI AVVERSARI DELLA "NUOVA ERA", SIA DELLA SUA TECNOLOGIA CHE LA SUA VISIONE DEL MONDO. (MI SONO ANCHE PRESO IL LAVORO DI SCARICARE OPERA 10.6 DOVE SI FUNZIONA IL VIDEO.NON COSI IN TUTTI LE VERSIONI "PIU RECENTI" COME LA MIA,APPUNTO)

(1)VEDILO ANCHE TU:

E CLICCA PER VEDERE IL TESTIMONIO GRAFICO DELL'ARTICOLO DEL WASHINGTON TIMES:

-EPILOGO:NE AVEVO BISOGNO DI QUESTO VIDEO PER QUESTA PUBBLICAZIONE

"lunedì 5 marzo 2012 LA NUOVA ERA NON SI CONGREGA NELLA SPAGNA II" http://www.cianciminotortoici.blogspot.com/2012/03/la-nuo... "

(FINE DEL POST CHE PUOI VEDERE DIRETTAMENTE CUA: http://blog.libero.it/CIANCIMINO/11240008.html )

3)-EPILOGO:Come vedi non sono un attivista del libero software,e non ho ne meno una conoscenza approfondita sull'argomento.Non pretendo ne anche fare di cio una "causa",solo mi limito a segnalare una mia esperienza personale nel ordinario uso della rete,e dare il mio testimonio con la speranza che serva come contributo alla navegazione su Internet veramente libera(ed evitare,inoltre,si ripetano queste "mancanze"). Al riguardo,e come essempio,io posso usare un Browser "di ultima generazione" che mi è di grande utilita,grazie al Software Libero suggerito sul sito della BBC(anche tanti altri lo fanno)e puoi scaricarlo anche tu cua: http://sourceforge.net/projects/kmeleon/files/k-meleon/1....

Sul sito viene dato grande rilievo all'argomento del Software libero : http://www.framasoft.net/

7 APRILE 2012: DIETRO LE QUINTE:HTML5 UNA TECNOLOGIA DELLA "NUOVA ERA"

La recensione che vedrete di seguito chiarisce cosa è la tenologia HTLM 5 e lascia capire perche è un linguagio della "NUOVA ERA".

HTML5: Il Web Si Aggiorna, Il Tuo Browser è Pronto ?

HTML5 è la quinta versione del più diffuso linguaggio di presentazione dei contenuti web. Attualmente è ancora in lavorazione con lo scopo di ottenere nuove prestazioni finora possibili solo in maniera non-standard, ossia mediante il ricorso a plug-in o a estensioni proprietarie dei vari browser. L’HTML5 si propone come evoluzione dell’attuale HTML 4.01 ed è stato concepito in alternativa al progetto ormai abbandonato di XHTML 2.Secondo le stime del World Wide Web Consortium, l’organismo internazionale che ha lo scopo di migliorare gli esistenti protocolli e linguaggi per il World Wide Web e di aiutare il web a sviluppare tutte le sue potenzialità, ha annunciato che sarà pronto per il luglio 2014.Avevamo già anticipato che è possibile Testare l’HTML5 sul Browser in totale autonomia grazie al sito html5test.com, dove si può sottoporre il proprio browser ad un test di compatibilità con il nuovo standard. Anche se mancano ancora due anni, i team di sviluppo dei principali browser stanno lavorando alacremente per non mancare l’appunto, ma chi di loro sta lavorando meglio?

HTML5: Il Web Si Aggiorna, Il Tuo Browser è Pronto ?

Attualmente il browser con il miglior supporto è Chrome 17, che totalizza 374 contro i 332 del scondo classificato: Firefox 10. Terza piazza per Opera 11.60 fermo a 329. Più distaccato il browser di casa Apple, Safari 5.1, fermo a quota 302. Fanalino di coda Internet explorer 9 con soli 141 punti.

Per quanto riguarda il comparto mobile, il browser multipiattaforma Opera Mobile 12 si piazza al primo posto (battendo addirittura il suo “cugino” per ambiente Desktop), mentre Apple si prende la sua rivincita verso Google poichè il broser di IOS5 batte il miglior browser Android 305 a 256.

Ci si potrebbe chiedere perché preoccuparsi ora di uno standard che impiegherà almeno altri due anni ad essere approvato e per finire nelle mani di chi si occupa dell’Editing dell’HTML. La risposta è semplice, molti webmaster stanno iniziando ad utilizzare le nuove possibilità offerte da HTML5, per rendere l’esperienza di navigazione più accattivante. Fino ad oggi certi risultai erano ottenibili solo in flash, ma con una serie di problemi derivanti dal supporto non ottimale, sopratutto sui dispositivi mobili. Inoltre molti motori di ricerca avevano problemi ad indicizzare i contenuti, relegando di fatto l’uso di flash, nei siti in cui la multimedialità aveva il sopravvento sui contenuti.

HTML5 promette di superare questi problemi fornendo una tecnologia standard, supportata da tutti, compresi i dispositivi a elevata mobilità. Un giorno i problemi di compatibilità dei browser saranno solo un ricordo, e il cammino verso quel giorno è già cominciato.

TESTIMONIO GRAFICO:

 

 

 

 

 

 

 

REAZIONE:Questo articolo di Alessandro Maggi che tu puoi leggere direttamente di seguito e dove daltronde troverai anche un semplice Test per sapere se il tuoi Browser supporta HTTLM5,mette le cose in chiaro e mi da ragione a quanto detto sopra: http://ziogeek.com/html5-il-web-si-aggiorna-il-tuo-browse...

1)Risulta ovvio che questa tecnologia viene trascinata dal diffondersi della NUOVA ERA,cio'è del mobile:è,quindi,una tecnologia della NUOVA ERA

2)Di queste parole risulta ovvio anche che gli interessi commerciali,principalmente dai venditori di sistemi operativi,e i software ad essi funzionali come browser ,contenuti multimediale,ecc,ecc non sono molto interessati a questo linguaggio.

3)Per parlare chiaro il 95 o piu per cento dei sistemi operativi e i software ad esso collegati appartiene a Windows di Microsoft che daltronde come vuoi sapete è il piu conservatore degli operatori su Intenet puntando ancora sul PC fisso(ma non solo,stessa cosa per Hawlet and Packard ed altri)

4)Quindi non è un caso che Internet Explorer sia chi meno supporta HTML5 e Google,per l'appunto il Browser CROME(e You Tube una sua estensione aziendale) che è avanguardia della NUOVA ERA e chi piu e meglio a adoperato i miei concetti,sia avanti anche nel uso e sviluppo di questo linguaggio.

EPILOGO:Si veda l'importanza rivoluzionariamente positiva della NUOVA ERA,sempre piu consolidata,e daltronde sempre piu necessario il LIBERO SOFTWARE.

07:19 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

03/05/2012

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 94)

LA NUOVA ERA NON SI CONGREGA NELLA SPAGNA II

VEDI DI SEGUITO SU "LE FIGARO" DELLA FRANCIA LA NOTIZIA DI UN CONVEGNO SUL MOBILE IN BARCELONA:

Les nouvelles tablettes jouent leur différence face à l'iPad 3

Mots clés : Android, GOOGLE

Par Benjamin Ferran Mis à jour le 01/03/2012 à 20:30 publié le 01/03/2012 à 19:07

Réactions (23) . . . . . . . . .

 

 

 

 Sur le stand Samsung au Congrès du mobile de Barcelone (Benjamin Ferran/Le Figaro).

Quelques jours avant le lancement de la nouvelle tablette d'Apple, les fabricants de tablettes ont exposé leurs nouveautés à Barcelone. La tendance: le retour du stylet et une surenchère dans la puissance.

Apple joue les trouble-fêtes. Mardi soir, alors que la plupart des fabricants de tablettes présentaient leurs nouveautés au Congrès mondial du mobile à Barcelone, les médias ont été conviés à assister, la semaine suivante, au lancement du prochain iPad depuis San Francisco.

Durant quatre jours, les géants de l'électronique ont pourtant tout fait pour faire oublier l'iPad et marquer leur différence. Deux d'entre eux, Samsung et LG, ont choisi de livrer leurs nouvelles tablettes avec un stylet, suivant en cela HTC, qui s'était lancé dès l'an dernier sur ce créneau. Cet accessoire, qui permet d'écrire et ou de dessiner avec plus de précision sur l'écran, est récusé par Apple, qui ne croit qu'en l'écran tactile.

Une bonne part du stand de Samsung était ainsi dédiée à la Galaxy Note, disponible en deux versions. La plus petite, lancée en octobre, est à mi-chemin entre la tablette et le smartphone (écran de 5,3 pouces de diagonale) et peut faire office de téléphone. Le nouveau modèle, deux fois plus grand (10,1 pouces), est d'un format plus proche de l'iPad. Samsung y installera des logiciels spécialement développés pour le stylet ainsi qu'une suite de logiciels créatifs conçus par Adobe. LG, dont le stand était à quelques pas de celui de Samsung, accordait lui aussi une large place à une tablette tactile accompagnée d'un stylet. Capable elle aussi de faire office de (gros) téléphone, la LG Vu adopte un écran en format 4/3, supposé être plus agréable pour lire des livres ou des magazines. Vendue dans un premier temps en Corée du Sud, elle sera livrée avec des outils pour les professionnels, facilitant la prise de notes et l'annotation de pages Web.

Pas d'innovation dans les écrans

Les autres concurrents d'Apple, qui n'ont pas cédé à la mode du stylet, ont de leur côté choisi de miser sur la puissance graphique face à l'iPad. Les chinois Huawei et ZTE, très en vue durant le salon de Barcelone, ont présenté tous deux des tablettes dotées de puces à quatre cœurs, deux fois plus que l'iPad actuel. Asus a lui préféré l'originalité avec le PadPhone, un ordinateur portable qui peut se transformer en tablette ou en smartphone.

Durant le salon, aucun fabricant ne s'est en revanche aventuré sur le terrain de la résolution de l'écran, où l'iPad 3 est très attendu. La nouvelle tablette d'Apple devrait en effet pouvoir afficher deux fois plus de pixels sur la même surface, et atteindre la même qualité que sur les smartphones haut de gamme. Ce type d'écran, dit «Retina display», est plus compliqué à produire, et donc plus cher. Il pourrait provoquer des difficultés d'approvisionnement d'iPad 3, selon le site DigiTimes.

Les concurrents d'Apple n'ont pas non plus proposé d'avancées majeures dans le logiciel. Ils restent en effet dépendants des avancées d'Android, dont ils ne maîtrisent pas le développement. Or, le système souffre d'un manque d'applications et n'est pas encore aussi attrayant que dans les smartphones, a reconnu le responsable du mobile chez Google, Andy Rubin. En deux ans, il s'est vendu 12 millions de tablettes Android, contre 50 millions d'iPad. Pour inverser la tendance, Google souhaite encourager les développeurs à écrire des logiciels compatibles avec tous les types d'écrans.

LIRE AUSSI:

iPad 3: les évolutions les plus attendues

» Samsung joue la carte de la rupture technologique

» Smartphones: les fabricants chinois ambitieux pour 2012

TESTIMONIO GRAFICO:

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
TRADUZIONE: Le nuove tavolette fanno giocare la loro differenza contro l'iPad 3
Tags: Android, GOOGLE
Di Benjamin Ferran
Aggiornato il 2012/01/03 alle ore 20:30 posted on 2012/1/3 alle 19:07
reazioni (25)
FOTO:Presso lo stand Samsung al Mobile Congress di Barcellona (Benjamin Ferran / Le Figaro).
Pochi giorni prima del lancio del nuovo tablet di Apple, i produttori di tavolette hanno esposto le loro nuovita a Barcellona. La tendenza: il ritorno dello stylet e di una escalation nella concorrenza. Apple gioca di guastafeste. Martedì notte, mentre la maggior parte dei produttori di Tavolette hanno presentato la loro ultima novita al Congresso Mondiale del Mobile di Barcellona,i media sono stati invitati a partecipare la settimana successiva al lancio del prossimo iPad da San Francisco. Per quattro giorni, i giganti dell'elettronica hanno per tsanto fatto di tutto per farci dimenticare l'iPad e marcare la loro differenza. Due di loro, Samsung e LG, hanno scelto di consegnare le nuove tavolette con uno stylet, a seguito di HTC, che è stato lanciato l'anno scorso in questa nicchia. Questo accessorio, che consente di scrivere o disegnare con più precissione sullo schermo, è respinto da Apple, che crede solo il touch screen. Gran parte dello stand Samsung ed è stato dedicato alla Galaxy Note, disponibile in due versioni. La più piccola,lanciata nel mese di ottobre, è a metà strada tra il tablet e smartphone (schermo 5.3 pollici in diagonale) e può fungere da telefono. Il nuovo modello, due volte più grande (10,1 pollici), è un formato più vicino al iPad. Samsung installerà software appositamente sviluppato per lo stylet e una suite di software creativo progettato da Adobe. LG, il cui stand era a pochi passi dalla Samsung, ha anche dato un posto grande ad una Tavoletta tattile accompagnata da uno stylet. Essa in grado di agire come un (grande) telefono, la LG Vu adotta uno schermo in formato 4/3,immagimato per essere più piacevole leggere libri o riviste. Inizialmente venduta in Corea del Sud,verra liberata al mercato con strumenti per professionisti, facilitando l'assunzione di note e annotazione delle pagine web. Nessuna innovazione nei display/schermo) Gli altri concorrenti di Apple, che non hanno ceduto alla moda dello stylet, per parte loro hanno scelto di concentrarsi sulla potenza grafica contro la iPad.I Cinesi Huawei e ZTE, molto visti durante la mostra di Barcellona,hanno presentato ogni uno due Tavolette dotati di chip a quatro colori , due volte piu dell'iPad attuale. Asus ha preferito l'originalità con il Padphone, un computer portatile che può trasformarsi in un tablet o smartphone. Durante la manifestazione, nessun produttore si ha, tuttavia, avventurato nel campo della risoluzione dello schermo, dove l'iPad 3 è attesissimo. Le nuove tablet di Apple dovrebbero infatti essere in grado di visualizzare un numero doppio di pixel sulla stessa superficie, e raggiungere la stessa qualità degli smartphone di alta gamma. Questo tipo di schermo, detto: "Retina-display ", è più complicato da produrre, e quindi più costosi. Potrebbe causare problemi di approvvigionamento dell'iPad 3,secondo il sito DigiTimes. I concorrenti di Apple non hanno proposto importanti progressi nel software.Restano infatti dipendenti dei progressi di Android.dove loro non controllano lo sviluppo. Tuttavia, il sistema soffre di una mancanza di applicazioni e non è ancora così attraenti come i smartphone, ha riconosciuto il capo del mobile a Google, Andy Rubin. In due anni ha venduto 12 milioni di compresse Android, contro 50 milioni di iPad. Per invertire la tendenza, Google vuole incoraggiare gli sviluppatori a scrivere software compatibile con tutti i tipi di schermi. Leggi anche: iPad 3: gli sviluppi più attesi "Samsung gioca la carta della ruttura tecnologica Smartphone: "ambiziosi produttori cinesi nel 2012 Di Benjamin FerranGiornalista
 
IL MIO COMMENTO:OLTRE AL FATTO CHE TUTTI QUESTI PRODOTTI TECNOLOGICI MENZIONATI SOPRA,ASSOLUTAMENTE TUTTI SENZA ECEZZIONE,SONO TRIBUTARIE DEI MIEI CONCETTI SCIENTIFICI-TECNOLOGICI SULLA NUOVA ERA,E PARTICOLARMENTE DI QUELLI CHE HANNO DATO ORIGINE ALL'"ETA DEL MOBILE" E LA PIATTAFORMA UNICA CON INTEGRAZIONE DI ALTRE FUNZIONI LEGATI ALLE TELECOMUNICAZIONI AL DI FUORI DEI QUALI NULLA SI CREA SI FABRICA O SI VENDE(CASO LAPTOP,TAVOLETTE,SMARTPHONE E TUTTI I TIPI DI COMBINAZIONI DI MEDIA CHE VUOI);MA ANCHE DI QUELLI CHE HANNO A CHE FARE CON LA RICERCA DI NUOVE FORME DI COMMANDI;RESTA IN PIEDE CHE LA NUOVA ERA NON SI CONGREGA NELLA SPAGNA. VEDI DI SEGUITO NEI POST PREVIE IL MOTIVO E GLI ANTECEDENTI:
 
EPILOGO:NON MI RESTA CHE RIBADIRE LA MIA ESTRANEITA E QUELLA DELLA NUOVA ERA SU QUANTO SUCCEDE O SUCCEDERA IN QUESTO CONVEGNO(CNATURALMENTE INUTILE DIRE CHE NON HA RAPPORTI NE DIRETTI NE INDIRETTI CON QUESTE MIE PAGINE),METTERMI QUESTA VOLTA DALLA PARTE DI iPAD(SENZA DUBBI APPLE E' UN GRANDE "MATERIALIZZATORE",PER DIRLA IN ALCUN MODO, DELLE MIE IDEE COME SONO LE TAVOLETTE O L'i'PHONE)CHE CON IL SUO ATTEGIAMENTO IMPRENDITORILE NON LASCIA CADERE A VUOTO QUESTA MIA "PREFERENZA",E SEGNALARE QUINDI "L'USCITA DI STILE" DEI PARTECIPANTI PER QUANTO RIGUARDA ALL'ANDAMENTO DELLA TECNOLOGIA DELLA NUOVA ERA E LA SUA DIFUSSIONE,
 
21 MARZO 2012:QUALCHE GIORNO DOPO...........LA NUOVA ERA VALE:
Come è andata a APPLE il lancio della sua iPad?:Vedilo in una nota di "The Guardian"(GB):

.
.
.
Il nuovo iPad corre più caldo rispetto alla temperatura della pelle,dicono i reporters

I tests del sito Olandese "Dutch technology site" suggeriscono che l'iPad 3' potrebbero avere una temperatura più calda di 32 ° C, mentre le vendite di iPad3 raggiungono nuovi top di 3milioni in tre giorni.

Charles Arthur
guardian.co.uk, Martedì 20 Marzo 2012 18,27 GMT

.
.
.
.
.
.
.
.
.
Andando a ruba: la gente aspetta in una strada di fronte a un negozio Apple per il nuovo iPad. Fotografia: Michaela Rehle/Reuters
Il "nuovo iPad" - 3 iPad AKA - opera a una temperatura superiore rispetto al suo predecessore, secondo i test. E ci sono persone che si lamentano in forum di supporto che ci si sente "hot" ,perche sembra che quando si comincia a funzionare il caldo va al di sopra della temperatura della pelle normale.
Le relazioni non hanno finora rallentato le vendite del dispositivo, di cui sono stati acquistati 3milioni nei primi tre giorni in vendita in soli 12 paesi, notevolmente superiore a quella del lancio del suo predecessore l'anno scorso.
I reporter della sua temperatura durante il funzionamento hanno portato il consumatore americano Consumer Reports watchdog, che in precedenza aveva declassati il rating degli
iPhone 4 dopo aver determinato che la sua antenna esterna potrebbe portare alla perdita di ricezione, di annunciare che indagherà i rapporti.
Secondo il sito olandese Tweakers.net tech, quando si esegue il software GLBenchmark, dopo cinque minuti il nuovo iPad era in esecuzione al 33.6C (92.5F), mentre l'iPad 2 è stato in esecuzione a 28.3C (82.9F).
Questa è una differenza di 5.3C o 9.5F Rispetto alla temperatura del corpo centrale (37 °), che non è cosi rovente. Ma soprattutto, rispetto alla temperatura della pelle normale, attraversa una chiave divisoria ,la barriera di (89.6F) 32C. Questa è la temperatura della pelle normale, secondo il consenso medico.
Ciò significa che mentre il nuovo iPad non sembra essere frizzantemente caldo al tatto, sembrerà di essere calda in particolare - ed è probabile che la causa dei commenti nei forum di supporto di Apple e altrove, con almeno un commentatore dire il suo iPad era in esecuzione al 96.8F (36C). Alcuni dei rapporti hanno detto che il punto più caldo era nella posizione del processore all'interno del caso.
Il nuovo iPad ha un processore grafico più potente per gestire il numero di pixel quadruplicato nel suo "display retina" sullo schermo.Apple ha rilasciato una dichiarazione dicendo che le prestazioni dell'iPad è stato a "ben operare all'interno delle nostre specifiche termiche" e ha detto: "Se i clienti hanno dubbi devono contattare AppleCare"
Durante il test del Guardian del nuovo iPad, spesso condotte a fianco di un iPad 2, nessuna differenza significativa è stata notata nel riscaldamento del nuovo modello, che comprende il circuito 4G.
Apple ha detto il Lunedi di aver venduto 3 milioni di nuovi iPad fin dal suo lancio il Venerdì, e un numero imprecisato di 2s iPad. Phil Schiller, il suo capo marketing, ha detto che era "il più forte iPad lanciato fin ad ora ".
Certo, il dispositivo ha venduto sostanzialmente migliore anche rispetto al suo predecessore nel suo primo week-end: l'iPad 2 è stato lanciato il 25 marzo 2011 in 26 paesi. Tuttavia, i suoi primi due giorni di vendita di cui gli ultimi due giorni del quartiere finanziario di Apple, durante il quale l'azienda ha venduto 4.69m iPads.
Il nuovo iPad sembra essere significativamente più veloce di vendita pur essendo stato in vendita in 12 paesi inizialmente, con il rilascio in molti più attesi nelle prossime settimane.
CLICCANDO SULLA FOTOCOPIA POTRAI VEDERE E LEGGERE LA NOTA DIRETTAMENTE(Inglese):

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
-E cosi su "La Repubblica" di Italia:

MERCATO
Apple, tre milioni di iPad in tre giorni
Le prime lamentele: "Si riscalda troppo"

E' boom di vendite per il nuovo tablet della Mela, il triplo del precedente modello al debutto e un milione meno dell'ultimo iPhone. Cook distribuisce dividendi e dichiara di voler investire sull'innovazione. Tra gli utenti le prime reazioni al dispositivo sono positive, ma non mancano le segnalazioni di problemi di TIZIANO TONIUTTI
.



.
.
.
.
.
.
.
.
.
IL NUOVO IPAD vende bene, anzi da boom: Apple parla di 3 milioni di pezzi nel fine settimana dell'uscita, tre volte il risultato di iPad2 nel weekend di lancio. E cifre che ricordano quelle dell'iPhone 4s, oltre quattro milioni di pezzi al debutto. Nei negozi il nuovo tablet però non scarseggia come accaduto in occasioni analoghe, e l'opinione della Rete si è subito divisa tra chi parla di un iPad meno appetibile dei precedenti, e tra chi dice che semplicemente stavolta Apple ha rifornito adeguatamente i punti vendita. I numeri diffusi da Cupertino però sono ottimi e entrano di diritto nell'elenco delle cifre che Apple ha tirato fuori ieri dal cappello magico dei bilanci. Per la prima volta in 17 anni, la Mela distribuirà un dividendo 1 ai propri azionisti, dal quarto trimestre dell'anno fiscale 2012 pari a 2,65 dollari per azione.

IMMAGINI: LE APP IN HD DEL NUOVO IPAD 2

L'economia della Mela.
L'annuncio era lungamente atteso e anche abbastanza previsto. Le parole dell'ad Tim Cook denotano strategie però oltre che di distribuzione, anche e soprattutto di investimento, anche nell'azienda: Cupertino prevede un buy-back delle azioni
per 10 miliardi di dollari, la prima vera mossa economica pubblica del Ceo, ma ce n'è stata un'altra dietro le quinte: anche se il nuovo iPad costa come il precedente all'utente finale, è un prodotto più costoso da realizzare. Soprattutto per via del nuovo display Retina, ma non c'è nulla di simile sul mercato e si tratta di una tecnologia che sintetizza un forte valore tecnico ed estetico, ormai la cifra riconosciuta di Apple. Quelli sul nuovo tablet sono comunque investimenti che a giudicare dai numeri appaiono ben misurati: oltre ai 3 milioni di nuovi iPad, le azioni Apple sono schizzati ai massimi di tutti i tempi a 604,82 dollari per azione dopo aver chiuso per la prima volta sopra i 600 dollari, nelle contrattazioni after-hours. Cook dice, ''L'innovazione resta la nostra priorità, queste decisioni non chiuderanno alcuna porta per noi'', ma sembra anche un Ceo molto attento ai conti. E parla dall'alto dei 97,6 miliardi di dollari di liquidità nelle casse di Cupertino. Che dovrebbe rimanere stabile nonostante i dividendi e il buy back: sono circa 45 miliardi di dollari di uscite previste. E poi c'è in ballo anche una richiesta al Governo, assieme ad altre aziende, per uno scudo fiscale sul rientro dei capitali all'estero. I conti comunque dicono che dal 2011 al 2012 la liquidità di Apple è aumentata di 38 miliardi di dollari. Secondo le stime di Piper Jaffray anche se Apple dovesse bruciare 15 miliardi l'anno in dividendi e riacquisto di azioni proprie, alla fine dell'esercizio fiscale 2013 avrà in cassa 180 miliardi di dollari. Numeri chiari come il display Retina.Gioia e lamentele. E proprio grazie al display Retina, chi ha provato il nuovo iPad racconta nella stragrande maggioranza dei casi di un'esperienza di livello superiore rispetto al precedente dispositivo, per la qualità di definizione delle immagini e delle pagine da leggere. Ma proprio dalle richieste energetiche del nuovo schermo potrebbero arrivare i primi problemi per questo iPad, forse dalle potenti batterie che alimentano il visore. E che farebbero surriscaldare il dispositivo nell'angolo inferiore sinistro, al punto che qualche utente ha riscontrato messaggi di errore e blocco del sistema per il calore, con sullo schermo la scritta "iPad deve raffreddarsi prima di essere utilizzato ancora". Apple al momento non commenta sulla vicenda, ma il tam tam in Rete si amplifica e l'azienda potrebbe dover rispondere a breve con un aggiornamento software, come accaduto per i problemi all'antenna di iPhone 4.
(20 marzo 2012) © Riproduzione riservata

EPILOGO:La strategia di Apple,che in fondo è in sintonia con il mio rifiuto di "operare" nella Spagna,non gli ha fallito.E se il convegno in Barcellona non è stato annientato,è rimasto minimizzato al massimo dopo il boom di vendite veloci e massiccie in oltre 10 paesi simmultaneamente dell'iPad 3:3 milioni di unita nei tre primi giorni parla di quanto sia assimilata la visione del mondo della NUOVA ERA,nell'universo intero
E io quanto meno posso dire non senza sodisfazzione che trovarsi compreso in queste pubblicazioni non porta sfortuna.Ne meno per Apple che come avete visto non li ho risparmiato critiche a Jobs.Ne meno lode dove meritate secondo l'intendere della NUOVA ERA.(1)
E non è stata questa la prima volta,cosi succede di solito con queste mie pubblicazioni che si sono convertiti nella network piu influente ed estessa al mondo in materia di Telecomunicazioni(e non solo).
Non ho dubbi che la menzione in queste pagine è in certo modo una buona carta di presentazione per un successo anche commerciale.Ne sono conscio ma non faccio propaganda.Non ho compromessi con nessuno oltre alla verita scientifica.(E chi cosi non lo creda potrebbe trovarsi con delle sorpresse sgradevole)
(1)-Teneti presente che l'iPad altro non è che una materializzazione dei miei concetti sui supporter mobili,personali con integrazione di diversi tecnologie della telecomunicazione,qualcosa a meta cammino fra lo Smartphone e il Laptop in questo caso:nessuna creazione o novita scientifico-commerciale insomma,e cosi l'ho segnalato in queste pagine.Anzi oggi,e da molto tempo fa,nulla si crea,si fabrica o si vende al di fuori del mio concetto di integrazione dell'espressione tecnologica dei sensi dell'espressione e la comunicazione umana in un solo supporter personale,mobile e senza fili.(Ispiratomi delle letture delle Neuroscienze,particolarmente i rapporti fra Neurologia e psichiatria,e la Robotica fra altre)
E tanto è cosi che la stampa specializzata parla di "iPad il killer del PC":un'altro mio concetto in sintesi.Una NUOVA ERA nelle Tecnologie delle Telecomunicazioni e la sua visione del mondo in sintesi.La mia opera in sintesi.
(Ah... per quanto riguarda alla temperatura NON CREDO sia un fattore determinate che incida nel buon andamento della sua vendita.E poi la ditta ha gia annunciato che fara correzione di questa "problematica transformazione termica".)
 
 13 APRILE 2012:IL GIORNO DOPO

-E INVECE POTREBBE PORTARE SFORTUNA....
Avrei preferito chiudere questo argomento cui ma ho appreso di due risvolti su questa stessa vicenda:
Vediamo:nel medesimo atto della commercializazzione di iPAD 3 per parte di APPLE,l'azienda ha fatto un accordo con diverse editoriali per la commercializazzione degli E-book sul Tablet.Questo non ha gradito alla concorrenza,verbigrazia AMAZON,e ha intervenuto il dipartimento di Giustizia USA con l'accusa di alzare il prezzo di vendita.D'altronde simili accuse li vengono fatte in Europa per parte della Comunita Europea la piu precisamente dalla commissione per la concorrenza diretta dallo Spagnolo Almudia.
In realta il sottosfondo di queste due attachi a APPLE e le sue editoriali alleati viene rapresentato dall'antica polemica datata dall'inizio stesso della pubblicazione del mio libro fra due modi di concepire la difussione e conservazione della cultura,particolarmente in questo caso il libro.Vi la racconto:io sono un fervente sostenitore della carta stampata come supporto del libro e piu in genere la cultura.Il mio libro inizialemte e per varie anni,fu pubblicato solo in carta stampata,mi sono resistito ad attingere ad INTERNET.Purtroppo per le particolari condizioni in cui mi trovo nel posto dove risiedo circostanzialmente per motivi non voluti mi è stato impossibile pubblicare il libro in lingua Italiana e per tanto sono approdato su Internet per darlo in difussione pero non senza la resisitenza accanitta degli editoriali. .Il web è un ottimo diffusore e non mi pento di essere su questo mezzo che inoltre ha mutato di essenza in parte per il mio lavoro.
Oggi siamo lontano da quelli inizi e le telecomunicazioni sono entrate in una NUOVA ERA diventando senza fili,inoltre l'antico PC fisso ha lasciato il posto al supporto mobile dertivato dai miei concetti.Questo ha dato luogo sia agli Smartphone che i Tablet che hanno possibilitato questo successo planetario dell'E-book,pero le posizioni in disputa sono rimasti li stessi:succede che l'E-book e un ottimo difussore ma secondo me la carta stampata non è stata superata come supporto per la conservazione del libro.In coerenza con questi concetti,e senza entrare nel merito della disputa, sono del parere che i protagonisti della vendita,pur accetando l'ottima difussione che fa il libro elettronico,dovrebbero essere gli editoriali(che cui le vediamo alleati ad APPLE)e non i distribuitori,nel frainteso che il consumitore non verra afettato.(E in questo senso veramente non riesco a capire come mai un intermediario come è la distribuitora potrebbe abbassare i costi,urta contro ogni logica commerciale).
Questo è l'argomento di fondo di questa "guerra",ma sfortunatamente non è l'unico:è un brutto caso che queste azioni penali vedano schierati Spagnoli,sia in America che in Europa,sia nelle istituzioni pubbliche che nell'impresa privata, contro APPLE:quello del titolo........

Finirei dicendo che l'argomento ambientalista mi sembra un "tour di force": non credo che l'incidenza sull'ambiente del libro sia cosi grande da meritare avere voce in capitolo in questa polemica.Piu tosto si tratta di uno di quelli argomenti "politicamente corretti".

Vedi di seguito la notizia nella stampa internazionale e fai il tuo propio giudizio:

A)-SU "THE WASHINGTON TIMES":

Apple aumenta i prezzi degli e-book, Feds report
 
Per Tim Devaney
The Washington Times
Mercoledi, Aprile 11, 2012
**FILE**
 
 
 
 
 
 
 
 
Il CEO di Apple Tim Cook stringe le mani il 7 marzo 2012, mentre annuncia
il nuovo iPad durante un evento Apple in San Francico (Press Asociated). . . .
 
L'amministrazione Obama ha fatto un passo in una accesa  battaglia
per la supremazia nel settore del libro digitale,accusando il gigante
della tecnologia di Apple di stare tramando con gli editori per fissare(abassare)i prezzi.
La divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia il Mercoledìha intentato una causa
contro Apple Inc.,produttore deliPad,e cinque editori di e-book.
L'accusa è che Apple è colluso con Simon&Schuster,HarperCollins,Hachete,Penguin
e Macmillan per limitare la concorrenza abassando i prezzi dei libri elettronici venduti
sul popolarissimo iPad della società e di altri e-reader.
"Come risultato di questa presunta cospirazione,crediamo che i consumatori hanno
pagato milioni di dollari in più per alcuni dei titoli più popolari", il procuratore generale
Eric H.Holder Jr. ha detto in un comunicato."Sostengo che i dirigenti ai più alti livelli di
queste compagnie sono interessate che l'e-book più venduti avessero ridotto i prezzi,
hanno lavorato insieme per eliminare la concorrenza tra i negozi che vendono e-book,
e in ultima analisi,hanno aumentato i prezzi per i consumatori.
"Il caso crea uno scontro legale tra il governo e Apple,una delle aziende di maggior
successo a livello internazionale e ammirata nella nazione.Il risultato potrebbe anche
avere un impatto importante sul modello di business di lunga data per l'industria editoriale
che cerca di adattarsi alla esplosione di opzioni di pubblicazione digitale.
Jeff Kagan,un analista del settore wireless e delle telecomunicazioni con sede ad Atlanta,
ha detto che il caso dimostra come gli editori tradizionali hanno lottato per adattarsi al
mercato in rapida evoluzione digitale."Gli e-book dovrebbe essere venduti per molto meno,
ma sono saliti di prezzo", ha detto. "Gli editori tradizionali che si muovono nel business di
e-book si muovono con il loro vecchio modello,quando dovrebbero andare a vivere con il
nuovo modello."Secondo la causa,la collusione ha iniziato nell'estate del 2009, prima che
il primo iPad è stato venduto.Amazon,il prominenete rivenditore del libro online al momento,
aveva costretto il prezzo della maggior parte dei libri elettronici fino a $ 9,99.Le accuse del
governo che gli editori,preoccupati che i prezzierano troppo bassi,si voltò verso di Apple per
creare un nuovo modello di business,noto come il "modello agenzia",in base al quale gli
editori,piuttosto che i dettaglianti, fissano i prezzi.I più popolari e-book ora si vendono
per $ 12,99 e $ 14.99.Secondo caso in cui secondo il governo,il sistema illecito di Appleha
dato una commissione del 30 per cento su tutte le vendite attraverso il suo iBookstore. La
società è stata garantita anche che nessun altro rivenditore sarebbe stato consentito di
vendere per meno attraverso un accordo anticoncorrenziale noto come "più favorito della
nazione".Apple ha detto in email che non ha voluto commentare la tuta.Il Dipartimento di
Giustizia il Mercoledì ha concluso accordi transattivi con tre delle società,tra cui
CBS Corp's Simon&Schuster, Lagardere SCA Hachette Book Group e la News Corp's
HarperCollins."Se approvato dal tribunale, questo insediamento potrebbe risolvere i problemi
antitrust del dipartimento con queste aziende, e richiederebbe loro di concedere ai rivenditori
comeAmazon e Barnes & Noble,la libertà di ridurre i prezzi dei loro titoli e-book", Mr.Holder ha
detto."La sentenza prevede anche di sospendere i propri accordi anticoncorrenziali "più favoriti
della nazione" con Apple e altri e-book retailer".Amazon ha applaudito l'insediamento in sospeso.
"Questa è una grande vittoria per i possessori di Kindle",ha detto il portavoce di Amazon Andrew
Herdener in un comunicato,"e non vediamo l'ora di essere autorizzati aprezzi più bassi sui libri
Kindle".Apple, Macmillan e Pearson PLC Penguin Group pianificano combattere la causa antitrust.
Apple,la azienda più importante del mondo,il Martedì è diventata solo la seconda società nella
storia per raggiungereil livello di 600 miliardi dollari.Ma il suo dividendo Mercoledì èsceso a 626,20
dollari,in calo del 2,24 dollari rispetto allachiusura del giorno precedente,dopo la notizia.
 
CLICCA SUL TESTIMONIO GRAFICO PER LEGGERE FOTOCOPIA DELLA NOTA ORIGINALE(INGLESE):
 
lastscan.jpglastscan.jpg

 

 

 

 

 

B)-SU "LE FIGARO" DELLA FRANCIA:

2 NOTE:

NOTA 1: Apple accusé de manipuler le prix des e-books

Mots clés : Édition, Apple
Par Pierre-Yves Dugua
Publié le 11/04/2012 à 20:55
Réactions (20) .
FOTO CANCELLATA:Apple défend ses accords avec les éditeurs pour la distribution de leurs oeuvres sur iPad. Crédits photo : FRANCK PRIGNET/Le Figaro Magazine
Recommander
Le ministère américain de la Justice engage des poursuites contre Apple et de grands éditeurs.

De notre correspondant à Washington
Dans le but de préserver la libre concurrence et d'assurer que les prix les plus bas possibles sont offerts aux lecteurs de livres numériques, le département américain de la Justice a lancé hier une procédure antitrust devant un tribunal new-yorkais contre Apple et des grandes maisons d'édition.
Aux côtés d'Apple, qui défend ses accords avec les éditeurs pour la distribution de leurs œuvres sur iPad sous forme numérisée, on trouve des géants comme Macmillan (Verlagsgruppe Georg von Holtzbrinck) et Penguin (Groupe Pearson). En revanche, Hachette Book (Lagardère), Simon & Schuster (CBS) et HarperCollins (News Corp.) ont négocié un accord avec le département de la Justice qui leur permet d'échapper à ce procès pour collusion et entente illicite pour contrôler le prix des livres électroniques. La manière dont Apple a changé le système de fixation des prix sur le marché des livres disponibles sur liseuse électronique est au cœur du litige.
Jusqu'en 2010, Amazon avec sa liseuse Kindle dominait le marché américain. Le géant du commerce en ligne négociait des rabais avec les éditeurs et déterminait lui-même le prix de vente de détail des ouvrages numérisés. Apple a changé le paysage concurrentiel en laissant les éditeurs fixer le prix de vente des livres à condition d'obtenir une commission de 30% et de bénéficier des prix les plus bas offerts à ses concurrents. Du coup, selon le ministère, cette entente, qui visait notamment à lutter contre la politique de prix d'Amazon, «a eu pour résultat que les consommateurs de livres numériques ont payé des dizaines de millions de dollars supplémentaires».
Un milliard de dollars
Le département de la Justice estime que la concurrence est mise en péril dès que des sociétés signent des contrats qui font référence aux prix pratiqués par ailleurs à des rivales. L'Administration Obama cherche à forcer l'industrie du livre à revenir vers le modèle choisi par Amazon. Apple et ses partenaires entendent durant le procès démontrer que leur régime, au contraire, a renforcé la concurrence.
Les ventes de livres numérisés ont presque atteint un milliard de dollars l'an dernier aux États-Unis, ce qui marque une augmentation de plus de 110% par rapport à 2010. En éliminant les frais d'impression et de livraison, le livre numérisé permet aux éditeurs de dégager des marges supérieures à celles des ­livres traditionnels.
LIRE AUSSI:
» Matignon veut aider le livre numérique
» Éviter de laisser les libraires seuls face à Amazon
» Flammarion secoue le secteur de l'édition
Par Pierre-Yves Dugua

TESTIMONIO GRAFICO:In Fede:Il resto della nota è accesibbile a pagamento solo per suscrittori di "Le Figaro",cosa che come tutti sanno io non lo sono mai stato.(E questa pubblicazione senza fine di lucro non dispone di fondi per questi aquisti. )







 

 

 

 

TRADUZIONE:
Apple accusata di manipolare il prezzo dei libri elettronici
Tags: Edition,Apple
Di Pierre-Yves Dugua
Inviato il 2012/11/04 alle 20:55
Reazioni (20).
FOTO cancellata: Apple difende i suoi accordi con gli editori per distribuire le loro opere sul iPad. Photo credit: FRANCK PRIGNET / Le Figaro Magazine
L'US Department of Justice in azione legale contro Apple e grandi editori.
Dal nostro inviato a Washington
Al fine di preservare la libera concorrenza e per garantire che i prezzi più bassi possibili sono disponibili per i lettori di libri digitali, il Dipartimento di Giustizia americano ha lanciato ieri un procedimento antitrust dinanzi a un tribunale di New York contro Apple e le principali editori.Insieme con Apple, che difende i suoi accordi con gli editori per distribuire le loro opere in formato digitale su iPad, ci sono giganti come Macmillan (Verlagsgruppe Georg von Holtzbrinck) e Penguin (gruppo Pearson). Tuttavia, Hachette Book (Lagardère), Simon & Schuster (CBS) e la HarperCollins (News Corp.)hanno negoziato un accordo con il Dipartimento di Giustizia che permette loro di sfuggire a questo processo per collusione e cartello per controllare i prezzi eBooks.Il modo in cui Apple ha cambiato il sistema dei prezzi nel mercato dei libri elettronici disponibili a leggere è al centro della controversia.Fino al 2010, con il suo lettore Amazon Kindle ha dominato il mercato statunitense. Il gigante del retail online ha negoziato sconti con gli editori e a sua volta ha determinato il prezzo di vendita al dettaglio di libri digitalizzati. Apple ha cambiato il panorama competitivo lasciando che gli editori impostino il prezzo di vendita dei libri a condizione di ottenere una commissione del 30% e di beneficiare dei prezzi più bassi offerti ai suoi concorrenti. Come risultato, ha detto il ministero,l'accordo,che è stato progettato per combattere contro la politica dei prezzi di Amazon ",ha fatto che i consumatori di libri digitali hanno pagato decine di milioni di più".
Un miliardo di dollari
Il Dipartimento di Giustizia ritiene che la concorrenza è compromessa quando le società firmanti i contratti si riferiscono ai prezzi praticati dai rivali altrove. L'amministrazione Obama cerca di forzare l'industria del libro per tornare al modello scelto da Amazon. Apple e i suoi partner intendono dimostrare in giudizio che il loro regime, al contrario, ha aumentato la concorrenza.Le vendite di libri digitali erano quasi un miliardo di dollari l'anno scorso negli Stati Uniti, segnando un incremento di oltre il 110% rispetto al 2010. Eliminando i costi di stampa e di consegna, il libro digitalizzato permette agli editori di generare margini superiori che i libri tradizionali.
Leggi anche:
"Matignon vuole aiutare il libro digitale"
Non lasciare soli i librai di fronte ad Amazon
"Scuote il settore editoriale Flammarion.
Di Pierre-Yves Dugua

NOTA 2:(CLICCA FOTOCOPIA)


.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.

C)-Su "La Repubblica" di Italia due articoli:

1)-IL CASO
E-book, Il governo americano porta in tribunale Apple

Il dipartimento della Giustizia ha deciso di aprire un fascicolo perviolazione della legge antitrust contro il colosso informatico diCupertino e cinque case editrici. L'accusa è di aver formato uncartello per alzare i prezzi degli e-book, tentando di relegare a unruolo marginale Amazon e il suo aggressivo modello di pricing
Lo leggo dopo

APPROFONDIMENTI
Articolo
Ebook, un boom di vendite che fa bene all'ambiente
TESTIMONIO GRAFICO:

07:26 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |