12/10/2011

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 91)

giovedì 6 ottobre 2011

TRIBUTO A JOBS

 
Ricordo ancora durante le prime pubblicazioni online della mia opera,quando ho iniziato a vedere il marchio APPLE,la sodisfazzione che ho sentito nel vedere che quel simbolo(identico a quello che aveva ospitato tanti dischi di successo sui Beatles,i miei idoli giovanili)(1)si faceva ecco dei miei concetti.
Tante delle creazioni di Jobs sono diretta conseguenza della difussione della mia opera:menzionare l'i Phone(2)e il Tablet insieme all'idea di un nuovo commando sui telefoni mobili,diverso delle vecchie tastiere bastano.
Presto ho anche iniziato a vedere che non c'è mai stato ne meno un riferimento splicito alla mia opera e in queste pagine avete visto che l'ho messo sul marciapiede di fronte analizando le sue creazioni commerciali all'insegna di questo mancato riconoscimento delle sue fonte di ispirazioni.Pero non l'ho mai considerato un nemico della "NUOVA ERA",grato ne sono comunque di averlo "influito".
OGGI QUESTE PAGINE RENDONO TRIBUTO A QUI PURE NON CONDIVIDENDO I SUOI FONDAMENTI HA MATERIALIZZATO I MIEI CONCETTI CONTRIBUENDO COSI ALL'INSEDIAMENTO DELLA "NUOVA ERA" E,AL SOLO UOMO CHE HA AVUTO IL CORAGGIO DI CONTENDERE A NOKIA LA SUA FALSIFICAZIONE DELL'ORIGINE DEL CELLULARE.LI SONO RICONOSCENTE,PACE NELLA SUA TOMBA.

-SU "BBC":

Tributes flood in for Steve Jobs
World and business leaders pay tribute to Apple co-founder Steve Jobs, who has died at 56 after battling pancreatic cancer.
.
.
-SULL'ARGOMENTO VEDI TUTTO CUA NELLO STESSO BLOG:
http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/06/oooo.html

(1)-CONFUSIONI
.
.
.
.
.
.
.
-SUl TG1 ONLINE DEL 9 OTTOBRE 2011 SI PUO LEGGERE FRA ALTRI CONCETTI:

"Apple. Perché la mela? Ecco tutte le leggende
Colpì e illuminò Newton sulla legge di gravitazione universale ma era anche la copertina di un Lp dei Beatles di cui Jobs s'innamorò. Oppure perché utilizzare prodotti Apple era facile quanto mangiare una mela...o magari perché quel nome risultava tra i primi dell’elenco telefonico…
LOS ANGELES - Dalla mela che, cadendo, illuminò Isaac Newton mentre riposava sotto l'albero alla copertina di un celebre Lp dei Beatles di cui s'innamorò Steve Jobs. Sono tantissime le leggende che circolano sull'origine del noem Apple e sulla scelta del logo. Ma qualunque sia stata la vera genesi, si è trattato di una scelta davvero azzeccata: un nome semplice che rimanda però a centinaia di significati diversi e un logo altrettanto immediato ma al tempo stesso simbolico: come quello della mela morsicata."(continua)

-FATTO STA CHE IL MARCHIO DI JOBS EBBE UN LUNGO LITIGARE GIUDIZIARIO CONTRO APPLE RECORDS DEI BEATLES E QUESTI SONO STATI ALCUNI DEI RISULTATI:

A)-SU MAC WORLD NEWS ONLINE:
Apple contro i Beatles: risarcimento del secolo?
L’annosa controversia sul nome Apple starebbe per risolversi
14 settembre 2004
Secondo speculazioni della rivista Forbes, la controversia legale che da anni oppone la Apple ai Beatles per l’uso del nome Apple (che apparteneva, ben prima che a Steve Jobs, alla società commerciale dei Beatles, Apple appunto) sarebbe prossima a risolversi.
I rappresentanti del complesso inglese sostengono che l’azienda americana abbia infranto un accordo del 1991 – ben prima, dunque, del ritorno di Jobs – secondo il quale essa si sarebbe astenuta dall’usare il marchio Apple in qualunque intrapresa d’interesse musicale-discografico. La Apple ha al proposito già pagato (extragiudizialmente) oltre 26 milioni di dollari ai Beatles.
Secondo gli inglesi, la Apple avrebbe contravvenuto al patto lanciando i prodotti iPod e iTunes Music Store. I californiani si difendono dicendo che quelli sono piuttosto servizi di trasmissione di dati digitali e quindi conformi allo spirito dell’accordo del 1991.
Secondo Forbes, il possibile risarcimento farebbe scomparire i 26 milioni già pagati dalla Apple: potrebbe addirittura trattarsi del più grande risarcimento mai corrisposto in questo genere di vertenza. Sempre secondo quella rivista, il risarcimento potrebbe comprendere un posto per Paul McCartney nel consiglio d’amministrazione della Apple. D’altra parte, in questo modo la Apple/Beatles potrebbe forse concedere alla Apple/Jobs i diritti di vendita online delle canzoni dei Beatles: non c’è nemmeno bisogno di precisare quale colpo straordinario questo sarebbe per Steve Jobs.

TESTIMONIO GRAFICO:
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
B)-SU CORRIERE DELA SERA":
Era il simbolo della casa discografica dei quattro di Liverpool
Apple si mangia la mela dei Beatles
Presentata domanda all'Ufficio europeo dei brevetti dopo quanto già fatto negli Usa
MILANO - Era stampata sul vinile di Abbey Road. E per decenni è stata il simbolo di Apple Records, l'etichetta discografica che produceva la musica di Beatles. Ora Steve Jobs e la sua Apple hanno presentato all'ufficio europeo marchi e brevetti domanda di registrazione del logo della mela verde della varietà Granny Smith, sul modello di quanto già fatto negli Stati Uniti. La pratica inoltrata all'autorità europea è stata pubblicata dal sito specializzato Patently Apple. L'azienda di Cupertino, che ha come simbolo l'inconfondibile mela morsicata, chiede di utilizzare in via esclusiva quello che per decenni è stato il marchio di fabbrica dei Fab Four, in quattordici classi merceologiche internazionali, che spaziano dai dispositivi hardware agli strumenti musicali, dall'abbigliamento ai servizi di social networking.
ACCORDO - In questo modo l'azienda di Steve Jobs mette a frutto l'accordo raggiunto con la società che detiene i diritti sulla musica dei Beatles nel 2007, dopo una battaglia pluridecennale sull'utilizzo del termine «apple» e dei marchi collegati, ora detenuti dalla casa produttrice di iPhone e iPad, fatte salve alcune licenze concesse all'etichetta fondata da Lennon e compagni. La pace definitiva tra le «due mele» è avvenuta lo scorso novembre, con lo storico sbarco del catalogo del quartetto di Liverpool su iTunes, il negozio di musica digitale di Apple. Resta ora da vedere se e come Apple voglia sfruttare il logo. Vedremo la mela che fu dei Beatles sui prossimi modelli di iPod e iPad? Non è dato saperlo, ma evidentemente Steve Jobs non ha voluto precludersi questa possibilità.
Elvira Pollina16 marzo 2011© RIPRODUZIONE RISERVATA
TESTIMONIO GRAFICO:
.
.
.
.
.
.
.

 

.
.
.
.
.
.
.
.
EPILOGO:DEVO CONFESSARE CHE PER UN PO' DI TEMPO HO PENSATO FOSSE LO STESSO MARCHIO DEI BEATLES.BEH...CERTAMENTE NON SARA L'UNICA CONFUSIONE NELLA STORIA DI APPLE.....
(2)Anzi,tutti i prodotti mobili della linea "i" hanno origine nella lettura di queste pagine:iTunes,iPhone,i Pad,ecc.
Le mie pubblicazioni hanno ospitato per un lungo periodo di tempo un noto errore ortografico in lingua Italiana per cui su una parola c'era messa una "i" in piu.Includere questo mio errore nella denominazione delle materializzazioni di Jobs dei miei concetti è stato un modo di stabilire un "nesso" inequivoco fra i suoi prodotti e questa opera.Il motivo di questa attitudine?:non mi rendo conto.Pero nessuno potra smentire queste parole.Ne meno il propio Jobs se fosse ogetto di risurrezione.
 

09:05 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

Les commentaires sont fermés.