07/09/2011

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 88)

sabato 27 agosto 2011

E SE L'HA DETTO LUI...,GOOGLE RICONOSCE PUBBLICAMENTE LA "NUOVA ERA".(GATTOPARDISMO RISORGIMENTALE Vs VITTORIANI?)

 
Questo post potrebbe essere aggiunto a quello anteriore ma data l'importanza delle propie parole dette da Eric Smichdt,ex capo di Google,in Gran Bretagna,ho preferito fare questa nota tutta da sola.Vedi prima la parola da Smichdt e dopo quella mia.
-SU "THE TELEGRAPH"(GB):

Britain 'throwing away computer heritage for humanities', says Google's Eric Schmidt.
Britain is "throwing away its computer heritage" by allowing humanities to dominate in schools at the expense of science, Eric Schmidt, chairman of Google, has claimed.

Google's Eric Schmidt berated the UK for its track record of growing global businesses Photo: REUTERS
By Katherine Rushton
7:40PM BST 26 Aug 2011
326 Comments
Mr Schmidt, who has a degree in electrical engineering and a PhD in computer science, told the Edinburgh Television Festival in the keynote MacTaggart lecture that he was “flabbergasted to learn that computer science isn’t even taught as standard” in schools in the UK, and that Britain had gradually “stopped nurturing its polymaths”.
“There’s been a drift to the humanities – engineering and science aren’t championed. Even worse, both sides seem to denigrate the other…you’re either a ‘luvvy’ or a ‘boffin’,” he said.
“I saw the other day that on The Apprentice Alan Sugar said engineers are no good at business. Really? I don’t think we’ve done too badly.”
In 2010 Google, which employs around 10,000 engineers worldwide including “several hundred” in the UK, turned over $29.3bn.
Mr Schmidt, who as head of the web search giant was the first person from outside the broadcast industry ever to have delivered the prestigious MacTaggart, also used the platform to berate the UK for its track record of growing global businesses.
“You need to get better at growing big companies. The UK does a great job of backing small firms and cottage industries but there’s little point on getting a thousand seeds to sprout if they’re then left to wither or get transplanted overseas,” he said.
Earlier this month, America’s Hewlett-Packard signed a deal to acquire Britain’s biggest software company, Autonomy, for $10bn – an agreement which is expected to fire the starting gun on a rush for British technology companies.
However, Mr Schmidt mixed his criticisms of the UK with flattery of its television production talent, which he claimed was “unsurpassed” worldwide.
He urged the government to relieve the burden of regulation on broadcasters, and to invest in innovation.
“I’m not suggesting the UK should mirror US-style regulation. US TV has problems of its own [but] to compete on the world stage, your content businesses need the freedom and legal framework to behave more like internet companies. The starting point for every new piece of legislation should not be ‘how do we regulate this’ but ‘how do we protect the space needed for innovation’,” he said.
The charm offensive follows widespread scepticism of Google and its unwillingness to pay for the content it monetises, most famously by Rupert Murdoch, chief executive and chairman of News Corporation, and Michael Grade, former chairman of ITV, who described Google and YouTube, which it owns, as a “parasite”.
However, Mr Schmidt batted away suggestions it should invest directly in content. “To argue that misunderstands a key point: Google is a technology company…We have neither the ambition nor the know-how to actually produce content on a large scale,” he said.
In delivering the MacTaggart, Mr Schmidt set the tone for an Edinburgh Television Festival where social networks and new media companies like Twitter and YouTube have a heavier presence than ever before – a reflection of their plans to compete in the sector.
Google’s well-trailed project for Google TV, an internet-based platform where users can search for programmes themselves rather than being "served up" with content, will launch in Europe early next year, Mr Schmidt said. “Just as smartphones sparked a whole new era of innovation for the internet, we hope Google TV can help to do the same for television, creating more value for all…the UK will be among the top priorities,” he said.

TESTIMONIO GRAFICO(INLESE):












TRADUZIONE:
Gran Bretagna " ha buttato via il patrimonio computer per studi umanistici",dice Eric Schmidt di Google.

La Gran Bretagna ha "gettato via il suo patrimonio computer", consentendo alle umanistiche dominare nelle scuole a spese della scienza,Eric Schmidt,presidente di Google,ha affermato.

Eric Schmidt di Google ha rimproverato il Regno Unito per il suo track record di crescita globale.Foto imprese:REUTERS

Di Katherine Rushton 07:40 CEST 26 agosto, 2011 326

Schmidt,che ha una laurea in ingegneria elettronica e un dottorato in informatica,ha detto al Festival della Televisione di Edimburgo nella Lectio Mac Taggart che era "sbalordito nell'apprendere che l'informatica non è ancora insegnata come standard" nelle scuole del Regno Unito,e che la Gran Bretagna aveva gradualmente "smesso di coltivare la sua polymaths".
"C'è stata una deriva verso le discipline umanistiche,ingegneria e scienza non sono difesi. Ancora peggio,entrambe le parti sembrano denigrare gli altri ... o sei un "luvvy" o un "Boffin",ha detto.
"Ho visto l'altro giorno che su The Apprentice,che Alan Sugar ha detto che gli ingegneri non sono affatto buoni in affari.Davvero? Non penso che abbiamo fatto troppo male."
Nel 2010 Google,che impiega circa 10.000 ingegneri in tutto il mondo tra cui "diverse centinaia" nel Regno Unito,ha consegnati $ 29.3bn.
Schmidt che,come capo del gigante della ricerca web è stato la prima persona al di fuori del settore broadcast ad aver mai vinto il prestigioso Taggart,ha utilizzato anche la piattaforma per rimproverare il Regno Unito per il suo track record di crescita sui mercati mondiali.
"Devi fare meglio a crescere le grandi aziende.Il Regno Unito fa un grande lavoro di sostegno alle piccole imprese e artigianato,ma non ha senso mettere un migliaio di semi a germogliare se sono poi lasciati ad appassire o ottenere un trapianto oltreoceano",ha detto.
All'inizio di questo mese,l'America è Hewlett-Packard ha firmato un accordo per l'acquisizione dell'azienda di software più grande della Gran Bretagna,Autonomia,per 10 miliardi di dollari,un accordo che prevede di sparare la pistola a partire da una corsa per le imprese tecnologiche britanniche.
Tuttavia,il signor Schmidt ha mescolato le sue critiche al Regno Unito con lusinghe del suo talento nella produzione televisiva,che secondo lui era "insuperabile" in tutto il mondo.
Egli ha esortato il governo ad alleviare l'onere della regolamentazione sulle emittenti,e ad investire in innovazione.
"Non sto suggerendo che il Regno Unito dovrebbe essere uno specchio stile USA sui regolamenti.USA TV ha problemi proprio[ma]per competere sulla scena mondiale,il business dei contenuti bisogna avere della libertà e il quadro giuridico deve comportarsi più come una società di internet.Il punto di partenza per ogni nuovo atto legislativo non deve essere "come si fa a regolamentare questo" ma "come facciamo a proteggere lo spazio necessario per l'innovazione",ha detto.
La fascinante offensiva segue con un diffuso scetticismo di Google e la sua riluttanza a pagare per i contenuti che monetizza,il più famoso da Rupert Murdoch,l'amministratore delegato e presidente di News Corporation,Michael Grade, ex presidente di ITV,ha descritto Google e il YouTube che possiede, come un "parassita".
Tuttavia,Schmidt ha buttato via i suggerimenti che dovrebbe investire direttamente in contenuti."Sostiene che fraintende un punto chiave:Google è una società di tecnologia ... Non abbiamo né l'ambizione né il know-how per produrre effettivamente contenuto su larga scala," ha detto.
Nel fornire la Taggart,l'onorevole Schmidt ha impostato il tono per un Festival della Televisione di Edimburgo,dove i social network e le compagnie dei nuovi media come Twitter e YouTube hanno una presenza più pesante che mai,un riflesso dei loro piani per competere nel settore.
Il Progetto ben trainato di Google per Google TV,che è una piattaforma basata su Internet dove gli utenti stessi possono cercare i programmi piuttosto che essere "serviti" con i contenuti,sara lanciato in Europa all'inizio del prossimo anno, ha detto Schmidt."Proprio come gli smartphone hanno scatenato una NUOVA ERA di innovazione per Internet,speriamo che Google TV può aiutare a fare lo stesso per la televisione,creando più valore per tutti ... il Regno Unito sarà tra le massime priorità",ha detto.

2-SU "THE GUARDIAN"(GB):

Eric Schmidt, chairman of Google, condemns British education system.
Schmidt criticises division between science and arts and says UK 'should look back to glory days of Victorian era
Comments (306)
James Robinson
guardian.co.uk, Friday 26 August 2011 20.00 BST
Article history

Link to this video
The chairman of Google has delivered a devastating critique of the UK's education system and said the country had failed to capitalise on its record of innovation in science and engineering.

Delivering the annual MacTaggart lecture in Edinburgh, Eric Schmidt criticised "a drift to the humanities" and attacked the emergence of two educational camps, each of which "denigrate the other. To use what I'm told is the local vernacular, you're either a luvvy or a boffin," he said.
Schmidt also hit out at Lord Sugar, the Labour peer and star of the hit BBC programme The Apprentice, who recently claimed on the show that "engineers are no good at business".
Schmidt told the MediaGuardian Edinburgh international TV festival: "Over the past century, the UK has stopped nurturing its polymaths. You need to bring art and science back together."
The technology veteran, who joined Google a decade ago to help founders Larry Page and Sergey Brin build the company, said Britain should look to the "glory days" of the Victorian era for reminders of how the two disciplines can work together.
"It was a time when the same people wrote poetry and built bridges," he said. "Lewis Carroll didn't just write one of the classic fairytales of all time. He was also a mathematics tutor at Oxford. James Clerk Maxwell was described by Einstein as among the best physicists since Newton – but was also a published poet."
Schmidt's comments echoed sentiments expressed by Steve Jobs, the chief executive of Apple, who revealed this week that he was stepping down. "The Macintosh turned out so well because the people working on it were musicians, artists, poets and historians – who also happened to be excellent computer scientists," Jobs once told the New York Times.
Schmidt paid tribute to Britain's record of innovation, saying the UK had "invented computers in both concept and practice" before highlighting that the world's first office computer "was built in 1951 by the Lyons chain of teashops".
However, he said the UK had failed to build industry-leading positions or successfully transfer ideas from the drawing board to the boardroom.
"The UK is the home of so many media-related inventions. You invented photography. You invented TV," he said. "Yet today, none of the world's leading exponents in these fields are from the UK." He added: "Thank you for your innovation, thank you for your brilliant ideas. You're not taking advantage of them on a global scale."
He said British startups tended to sell out to overseas companies once they had reached a certain size, and that this trend needed to be reversed. "The UK does a great job of backing small firms and cottage industries, but there's little point getting a thousand seeds to sprout if they are then left to wither or transplanted overseas. UK businesses need championing to help them grow into global powerhouses, without having to sell out to foreign-owned companies. If you don't address this, then the UK will continue to be where inventions are born, but not bred for long-term success."
Schmidt said the country that invented the computer was "throwing away your great computer heritage" by failing to teach programming in schools. "I was flabbergasted to learn that today computer science isn't even taught as standard in UK schools," he said. "Your IT curriculum focuses on teaching how to use software, but gives no insight into how it's made."
Barack Obama announced in June that the US would train an extra 10,000 engineers a year. "I hope that others will follow suit – the world needs more engineers. I saw the other day that on The Apprentice Alan Sugar said engineers are no good at business," he said.
"If the UK's creative businesses want to thrive in the digital future, you need people who understand all facets of it integrated from the very beginning. Take a lead from the Victorians and ignore Lord Sugar: bring engineers into your company at all levels, including the top."
Schmidt also announced that Google TV, which allows users to search the internet on their TV sets, would be launched in Europe early next year, with the UK "among the top priorities". The product is already available in America, although sales have been disappointing.
Schmidt said Google TV did not threaten broadcasters and would enable them to experiment with new formats online. He defended the company's contribution to the TV industry, pointing out that it had invested billions of dollars in IT infrastructure that media companies use.
Google also announced it would fund a new course in online production and distribution at the National Film & Television School in London for three years.
TESTIMONIO GRAFICO(INGLESE):











TRADUZIONE:

Eric Schmidt,presidente di Google,condanna il sistema Britannico di educazione. Schmidt critica la divisione tra la scienza e le arti e dice che il britannico "dovrebbe guardare indietro ai giorni di gloria dell'età vittoriana" Commenti (306) James Robinson guardian.co.uk, Venerdì 26 agosto, 2011 20,00 CEST Articolo storia
Link di questo video Il presidente di Google ha rilasciato una critica devastante del sistema scolastico del Regno Unito e ha detto che il paese non era riuscito a capitalizzare il suo record di innovazione nella scienza e nell'ingegneria.
Offrendo la conferenza annuale Mac Taggart a Edimburgo, Eric Schmidt ha criticato "una deriva verso le discipline umanistiche" e ha attaccato l'emergere di due campi didattici, ognuno dei quali "denigranrdo l'altro. Per utilizzare quello che mi è stato detto è il vernacolo locale,si è un luvvy o un Boffin",ha detto. Schmidt ha colpito anche Lord Sugar,il peer Lavorista e star del programma di successo della BBC The Apprentice,che ha recentemente clamato nel show che "gli ingenieri non sono buoni per gli affari". Schmidt ha detto al Media Guardian Edinburgh International TV Festival:"Nel corso della passata centuria,il Regno Unito ha smesso di coltivare la sua polymaths.È necessario portare l'arte e la scienza di nuovo insieme.." Il veterano della tecnologia,che si ha unito a Google dieci anni fa per aiutare i fondatori Larry Page e Sergey Brin a costruire la società,ha detto che la Gran Bretagna dovrebbe guardare ai "giorni di gloria" dell'era vittoriana per rimmemorare come le due discipline possono lavorare insieme. "E' stato un momento in cui le stesse persone scrivevano poesie e costruivano ponti",ha detto."Lewis Carroll non si limitò a scrivere una delle fiabe classiche di tutti i tempi Egli era anche un insegnante di matematica a Oxford.James Clerk Maxwell è stata descritta da Einstein come tra i migliori fisici dal dopo Newton,ma era anche un poeta pubblicato". Schmidt ha commentato gli eco sentimenti espressi da Steve Jobs,amministratore delegato di Apple,che ha rivelato questa settimana che smette."Il Macintosh si rivelò così bene perché le persone che lavorano su di esso erano musicisti,artisti,poeti e storici,che anche ha capitato di essere eccellenti scienziati informatici",Jobs una volta ha detto al New York Times. Schmidt ha reso omaggio per il record Britanico di innovazioni,dicendo che la Gran Bretagna aveva "inventato i computer sia in concetto che nella pratica" prima di sottolineare che il primo computer per ufficio al mondo" è stato costruito nel 1951 dalla catena il "Lione sale al tè-shop". Tuttavia,egli ha detto che il Regno Unito non era riuscito a costruire posizioni di industria leader di settore o successi nel trasferimento delle idee dal tavolo da disegno alla sala di riunioni. "Il Regno Unito è la patria di tanti invenzioni legati ai mezzi di comunicazione.Avete inventato la fotografia.Avete inventato la TV",ha detto."Ancora oggi,nessuno dei principali esponenti del mondo in questi settori sono dal Regno Unito". Ha aggiunto: "Grazie per la vostra innovazione,grazie per le vostre idee geniali.Non stati approfittando di loro su scala globale.". Ha detto che la start-up britannica tendeva a vendere a società estere una volta raggiunta una certa dimensione,e che questa tendenza doveva essere invertita."Il Regno Unito fa un grande lavoro di sostegno alle piccole imprese e l'artigianato,ma non ha senso avere un migliaio di semi a germogliare se vengono poi lasciati ad appassire o trapiantati all'estero.Le imprese del Regno Unito hanno bisogno di difesa per aiutarli a crescere in potenze mondiali,senza dover di vendere a imprese straniere.Se non affrontate questo,allora il Regno Unito continuerà ad essere dove le invenzioni sono nati,ma non allevati per successi a lungo termine ". Schmidt ha detto che il paese che ha inventato il computer ha "buttato via la sua grande eredita" omettendo di insegnare programmazione nelle scuole."Sono rimasto sbalordito nell'apprendere che l'informatica oggi non è ancora insegnata come standard nelle scuole del Regno Unito", ha detto. "Il tuo curriculum IT si focalizza sull'insegnamento come utilizzare il software, ma non dà un'idea di come è fatto". Barack Obama ha annunciato nel mese di giugno che gli Stati Uniti avrebbero in moto 10.000 ingegneri di piu all'anno."Spero che altri seguiranno l'esempio.Il mondo ha bisogno di più ingegneri.Ho visto l'altro giorno che su The Apprentice Alan Sugar disse che gli ingegneri non sono bravi negli affari",ha detto. "Se le imprese creative del Regno Unito vogliono prosperare nel futuro digitale,hai bisogno di gente che comprendono tutti gli aspetti di esso integrato fin dall'inizio.Prendere essempio dei Victoriaans e ignorare Lord Sugar:portare ingegneri nella vostra azienda a tutti i livelli,compreso ai vertici". Schmidt ha inoltre annunciato che Google TV, che consente agli utenti di cercare in Internet sul proprio televisore, sarebbe stato lanciato in Europa all'inizio del prossimo anno, con il Regno Unito "tra le massime priorità". Il prodotto è già disponibile in America, anche se le vendite sono state deludenti. Schmidt ha detto che Google TV non minacciava emittenti e permetterebbe loro di sperimentare nuovi formati on-line. Ha difeso il contributo della compagnia per il settore industriale della tv,sottolineando di aver investito miliardi di dollari in infrastrutture IT che le compagnie dei media usano. Google ha anche annunciato l'intenzione di finanziare un nuovo corso nella produzione e distribuzione on line presso il National Film & Television School di Londra per tre anni.


COMMENTO:Proprio come gli smartphone hanno scatenato una NUOVA ERA di innovazione per Internet,speriamo che Google TV può aiutare a fare lo stesso per la televisione,creando più valore per tutti ... il Regno Unito sarà tra le massime priorità",ha detto."
Questa è la frase che ha detto Smichdt:questo è un riconoscimento pubblico dell'adesione di Google alla NUOVA ERA,ai miei concetti.Non bisogna insistere troppo perche si potrebbe dire che questo è il leif motif di ogni menzione di Google in queste pagine e particolarmente in questo blog,pero sentirla dire in bocca del propio ex-capo di Google lo conferma senza mezzi termini.
Questo è il motivo principale della pubblicazione di questo scritto,e in questo li sono riconoscente a Google.Pero nel resto delle parole di Schmidt trovo delle differenze.Schmidt da quando ha abbandonato la Direzione di Google ha fatto mosse aziendale di tipo promozionale e detto parole quanto meno polemiche.Ad essempio la riunione a Barcellona e certe discordanze con le mie idee in questa conferenza.
Inanzi tutto ci vuole coerenza per capire l'inessatezza e inadeguatezza di certe espressioni di Mr Schmidt: ho sempre detto che io a lungo di tutta la mia opera non ho fatto altro che dire cose "ovvie",rimando i miei concetti a quello che io chiamo "intelligenza etica".E una lettura eticamente intelligente della realta scientifica,e non solo,passa sempre per la coerenza:il Signor Schmidt non puo dire che siamo in una NUOVA ERA,quella del mobile(insorta da queste pagine)per poi dire che la Gran Bretagna deve ritornare all'ERA VITTORIANA.
La Gran Bretagna e la Common Wealth sono gia in una NUOVA ERA.


La NUOVA ERA come è stato detto in queste pagine si rifa alle idee dell'umanesimo rinascimentale,il liberalismo,il positivismo ottocentesco,il neoclacisismno,l'industrialismo,ecc.Insomma si rifa a quelle idee e moviemti socio culturali che hanno segnato il passaggio del medioevo ai tempi moderni.Non risulta facile in poche parole sintetizzare cosa significa questo periodo storico ma avolte certe opere culturali rendono meglio l'idea:potrei nominare Madame Bovary di Gustave Flauvert,il Don Quijote di Miguel di Cervantes Saavedra,l'opera di William Fulkner e principalemte una opera dai risvolti socioculturali e politiche come il Gattopardo di Giuseppe Tomassi di Lampedsa.Si tratta di autori tutti che appartengono piutosto all'"ancien regime" e purtroppo le sue opere per il suo essere visionario vengono considerati nella modernita.Concretamente per quanto è una opera socioculturale e politica il Gattopardo ci mostra la nostalgia di un aristocrata (Borbone)per un'epoca che svanisce e come la sua famiglia ha dovuto accedere ad una allenaza di classe con l'ascendente borghesia per sopravivere al passo del tempo.E cosa altro hanno fatto il Principe William e Katerin Middleton?Un Arsitocrata appartenete alla famiglia Reale con una borghesina che si dichiara entusiasta del rinascimento che ha studiato in Italia.Quindi Gran Bretagna e gia in una NUOVA ERA.E come mai il Signor Schmidt ci rimanda all'ERA VITTORIANA?.

E purtroppo malgrado le differenze con il Risorgimento Italiano che appartengono piu che altro alla sfera della morale difficilmente possa includersi questo periodo storico Brittanico nel romanticismo medievale pre-riformista,quindi non è un'era tanto "diversa".

Per quanto riguarda alla divisione fra umanistica e scienza ricordo ora che la NUOVA ERA non fa questa divisione pero succede che non bisogna confondere scienza con tecnologia:la tecnologia è solo la materializazzione di una creazione che appartiene ad una categoria di astrazione superiore del pensiero che è la scienza,e l'ipertrofia dell'insegnamento del "come è fatto" l'istrumento,degli aspetti tecnologici insomma porta ineluttabilmente alla creazione di elittismo e settarismo che internet ha superato solo quando ha capito che la tecnologia deve essere messa al servizio dell'uomo e non considerarla un fine in se stesso.E cosi sono nati gli smartphones e i NUOVI MEDIA e venne archiviato il PERSONAL COMPUTER.Una NUOVA ERA insomma che lui riconosce.L'ho spiegato nel mio libro analizzando l'evoluzione dell'espressione e comunicazione tramite la machina dattilografica e la tachigrafia in comparazione con il PERSONAL COMPUTER e il cosidetto "linguaggio elettronico".

Ecco anche cui il motivo di perche Hawlket and Packard ha detto che il futuro delle telecomunicazioni è nel software e non sul personal computer e ha abbandonato la sua fabricazione(come prima aveva fatto IBM)per fare alleanze con la Gran Bretagna per produrre software:mettere l'istrumento al servizzio dell'uomo dando rilievo al contenuto e non alla tecnologia.Non senta nostalgia per il COMPUTER il Signor Schmidt:non è necessario,siamo in una NUOVA ERA dove non c'è separazione fra umanistica e scienza perche sono inescindibilmente uniti nella sua essenza.Una NUOVA ERA dove la sua ex-azienda ora con Larry Page alla testa è avanguardia.Le differenze del presente con l'ERA VITTORIANA se ci sono appartengono piu che altro all'orbita morale che a quella dell'insegnamento e mi pare un vero "tour di force" coinvolgerla in questa polemica sulla Telecomunicazione.

Per finire non bisogna dire che l'integrazione di Internet sulla TV altro non è che una nuova,una delle tente applicazioni del mio concetto di integrazione delle diverse tecnologie delle Telecomunicazioni in un solo supporter e non ha nulla di innovativo che ci faccia pensare a cambiamenti epocali profondi.

 

09:33 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

Les commentaires sont fermés.