28/09/2011

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 89)

sabato 24 settembre 2011

PAKISTAN:LA NUOVA ERA HA AVUTO RAGIONE

 
17 SETTEMBRE 2011

PAKISTAN:"C'ERA DEL MARCIO IN DANIMARCA"

Ormai non si tratta di sospetti,ne di azioni isolati ne trascenduti stampa.Ne meno si tratta di servizi segreti "deviati",ne è solo Cameron e ilgoverno Inglese a denunciare,ormai ci sono fatti ben concreti di terrorismo e l'accusa è ufficiale del governo USA al governo del Pakistan:C'E' RAPORTO DIRETTO FRA IL PAKISTAN E AL-KAEDA.Vedi la mia pubblicazione "giovedì 24 febbraio 2011:LA "NUOVA ERA" CHIUDE BATTENTI IN PAKISTAN(HILLARY CLINTON/AL-KAEDA "CORTO-CIRCUITO")" cua http://cianciminotortoici.blogspot.com/2011/02/la-nuova-era-chiude-battenti-in.html

e dopo leggi la nota di "LA REPUBBLICA"(Italia) di seguito:

TENSIONE INTERNAZIONALE

Ambasciatore Usa a Islamabad accusa
"Legami tra governo pachistano e terroristi" Il diplomatico americano parla di rapporti tra le autorità del Paese e il clan Haqqani che, in accordo con i talebani, sarebbe responsabile di un attacco missilistico alla rappresentanza degli Stati Uniti a Kabul

Nella foto, l'ambasciatore americano in Pakistan Cameron Munter

ISLAMABAD - Ha usato toni inconsueti per un diplomatico Cameron Munter, ambasciatore degli Stati Uniti a Islamabad. In un'intervista radiofonica ha denunciato i legami tra i gruppi terrrosti afghani e il Pakistan. Ha detto che gli Stati Uniti hanno le prove dei rapporti tra il governo di Islamabad e il clan Haqqani: un network che agisce in collaborazione con i talebani. Secondo il diplomatico, questo clan sarebbe anche responsabile dell'attacco missilistico a Kabul contro l'ambasciata americana.

L'attacco nella 'zona verde' di Kabul, che prese di mira anche l'ambasciata Usa, è stato sferrato il 13 settembre scorso e ci vollero 20 ore alle forze di sicurezza afghane per porvi fine. Il bilancio è stato di 27 morti, fra cui nove assalitori. La rete Haqaani, che ha le sue basi nel Nord Waziristan, era già stata accusata dopo l'attacco dall'ambasciatore Usa a Kabul, Ryan Crocker.

Le parole di Munter, che ha intimato al governo pakistano di "porre fine a questi legami", rischiano di raffreddare ulteriormente i rapporti tra Usa e Pakistan. Dopo il duro colpo inferto alla credibilità di Islamabad dopo l'eliminazione di Osama bin Laden il 2 maggio scorso ad Abottabad, a 70 km da Islamabad, gli Stati Uniti hanno già ridotto di un terzo gli aiuti militari al Pakistan.

Negli ultimi mesi, il capo di stato maggiore interforze americano, ammiraglio Mike Mullen ha più volte chiesto al Pakistan di agire contro il clan Haqqani. Ieri ha ripetuto la richiesta a Siviglia, nella riunione del comitato militare della Nato, dove ha incontrato il collega pachistano, il generale Ashfaq Parvez Kayani. (17 settembre 2011) © Riproduzione riservata

TESTIMONIO GRAFICO:





.



.




 

-"LE FIGARO" dedica una costante attenzione all'argomento con accurati analisi,ecco uno di loro:

Le Pakistan, maillon faible de la lutte antiterroriste

Mots clés :11 septembre
Par Marie-France Calle

Mis à jour le 07/09/2011 à 17:27 publié le 06/09/2011 à 15:19 Réactions (9)






Une manifestation anti-américaine, le 24 février 2011 à Lahore. Crédits photo : © Mohsin Raza / Reuters/REUTERS
S'abonner au Figaro.fr
.

 11 SEPTEMBRE, 10 ANS APRÈS - L'élimination d'Oussama Ben Laden à Abbottabad, début mai, illustre les ambiguïtés de l'alliance scellée entre Islamabad et Washington.
De mésalliances en liaisons dangereuses, le Pakistan est devenu, en dix ans, le casse-tête de l'Occident dans la lutte contre le terrorisme. Les commotions politico-militaires qui l'agitent depuis toujours ont fini par plonger la nation tout entière dans un état de quasi-catatonie. Professeur à l'université en sciences du management de Lahore (LUMS), Mohammad Waseem s'en alarme. «Le Pakistan est-il devenu ingérable ? , s'interroge-t-il. Seul un gouvernement fort, légitime et responsable, capable d'asseoir son autorité, serait en mesure de faire face au chaos ambiant.»
On en est loin. À Islamabad, le pouvoir civil courbe l'échine devant l'establishment militaire. Or, depuis le raid des Navy Seals américains, le 2 mai dernier, contre la résidence où se terrait Oussama Ben Laden à Abbottabad, petite ville-garnison située à une soixantaine de kilomètres de la capitale, l'armée a perdu de son prestige aux yeux des Pakistanais. Quant à la collaboration entre services secrets pakistanais et américains, pourtant cruciale, elle semble au point mort.
«Une vaste mise en scène»
«Les militaires et l'ISI (les services de renseignement de l'armée) ont fait preuve d'une totale incompétence ; ils auraient dû être au courant de la présence de la famille de Ben Laden à moins de dix minutes à pied de l'académie militaire», confie Ahmed, employé de banque à Bilal Town, le quartier d'Abbottabad où se dresse le compound fantomatique de Ben Laden. Officier à la retraite, le père d'Ahmed est, lui aussi, indigné face «à ce lamentable échec». «Depuis cette opération, plus personne n'a confiance en l'armée et il lui faudra du temps pour restaurer son image», dit-il. «Une grande part du budget de l'État va aux militaires et voilà ce qu'en font nos généraux !», renchérit le Dr Raza, médecin à l'hôpital d'Abbottabad.
Dans le même temps, tous se disent «pratiquement certains» qu'Oussama ne se trouvait pas dans la vaste demeure, aujourd'hui entourée d'un cordon de sécurité, lorsque les commandos américains ont donné l'assaut. «C'est ce que pensent la plupart des gens ici, affirme Ahmed. Lorsque les États-Unis ont attaqué, ils n'ont trouvé que les femmes et les enfants de Ben Laden.» À Lahore, Asif, étudiant en communication, est persuadé que «la mort de Ben Laden n'était qu'une vaste mise en scène». Pour lui, de toute façon, «si le Pakistan est en pleine débâcle, c'est la faute aux Américains». Un sentiment largement partagé. «Nous devons mettre un terme à la mainmise de la CIA sur notre pays», martèle Asif.
«Croisade contre l'islam»
Théorie de la conspiration, antiaméricanisme galopant… Pour la majorité des Pakistanais, la vraie «mésalliance» n'est pas le soutien indéfectible de l'armée et des services secrets aux djihadistes de tout poil, aux talibans, voire à des éléments d'al-Qaida, qui visent à tenir l'Inde en échec ; mais le ralliement, en 2001, du général-président Pervez Musharraf à ce qu'ils continuent de voir comme la «croisade contre l'islam» de George W. Bush. Dès la fin septembre 2001, le «lâchage» par Musharraf du régime taliban à Kaboul avait réveillé la colère des groupes islamistes au Pakistan. Ils étaient descendus dans la rue pour demander au général-président de «ne pas laisser Washington se servir du territoire pakistanais pour tuer leurs frères afghans». Déjà, à Lahore, des leaders djihadistes nous avaient confié que depuis longtemps, des Pakistanais de la «moyenne et haute bourgeoisie» s'entraînaient pour «lutter contre l'Amérique et les Juifs».
Une décennie plus tard, le mariage de la carpe et du lapin que fut l'allégeance d'Islamabad à Washington, oblige à un constat affligeant : les objectifs poursuivis par Washington et Islamabad dans la région ont toujours été - et restent - divergents. Aujourd'hui, Islamabad fait valoir non sans amertume que la lutte contre le terrorisme a coûté des milliers de vies au Pakistan, les islamistes pakistanais ayant fini par retourner leur djihad contre l'État, l'armée, la police, la population. Les Américains exigent de nouveaux efforts de leur «allié» - qu'ils continuent de financer, malgré les menaces - dans la lutte conjointe contre les djihadistes.
«Tout le monde a joué le jeu»
Pour le politologue George Friedman, les dirigeants américains et pakistanais étaient parfaitement conscients, dès 2001, de cette double aliénation. «Les États-Unis ont toujours su que l'aide du Pakistan avait ses limites (…) De leur côté, les Pakistanais savaient que la tolérance américaine avait les siennes. Mais tout le monde a joué le jeu» parce qu'à l'époque, Islamabad et Washington n'avaient guère d'autre choix, analyse-t-il sur le site d'études stratégiques Stratfor. Et d'ajouter : «Le jeu est fini non pas parce que les Américains ont mené leur raid au Pakistan et y ont tué Ben Laden, mais parce que le Pakistan a enfin compris que les États-Unis retireront tôt ou tard leurs troupes d'Afghanistan.»
Dans cette optique, souligne Friedman, il est devenu encore plus urgent pour Islamabad de placer ses pions dans la région. En ménageant, notamment, des groupes afghans, talibans ou des seigneurs de guerre tels que le réseau Haqqani, au grand dam de Washington, car tous sont liés à al-Qaida.
Dans ce contexte, l'annonce de l'armée pakistanaise, lundi, confirmant l'arrestation, à Quetta, de trois hommes proches de Ben Laden, dont un commandant, est apparue comme un signe de réconciliation entre l'ISI et la CIA. «L'opération a été planifiée et menée avec l'assistance technique des services secrets des États-Unis, avec lesquels l'ISI entretient une relation historique très forte», soulignait un communiqué de l'armée. Nul ne sait combien de temps durera l'embellie.
Par Marie-France CalleCorrespondante en Asie du Sud, Le Figaro
-----------------------------------------------------------------------------------------------
TRADUZIONE:Pakistan,un anello debole nella lotta contro il terrorismo
Parole chiave:11 settembre
Di Marie-France Calle

Aggiornato al 2011/07/09 17:27Pubblicato il 2011/06/09 alle 15:19
FOTO:Una manifestazione anti-americana,il 24 febbraio 2011 a Lahore. Crediti fotografici:©Mohsin Raza/Reuters Iscriviti a Figaro.fr

11 settembre,10 ANNI DOPO-L'eliminazione di Osama bin Laden in Abbottabad,ai primi di maggio,illustra l'ambiguità del patto tra Islamabad e Washington. Di "mis-alliances" in relazioni pericolose,il Pakistan è diventato in dieci anni il puzzle dell'Occidente nella lotta contro il terrorismo.Le commozioni politico-militare che si agitano da sempre hanno finito per precipitare l'intera nazione in uno stato di quasi catatonia.Il Professore presso l'Università di Studi Aziendali di Lahore(Lum), Mohammad Waseem è allarmato."Il Pakistan è divenuto ingestibile?,si chiede lui.Solo un governo forte,legittimo e responsabile,in grado di affermare la propria autorità,sarebbe in grado di affrontare il caos. " Siamo lontani.A Islamabad,il potere civile si ha piegato all'establishment militare.Ora dal momento che il raid di U.S. Navy Seals,il 2 maggio,contro la residenza in cui Osama bin Laden si nascondeva in Abbottabad,una cittadina piccola guarnigione situata a circa 60 chilometri dalla capitale,l'esercito ha perso il suo prestigio agli occhi dei pakistani.Per quanto riguarda la cooperazione tra pakistani e l'intelligence degli Stati Uniti,per tanto cruciale,sembra in stallo.
"Una messa in scena di grandi dimensioni"
"L'esercito e l'ISI(i servizi segreti dell'esercito)hanno mostrato una totale incompetenza, avrebbero dovuto essere consapevoli della presenza della famiglia di bin Laden in meno di dieci minuti a piedi dal Accademia Militare",dice Ahmed,un impiegato di banca a Città Bilal, il quartiere di Abbottabad,dove sorge il fantasma del composto di bin Laden.Ufficiale in pensione,padre di Ahmed è anche lui indignato di fronte "a questo miserabile fallimento". "Dopo questo momento nessuno ha fiducia nell'esercito e ci vorrà tempo per ripristinare la sua immagine",ha detto. "Gran parte del bilancio dello Stato va ai militari ed guarda ciò che i nostri generali sono!",aggiunge il dottor Raza, un medico presso l'ospedale di Abbottabad. Allo stesso tempo, tutti dicono di essere "quasi certo" che Osama non era nella grande casa, ormai circondata da un cordone di sicurezza, dove i commando americani hanno preso d'assalto."Questo è ciò che la maggior parte della gente pensa qui,ha detto Ahmed. Quando gli Stati Uniti hanno attaccato,non hanno scoperto altro che le donne e i bambini di bin Laden."Nel Lahore,Asif,uno studente di comunicazione ritiene che "la morte di bin Laden era una gran misse in scene".Per lui,comunque,"se il Pakistan è in piena crisi è colpa degli americani".Un sentimento diffuso."Dobbiamo porre fine alla morsa della CIA nel nostro paese",insiste Asif.
"Crociata contro l'Islam"
Teoria del complotto:l'anti-americanismo rampante ... Per la maggior parte dei pakistani,la vera "Misalliance" non è il sostegno incrollabile dell'esercito e servizi segreti dei jihadisti di ogni colore,i talebani,o addirittura gli elementi di al Qaeda,che cercano di tenere sotto controllo l'India, ma il riallaciamento del 2001, del presidente-generale Pervez Musharraf e quello che continuano a vedere come la "crociata contro l'Islam" di George W. Bush.Dalla fine di settembre 2001,la "caduta" dal regime talebano a Kabul Musharraf aveva suscitato l'ira di gruppi islamici in Pakistan.Furono portati in piazza per chiedere al Presidente Generale "non lasciare Washington utilizzare il territorio pakistano per uccidere i loro fratelli afghani".Già,a Lahore,i leader jihadisti ci avevano detto che da lungo tempo i pakistani nella "borghesia media e alta" sono addestrati per "combattere contro l'America e gli ebrei". Un decennio più tardi, il matrimonio della carpa e il coniglio che è stata la fedeltà di Islamabad a Washington obliga a una conclusione desolante: gli obiettivi perseguiti da Washington e Islamabad nella regione sono sempre stati,e rimangono,divergenti.Oggi, Islamabad sostiene con una certa amarezza che la lotta contro il terrorismo ha migliaia di morti in Pakistan,gli islamisti pakistani hanno finito per ritornare alla loro jihad contro lo Stato,esercito,polizia,la gente.Gli americani richiedono ulteriori sforzi al loro "alleato" ,che continuano a finanziare,nonostante le minacce,nella lotta comune contro i jihadisti.
"Tutto il mondo ha giocato il gioco"

Per il politologo George Friedman,gli Stati Uniti e i leader pakistani erano ben consapevoli,nel 2001,di questa doppia alienazione."Gli Stati Uniti hanno sempre saputo che l'aiuto al Pakistan aveva i suoi limiti(...)Nel frattempo,i pakistani sapevano che la tolleranza americana aveva i suoi. Ma tutti hanno giocato il gioco "perché in quel momento, Islamabad e Washington avevano poca scelta, egli analizza sul sito degli Studi Strategi di Stratfor.Ha aggiunto:"La partita è finita non perché gli americani hanno condotto le loro incursione in Pakistan e hanno ucciso Bin Laden,ma perché il Pakistan ha finalmente capito che gli Stati Uniti ritireranno le sue truppe prima o poi di Afghanistan ". In questa ottica,dice Friedman,è diventato ancora più urgente per Islamabad postare le sue pedine nella regione.Organizzando,in particolare,i gruppi afghani talebani o signori della guerra,come la rete Haqqani,con la costernazione di Washington,perché tutti sono legati ad Al-Qaeda. In questo contesto, l'annuncio dell'esercito pachistano del Lunedi,confermando l'arresto a Quetta, di tre persone vicino a bin Laden,tra cui un comandante,è stato visto come un segno di riconciliazione tra l'ISI e la CIA. "L'operazione è stata pianificata e condotta con l'assistenza tecnica dei servizi segreti degli Stati Uniti,con cui l'ISI ha un rapporto storico molto forte",ha detto un comunicato militare.Nessuno sa per quanto tempo la ripresa.
Di Marie-France CalleAsia meridionale,corrispondente Le Figaro
Commenti (10) J'aime,Condividi Ordina

EDITORIALE:NATURALMENTE ALLA "NUOVA ERA" NON CI HA VOLUTO TANTO TEMPO PER CAPIRE QUELLO CHE OGGI SI CONFERMA,E CIO'E' CHE "C'ERA DEL MARCIO IN DANIMARCA".(ALLO STESSO MODO NON CI HA VOLUTO MOLTO PER CAPIRE CHE LA MORTE DE BIN LADEN IN QUEL MOMENTO ERA LONTANO DI ESSERE CONFERMATA.TANTO E' COSI CHE NON MANCANO PROGETTI,FINO AL MOMENTO NON CONCRETATI,DI RISCATARE IL CORPO DALLE AQUE.E C'E' CHI ANCORA PENSA CHE SIA STATA UNA MISE IN SCENE PER CONTRASTARE L'IMPATTO MEDIATICO DELLE NOZZE DEL SECOLO DEL PRINCIPE WILLIAM E KATERINA MIDLETON.COSA CHE HA ANCHE FATTO IL VATICANO CON UN'ALTRA MISSE IN SCENE:LA BEATIFICAZIONE DI GIOVANNI PAOLO SECONDO.COMUNQUE SIA FATTO STA CHE OBAMA HA VOLUTO GIOCARE LA CARTA POLITICA DELLA "CREDIBILITA"/CONFESSIONALE?/IN CONTRAPOSIZIONE ALLE CERTEZZE DELLA SCIENZA LASCIANDO SENZA RISPOSTA LE PROVE DELLA MORTE.)
L'ANALISI ANCHE COINCIDE CON LE MIE OPINIONI SUL RUOLO DI MUSHARRA E L'ESSERCITO IN CONTRASTO CON LA CLASSE POLITICA DI ISLAMABAD(ALLEATA DELLA CLINTON.)
LA POSIZIONE DELLA NUOVA ERA E' SEMPRE STATA MOLTO CHIARA NON LASCIANDOSI STRUMENTALIZZARE NE UTILIZARE A SCOPI POLITICI O RELIGIOSI,O LOTTE DI MERCATI,NE QUI NE NEI FATTI DELLA PRIMAVERA ARABA O NELLA "LOTTA" DEL BLACKBERRY,ECC. CHIARO SEMPRE SONO ANCHE STATO NEL SOSTEGNO DELLA COMMON WEALTH E LA INDIA IN QUANTO UN SUO IMPORTANTE MEMBRO,SENZA CADERE IN POSIZIONI POLITICI O RELIGIOSI DI PARTE.TANTO E' COSI CHE LA INDIA MANTIENE STRETTI,FORTI E PREFERENZIALI RAPORTI ECONOMICI TRASCENDENTI PER LA "NUOVA ERA" CON GLI STATI UNITI OLTRE CHE CON LA COMMON WEALTH.
LONTANO QUESTO DEL DOPPIO GIOCO DEL PAKISTAN CHE UTILIZZA I FONDI DI OCCIDENTE CON LA SCUSA DI OPORSI AI FONDAMENTALISTI ISLAMICI SIA IN AFGHANISTAN CHE IN PAKISTAN,COSA CHE DOPO NON FA COMO OGGI RISULTA EVIDENTE PER MOLTI CHE NON LO HANNO VISTO PRIMA.NON SUCCEDA LO STESSO CON IL NOSTRO SAPERE E KNOW HOW SCIENTIFICO-TECNOLOGICO: L'ADOPERAMENTO E DIFUSIONE DI TECNOLOGIA DELLE TELECOMUNICAZIONI E SERVIZZI FATTA DA HILLARY CLINTON IN PAKISTAN,E ALTROVE NULLA C'ENTRA CON LA "NUOVA ERA",MA CON L'USO POLITICO DI QUESTI MEZZI,SIA CHIARO.
 
-VEDI ANCHE QUESTO SCRITTO NEL CONTESTO DEL  BLOG ORIGINALE:

09:00 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

Les commentaires sont fermés.