28/06/2011

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 81)

venerdì 24 giugno 2011

"NUOVA ERA" SOTTO ATACCO III:LA "ERA" OBAMA NON DA PACE ALLA GLORIA GOOGLE(NE ALLA "NUOVA ERA",NATURALMENTE)

 
1-QUANDO "GOOGLE NON SI SENTE FORTUNATO":LA GLORIA APOTEOTICA DI GOOGLE E LE LIBELLULE.
Oltre mille milioni è il numero di scatti raggiunti da GOOGLE nel mese di Maggio,e cosi è stato il PRIMO SITO DELLA STORIA DI INTERNET A SUPERARE IL MILIARDO DI VISITATORI MENSILI.La NUOVA ERA è "una visone del mondo" e per tanto risulta difficilmente quantificabile con concretezza matematica,e pur troppo questo numero ha,oltre al suo significato numerico un valore simbolico perche essendo Google l'azienda avanguardia della NUOVA ERA ,quella che per primo e meglio ha raccolto i miei concetti scientifici-tecnologici, quel numero porta in se qualcosa altro dalla sua rapresentazione mentale quantitativa:è "IL MILIARDO DELLA NUOVA ERA,i mille milioni che segnano un'altro traguardo superato dall'azienda avanguardia della NUOVA ERA sull'azienda emblematica della resistenza alla "NUOVA ERA PURA E DURA",su quella che puntando alla vecchia INTERNET(virtuale ed elittista funzionando sul "BINOMIO INTERNET-PC FISSO"),su quella che rifiutando in principio i miei concetti 10 anni fa circa in quel suo concorso,e che pure avendosi convertito dopo alla NOVA ERA,riserva ancora tutt'oggi una certa resistenza ai concetti naturali della sua "visione del mondo" e della sua tecnologia funzionado in principio fundamentalmente sul mobile senza fili :infatti Google cosi supera senza dubbi il motore di ricerca BING di MICROSOFT.E PURTROPPO GOOGLE "NON SI SENTE FORTUNATO":"MI SENTO FORTUNATO" è il nome di un pulsante della HOME-PAGE del motore di ricerca Google.E anche se poco usato è diventato "un marchio della casa",la funzione piu caratteristica di Google.Secondo ci informa una notizia recente appresa da me su "La Repubblica" di Italia,nella nuova interfaccia del motore a prova in Finlandia,il pulsante verra sacrificato in nome della semplicita e della velocita.Infatti questo pulsante in sostanza è stato rimpiazzato dalla funzione "instant" che restituisce i risultati della ricerca mentre l'utente sta ancora completando la sua richiesta,facendo superfluo quell'altro pulsante che dirottava sul primo sito che sodisfavaba le condizioni di ricerca.Questo è il significato concreto del cambiamento che ci informa l'azienda,e pur troppo permette un'altra lettura,simbolica se vuoi,e io la faccio,e voi converrete con me sull'opportunismo di questa quando vi informi che propio allo stesso tempo a questa apoteosi della Gloria di Google, l"ANTITRUST USA",la Federal Travel Commission, ha deciso indagare Google per un non ancora specificato "abuso di posizione dominate" e Wall Street fa scendere la sua quotazione in borsa dal 2 per cento.E si,la gloria con il suo bagliore attira su di se le libellule(quelle formiche che condannate a muoversi terra-terra per una volta sola nella sua vita volano verso la luce)e forse è inevitabile che queste cose succedano.Non è la prima volta che capita a Google e da quando si è insediato Obama alla Casa Bianca l'azienda non ha avuto scampo e una nota sul Corriere della Sera di quella epoca che pubblico sotto cosi lo testimonia.Certo forse non possiamo collegare direttamente questo ANTITRUST con l'Amministrazione Obama,allo stesso modo che il Motore di ricerca Google" non è precisamente la cosa piu caratteristica della sua avanguardia della NUOVA ERA,ma se ha due zampe,coda è abbaia altro non pue essere che un cane:pero quest'ultimo "supposto" e la sua inclusione nelle mie pubblicazioni certamente "non li ha portato sfortuna".Invece secondo me questa offensiva su Google è direttamente collegata alle sue opinione all'estero contro le leggi bavaglio su Internet e l'attaco alla fabricazione del mobile,che l'Amministrazione Obama-Hillari vogliono portare avanti con la ferma resistenza del Congresso come avete letto in queste pagine.Vedi di seguito le tre note stampa,su "La Repubblica" quella del miliardo di scatti e quella dell'Antitrust,e sul "Corriere...." una che data dall'insediamento di Obama alla casa bianca e i primi attachi a Google:essere avanguardia a volte non fa sentirsi fortunato. Succede a Google,pero anche al Canada,e alla Common Wealth come avete visto in queste pagine.
A-SU "LA REPUBBLICA":IL MILIARDO DI SCATTI
MOTORI DI RICERCA
Google non si sente fortunato
Il pulsante potrebbe sparire
Nella nuova interfaccia sperimentata dal sito, cancellato il bottone "I'm feeling lucky". Negli anni è diventato un marchio di fabbrica, ma pochi l'hanno usato. E la funzione Instant lo rende ancor più superfluo. A maggio superato per la prima volta nella storia di internet il miliardo di visitatori mensili
La homepage di Google con il pulsante "Mi sento fortunato" Da oltre dieci anni è uno dei simboli di Google, tanto da essere stato registrato come marchio commerciale. Ma ora potrebbe sparire, sacrificato sull'altare della semplicità e della velocità: è il pulsante "Mi sento fortunato", una delle funzioni più note di Google fin dalla sua nascita.La condanna del bottone "I'm feeling lucky" non è ancora decisa, ma è molto probabile: nella nuova interfaccia che il motore di ricerca sta sperimentando sulla sua homepage finlandese, lo storico pulsante non c'è: al suo posto, un unico bottone con l'icona di una lente d'ingrandimento."Mi sento fortunato" è senza dubbio una delle funzioni più superflue, meno utilizzate, eppure più caratteristiche di Google. Il pulsante permette di essere dirottati direttamente sul primo sito che soddisfa le condizioni di una ricerca. Sergey Brin e Larry Page, i creatori del sito, lo idearono per enfatizzare la precisione del loro algoritmo. Il messaggio che il pulsante voleva dare a chi arrivava su Google per la prima volta era: il nostro motore di ricerca è così intelligente che, con un po' di fortuna, il primo risultato che ti proporrà sarà esattamente quello che volevi.Un'ambizione evidentemente fondata, visto che nel giro di pochi anni Google è diventato il motore di ricerca più apprezzato del mondo, rendendo milionari i suoi creatori e trasformandosi nel fulcro di un vero e proprio impero di servizi internet che vanno dalla posta elettronica di Gmail ai video di YouTube. Nel mese di maggio, è stato il primo sito della storia di internet a superare il miliardo di visitatori mensili. "I'm feeling lucky" è rimasto sulla quasi immutabile homepage di Google come fortunato marchio di fabbrica. In ogni parodia di Google c'era una versione modificata del pulsante. Ma pochi tra i milioni di utenti del motore di ricerca ricordano di averlo mai usato.E così, ora, potrebbe sparire. D'altra parte, da quando il sito ha introdotto la funzione "Instant", che restituisce i risultati della ricerca mentre l'utente sta ancora completando la sua richiesta, qualunque pulsante risulta superfluo.
(22 giugno 2011) © Riproduzione riservato
TESTIMONIO GRAFICO:

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
B-SU "LA REPUBBLICA":INDAGA L'ANTITRUST
MOTORI DI RICERCA
Google, indaga l'antitrust Usa
E il colosso affonda in Borsa
La Federal Trade Commission starebbe per aprire un'inchiesta per capire se l'azienda di Mountain View abbia approfittato della sua posizione dominante a scapito dei concorrenti dal nostro inviato ANGELO AQUARO
NEW YORK - Digitate su Google le parole "Google" e "antitrust" e scoprirete che Google sta finendo sotto inchiesta. La notizia è uno schiaffo per il gigante di Mountain View che a Wall Street - in una giornata in cui tutti gli indici tendono al rosso - perde già il 2 per cento mentre dal quartiere generale nessuno vuole confermare. Ma la Federal Trade Commission, la commissione Usa che sovrintende al business e al commercio, avrebbe davvero aperto un'inchiesta in cui sospetta il motore di ricerca più famoso del mondo di approfittare della sua posizione dominante per incanalare sul suo network risorse destinate ai rivali.Non è la prima volta che la creatura di Larry Page e Sergej Brin deve affrontare traversie giudiziarie. Ma stavolta a puntare il dito contro i giganti americani di internet non sono i sospettosissimi europei, che prima avevano sollevato le accuse di violazione della privacy e poi si erano avventurati 1, già nell'autunno scorso, nello scivolosissimo terreno dell'antitrust, con l'Unione europea scesa direttamente in campo. Questa volta la battaglia si gioca tutta in casa: e al livello più alto. L'inchiesta aperta, che secondo il Wall Street Journal dovrebbe essere formalizzata nei prossimi giorni, è la più seria che la compagnia miliardaria si appresterebbe ad affrontare negli Usa.Google è già stata più volte mirino dell'Antitrust, anche in America: ma sotto esame erano quasi sempre finite le acquisizioni più o meno milionarie, come l'ultima appena un paio di mesi fa di ITA Software, una compagnia che avrebbe ulteriormente accresciuto la sua posizione dominante. Adesso però la casa di Mountain View rischia di finire alla sbarra proprio per quelle che vengono definite "questioni fondamentali" del suo business. Google rappresenta i due terzi delle ricerche su internet negli States e le ricerche, si sa, sono quelle che hanno trasformato il motore californiano in una macchina miliardaria, favorendo la pubblicità che ogni navigatore scorge accanto a ogni risultato, in una fascia separata e ben distinta. Ora i detective della FTC vogliono scoprire se oltre all'algoritmo dei misteri che ha fatto la fortuna del supermotore, Google abbia usato e usi "mezzi scorretti" per incanalare gli utenti sul suo network sempre più in espansione: ai danni ovviamente dei concorrenti. L'indagine per la verità era nell'aria, o quantomeno nel web: Thomas Rosch, il commissario della Federal Trade Commmission, aveva annunciato qualche tempo fa di essere pronto a fare pulizia nel campo dell'industria della ricerca su internet, senza ovviamente specificare i nomi delle compagnie. Ma i nomi sono un segreto di Pulcinella: da una parte c'è Google, dall'altra lo sfidante Microsoft che con il suo Bing sta faticosamente cercando di guadagnare spazio nel campo praticamente monopolizzato. L'inchiesta, adesso, potrebbe allargarsi anche ad altre compagnie, e ai rapporti che hanno avuto appunto con Google. Un'indagine insomma che rischia di espandersi a ragnatela: che poi, si sa, in inglese si dice proprio web.
(23 giugno 2011) © Riproduzione riservata
TESTIMONIO GRAFICO:


.
.
.
.
.
.
.
.
.
.




.
 .
.
C-DAI MIEI ARCHIVI PERSONALI:ALL'INSEDIAMENTO DI OBAMA-HILLARY
-SU "CORRIERE..":GOOGLE SOTTO INCHIESTA PER L'ACCORDO CON GLI SCRITTORI:
 

09:57 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

18/06/2011

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 80)

mercoledì 15 giugno 2011

QUESTO SI E' "NUOVA ERA"(LADY GAGA E' DI MODA)

 
Vi raccontero di seguito le ultime vicende del definitivo insediamento della "NUOVA ERA" in Italia.Non è che in Italia non essistessi anteriormente "NUOVA ERA",anzi è ,naturalmente,dei primi paesi ad aderire alle mie riflessioni al riguardo,pero ha subito un piccolo contratempo,un interregno marcato dalla volonta politica di Berlusconi e certa sinistra transformnista di impedirne in questo suo ultimo passagio per il governo,la verita sulla sua procedenza,i suoi veri concetti,e la sua vera essenza.Un tentativo di apropiarsene della sua "visone del mondo" a scopo politico partitistico,e un tentativo reazionario(in termini di telecomunicazioni),a scopo di negare o distorcere il protagonismo delle sue tecnologie e del suo Know How in favore dei mezzi tradizionali che in ITALIA sono assolutamente tutti in mano di Berlusconi,compagnia bella e i suoi seguaci.
Permettetemi lo ripeta perche per quanto incrdibile sembri,non sono distratto ne preso di un colpo di sole in testa:si,in ITALIA tutti i mezzi di comunicazzioni di massa,cio'è TV,RADIO E GIORNALI STAMPA,sia PUBBLICCI che PRIVATI tranne scarse eccezioni sono in mano a Berlusconi e i suoi.E queste ecezzioni(sinistra transformista)li ha,per quanto scomodo sia,in "co-abitazione" al governo.
Da questo racconto emergera con luce chiara il processo della svolta insieme alla definitiva archiviazione della stagione(appena un interregno)del Berlusconismo o meglio,del duo BERLUSCONI-BOSSI, e vale a dire della coalizione NEO-LIBERALISMO-LEGA NORD.
Questo racconto sara fatto di una raccolta cronologica delle mie pubblicazioni sui miei blog e alcuni note stampa in raporto alle ultime ELEZIONI AMMINISTRATIVE E REFERENDUM ABROGATIVO,che hanno visto una schiacciante valnga di voti contrarie a Berlusconi-Bossi è come dicevo hanno segnato il definitivo tramonto della sua era insieme ad una chiara e ormai non piu ignorata vittoria della "NUOVA ERA".

1)Potrebbe dirsi che questo ultimo periodo dell'era Berlusconi su queste mie pagine si inizia in questa mia pubblicazione:

7 MAGGIO 2011:LIBIA,L'ITALIA E BERTOLDO,BERTOLDINO E CACASENNO

-TITOLARI SU "CORRIERE DELLA SERA":
LA GUERRA:«Libia,stop al fuoco in un mese
Fini:una brutta figura dopo l'altra
22:19 ESTERIL'annuncio di Frattini: «Le ipotesi più realistiche
per la fine delle operazioni militari sono di tre settimane».
Il presidente della Camera attacca: «Colpa della Lega» Video

LA MIA REAZIONE:LE COSE A POSTO
PRIMO,CONTRO LA LIBIA NON C'E' NESSUNA GUERRA IN ATTO.NON C'E' NE PER PARTE DELLA COALIZIONE NE TANTO MENO PER PARTE DELLA NATO.IN LIBIA,MALGRADO ALCUNI IN ITALIA E NEL GRUPPO DI CONTATTO LO VOGLIANO DIMENTICARE, COMMANDA LA RISOLUZIONE DELLA ONU:SOLO LO STABILIMENTO DI UNA "NO-FLY-ZONE" A SCOPO DI PROTEZIONE DEI CIVILI.QUINDI IL CORRIERE DELLA SERA INTITOLA MALE LA NOTA,E SE ALCUNA GUERRA C'E' E' UNA GUERRA CIVILE, E QUANDO FRATTINI PARLA DI TEMPI PER IL "CESSATE IL FUOCO" O I BOMBARDAMENTI PARLA A VANBERA.(POCHI GIORNI FA PARLAVA DI "CESSATE IL FUOCO" PERO PER PARTE DI KADAFY E NON DELLA COALIZIONE).SECONDO,LA NATO STA ATTUANDO LA RISOLUZIONE DELL'ONU SENZA DISCOSTARSI NE UN PUNTO NE UN COMMA MALGRADO QUALCUNA PRESSIONE PER PARTE DELLA COALIZIONE.TERZO,IN QUESTO MOMENTO NEL SENO DELLA COALIZIONE SI STA LAVORANDO ALL'ATTUAZIONE DELLA PACE NELLA LIBIA E NEL MEDITERRANEO MA NON PERCHE L'ITALIA LO PROPONGA MA PERCHE SARKOZY,MOLTO PRIMA CHE BOSSI NE PARLASSI,HA CAMBIATO POSTURA E COSI LO HA DECISO INIZIANDO CONSULTAZIONI A QUESTO FINE CON ISRAELE.FINALMENTE PER QUANTO RIGUARDA ALL'ITALIA:PARODIANDO LA CORTE DEL RE ALBOINO,BERLUSCONI-BERTOLDO E FRATTINI-BERTOLDINO.BERLUSCONI FIRMA UN TRATTATO DI AMICIZZIA CON KADAFY,POI SCATTATA LA RIVOLTA FRATTINI DA "L'ALTO LA":"NESSUNO INTERVENGA NEGLI AFFARI INTERNI DELLA LIBIA"(PENSAVA ALL'UNIONE EUROPEA MA NON SOLO).SCAGGIONATI DALLA FRANCIA,USA E OCCIDENTE E INOLTRE PENSANDO CHE PER KADAFY LA PARTITA ERA CHISUA FRATTINI CORRE AI RIPARI:"SIAMO COI RIBELLI".MA LE COSE NON ADARONO COSI,KADAFY HA TENUTO E ALLORA BERLUSCONI NEL MEDESIMO TEMPO DI FRATTINI:"IO,KADAFY E LA COALIZIONE","MAI FAREMMO GUERRA ALLA LIBIA".MA FRATTINI VA IN USA A PRENDERE ISTRUZIONI E AL RITORNO:"L'ITALIA BOMBARDERA KADAFY".ULTIMO ATTO,ENTRA IN SCENA CACASENNO-BOSSI:"BOMBARDIAMO MA A TEMPO FISSO".ORA DOPO L'ULTIMO VERTICE A ROMA DEL GRUPPO DI CONTATTO,CI SI VUOLE PRESENTARE UN IMPEGNO LIMITATO DI TRE SETTIMANE PER L'ALTO IL FUOCO COME UN SUCESSO ITALIANO:LA NATO NON HA PRESO NESSUN IMPEGNO LIMITATO,E QUESTO NON LO PUO FARE NESSUNO NELLA COALIZIONE,NE MENO USA.E SE SI PARLA DI PACE HO GIA DETTO IL MOTIVO:LA VOCE DELL'ITALIA NON HA NESSUNA RILEVANZA NE PER LA NATO NE PER LA COALIZIONE,E COME DICE FINI SIAMO DIVENTATO IL CIRCO ITINERANTE DEI PAESI CHE DECIDONO.MA C'E' DELL'ALTRO ANCORA:"DAREMMO ARME AI RIBELLI" SI SENTE DIRE:ARME ALLA FRAZIONE DI AL-KAEDA CHE PREDICA LA "GUERRA DI PROSSIMITA" CONTRO LE "SATRAPIE" LOCALI DI OCCIDENTE?CON USA E IL DIPARTIMENTO DI STATO I SUOI ATTIVISTI AGISCONO IN CONTATTO E DI ACCORDO,MA CHI CI DA CERTEZZA CHE L'EUROPA NON SUBIRA ATTACHI TERRORISTI "LONTANI" ALL'ODIATO NEMICO OCCIDENTALE QUANDO QUESTA FRAZIONE E I FRATELLI MUSSULMANI(NON PARLO DI BARAK HUSSEIN OBAMA,UN SOCIALISTA CONOSCIUTO E!!!)ASCENDANO AL POTERE?A QUESTE COSE PENSANO LA FRANCIA E ISRAELE QUANDO CORRONO SUBITO ALLA PACE,E NON HA BOSSI O LA NOSTRA CORTE DEL RE ALBOINO.

E PERCHE LE ARME NON LI DANNO AD EMERGENCY?SONO DALLA STESSA PARTE DEI RIBELLI E AL-KAEDA ORMAI.O POTREBBE DARLE ANCHE AI GUERRIGLIERI URUGUAYANI PER "DIFENDERE" L'OSPEDALE ITALIANO E LA SALUTE DELLA COLLETIVITA ITALIANA IN QUEL PAESE.TANTO GIA GLIEL'ABBIAMO DATO A KADAFY PER FRENARE GLI IMMIGRANTI CHE NON HANNO MAI FERMATO,PERO HANNO SERVITO A RICATTARE L'EUROPA COME ADESSO FA BOSSI CON LO SPAZIO SHENGEN DOPO DI DARE "SALVO-CONDOTTI" AI RIFUGIATI TUNESINI E LIBICI.SUL SERIO:E' ORA DI LICENZIARE QUESTO CIRCO.COMPRESI NANI E BALLERINI.
-----------
-PD.:Per una migliore lettura del "processo" consiglio leggere questo scritto nel contesto dell'intera pagina: http://espace.canoe.ca/dtgiuseppecianci/blog/view/521932
Tenete conto che qui l'argomento principale non è la Telecomunicazione pero il solo scopo è mostrarvi la volonta di dare un taglio.
2)-8 MAGGIO 2011,RIVOLTE E MEDITERRANEO:EDITORIALE DELLA "NUOVA ERA":
-NOTA SU "LE FIGARO"
Rivolte Arabi:"una vittoria di al-Qaida. AFP
08/05/2011/Aggiornamento:21:56 Reazioni(21)
Al-Kaeda nel Magreb Islamico(Aqmi)afferma dentro un messaggio diffuso su Internet che le rivolte dentro i paesi arabi sono una vittoria di Al-Kaeda,riporta oggi il sito centro Americano di sorveglianza dei siti islamisti SITE.
"Gli avvenimenti che scuotono il mondo arabo non sono altro che un frutto frai frutti che la jihad a raccolto e dentro di quella lo sceico(Ossama Ben Laden)a giocato un ruolo da primo piano",afferma Aqmi nel suo messagio in diploramento della morte del capo di Al-kaeda,assasinato per un commando americano il 2 maggio nel Pakistano.
-Leggi nel testimonio grafico la nota originale(Inglese):leggilo direttamente sulla pagina di provenienza.

LA MIA REAZIONE:Se questo è vero (e ha tutta l'aria di verosimilituddine),e visto che Obama-Clinton incoraggiano i rivoltosi dobbiamo concludere che l'azione contro Ben Laden(se dovessi confermarsi,altro non è che un regolamento di conti USA,strettamente "nazionale",ma sopratutto un colpo propagandistico di consumo interno del duo Obama-Clinton disperati dal Tsunami Repubblicano ai mezzi termini e la precipitosa caduta di popolarita di Obama.Inoltre spiazzato dai reflettori mediatiche dalle nozze reali in Gran Bretagna e la Beatificazione di G.P.II a San Pietro(manifestazioni di massa dall'Anglicanismo e il Cattolicesimo insomma).Se dovessi dimostrarsi che Ossama Ben Laden è morto,si capisce,ripeto:che non ci sono prove scientificamente valide,e non ci saranno mai perche il corpo ci dicono che è stato gettato in mare.
Inoltre questo scenario politico nel Nord Africa e il Mediterraneo incrementa i rischi per l'Europa:attentati terroristici e invasione di rifugiati fra i quali terroristi.E' ovvio che questa America di Obama all'Europa non ci tiene,(anche gli Americani accusano Obama di essere "scortese" con i vecchi alleati USA)e tanto meno al Mediterraneo,culla della NUOVA ERA che malgrado il duo la stia combattendo,pretende coinvolgerla nelle rivolte:la "NUOVA ERA" non ha nulla a che fare con RIVOLTOSI e i suoi attivisti.LA "NUOVA ERA" NON FA POLITICA,RIBADISCO.
-----------------
-PD.:Il link della pagina di origine è la stessa dell'item 1. Questo scritto è stato incluso al solo scopo di illustrare dello stato attuale della NUOVA ERA .

3)-Ecco la mia reazione(in rapporto alla NUOVA ERA) sulla prima notizia dell'atto elettorale:
-16 MAGGIO 2011,NON SOLO PAROLE DA QUESTE PAGINE:LA "NUOVA ERA" E' GIA IN ITALIA.OGGI CI SONO STATE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN ITALIA(IL MESE PROSSIMO I REFERENDUM)E IL RISULTATO PER LA "NUOVA ERA" NON POTEVA ESSERE MEGLIO:FINITA L'ERA BERLUSCONI-LEGA NORD.I VOTI SONO ANCORA IN CONTEGGIO QUINDI DOPO INSIEME ALLE CIFRE FINALI APPROFONDERO,PERO IN PRINCIPIO CON QUESTI RISULTATI SI SONO COMPIUTI ALCUNI MIEI TEOREMI:IL PRIMO RECITA CHE IN OGNI ELEZIONE LA ERA BERLUSCONI-BOSSI SI AVVICINA DI UN PASSO VERSO AL PRECIPIZIO.(QUESTA VOLTA PERO C'E' CASCATO DENTRO E........ "CU TUTTU LU CUMPAGNUNI").E ANCHE UN ALTRO MIO TEOREMA:BENE ANCHE IL PARTITO DEL NON-VOTO.L'AFLUENZA ALLE URNE E' TORNATO A CALARE RIGUARDO DELLE ELEZIONI PROVINCIALI E COMUNALI ANTERIORI.QUINDI TUTTO IL CETO POLITICO AL POTERE VIENE PENALIZZATO. UN'ALTRO:MALGRADO HANNO CRESCIUTO I RADICALI SONO STATI I MODERATI A OCCUPARE IL PROTGONISMO.E POI ANCHE LA SFIDA CONTRO LA GIUSTIZZIA HANNO PERSO AGLI OCCHI DELLA GENTE.E IL POPOLO E' FELICE.
DOPO L'AMERICA,L'INGLITERRA,LA SPAGNA,LA FRANCIA,LA GERMANIA,LA POLONIA ED ALTRI PAESI DELL'EUROPA EAST,LA CINA,ECC,ECC,ECC,(E PERFINO LA STESSA RUSSIA),ANCHE IN ITALIA LA SVOLTA POLITICA STA ARRIVANDO:LA NUOVA ERA EGEMONIZZA.
---------
PD.:Leggi lo scritto completo e il suo contesto negli altri scritti,in questa pagina:
http://espace.canoe.ca/dtgiuseppecianci/blog/view/529092
4)-E nella mia pagina personale dicevo questo sullo stesso argomento:
10 GIUGNIO 2011:NATURALMENTE BERLUSCONI HA PERSO LE ELEZIONI AMMINISTRATIVI,UN VERO TSUNAMI DELLE OPPOSIZIONI CHE HA SPAZZATO VIA LA LEGA NORD E IL BERLUSCONISMO DEI COMUNI DELLE GRANDI CITTA SIA AL SUD CHE AL NORD.NATURALMENTE LE SUE PRIME PAROLE CERCANDO DI DARE UNA SPIEGAZIONE SULLA PESANTE SCONFITTA LI HA DEDICATI AI MEZZI,ACCUSATI DA LUI COME I VERI CAUSANTI DELLA SCONFITTA.PERO INDOVINATE COSA?:I RISPONSABILI SONO STATI TV E I GIORNALI STAMPA.ECCO,SI,COSI SELETTIVAMENTE IDENTIFICATI,PERO NE MENO UNA PAROLA SUI "NUOVI MEZZI",CIO'E' LE NETWORKS E INTERNET.NON E' CREDIBILE,L'ESCLUSIONE E IL SILENZIO LO SMASCHERANO E LO CONDANNANO:HA VINTO LA "NUOVA ERA".HA PERSO PER LA "NUOVA ERA".LEGGI PIU PARTICOLARI CUA: http://espace.canoe.ca/dtgiuseppecianci/blog/view/545302" (QUANDO METTERE LA FACCIA NON PAGA").ORA MANCANO I REFERENDUM PREVISTI PER QUESTA DOMENICA.
----------------
PD.:Questo è il link corrispondente dove potrai finire di leggere questo scritto: http://espace.canoe.ca/dottcianciminoto/blog/view/507872

4)-Le amministrative lasciarono in bilico il Municipio di Milano e quello di Napoli.Vedi nel link di questa pagina la mia opinione sul risultato schiacciante su Berlusconi in due note:
a-21 MAGGIO 2011:BALOTAGGIO A MILANO:LOMBARDIA TERRA DI NESSUNO
Questo scritto non lo riporto qua,leggilo direttamente.E dopo finiti i ballotaggi questo:
b-30 MAGGIO 2011:ELEZIONI AMMINISTRATIVI ITALIANI FINITI:ERA BERLUSCONI-BOSSI FINITA.VIVA LA "NUOVA ERA".
1)-VEDI IL TITOLARE DI "LA STAMPA" E DOPO LE MIE PAROLE:
"BALLOTTAGGI - I VERDETTI
Milano, Pisapia sindaco. A Napoli vince De MagistrisIl centrosinistra conquista Trieste, Novara e Cagliari
Terremoto nel Pdl. Maroni: "Sberla, serve riflessione"Bersani: "Dimissioni, una valanga contro Berlusconi"
L'avvocato stacca di 10 punti la Moratti: "Abbiamo liberato la città". Il centrodestra tiene solo a Varese, Rovigo e Vercelli.Bondi si dimette da coordinatore, la Lega attacca il premier: "Ma per adesso niente crisi". Fini: "Berlusconismo archiviato"FORUM Commentate i risultati delle amministrative/ OPINIONI La posta in gioco Il commento di MICHELE BRAMBILLA/ SPECIALE ELEZIONI Notizie, analisi e approfondimenti sul voto".(fine dei titolari stampa)
-LA MIA REAZIONE:IL RISULTATO DI QUESTE AMMINISTRATIVE NON POTEVA ESSERE PIU CONCLUDENTE:L'ITALIA HA DETTO BASTA ALLA ERA BERLUSCONI-BOSSI.QUESTE ELEZIONI SONO STATE QUALCOSA ALTRO CHE UN TEST PER EL GOVERNO,SONO STATE UNA SCHIACCIANTE PRESA DI POSIZIONE DELL'ELETTORATO.LA VITTORIA CONTRO IL CETO POLITICO AL POTERE OLTRE AD ESSERE PER UNA MAGGIORANZA DI VOTI ENORME CHE NON LASCIA DUBBI AL RIFIUTO POPOLARE, E' EFFICACE:SECONDO IL REGIME DATOSI DALL'ITALIA NEL DOPO GUERRA,IL POTERE REALE RISIEDE NEI COMUNI,NEI SINDACI.QUESTO E' STATO DETTO IN QUESTE PAGINE,DI QUESTO HANNO PRESO NOTA GLI ATTORI POLITICI,QUESTO ERA IN GIOCO E QUESTO HA ESPRESSO IL VOTANTE.PURE AVVERTENDO CHE IL REGIME CORRE AI RIPARI TACENDO QUESTO ASPETTO,SOPRAVALUTANDO LA SPARTIZZIONE IDEOLOGICA SEMPLICISTA E MANICHEISTA "CENTRO-SINISTRA"-"CENTRO-DESTRA",SOLO CONVENZIONALE SENZA RISCONTRO NELLA REALTA OPERATIVA,(DE MAGISTRI,FINO AL "GIORNO PRIMA" GIUDICE,IN QUALE "CENTRO" LO VOGLIATE METTERE?),E TENTANDO RISPARMIARE LA PORTATA DELLA SCONFITTA PER BOSSI E LA LEGA(VEDI SOTTO),LA LETTURA DELLE VOTAZIONI CI DICE CHE LA LEGA NORD HA FINITO DI ESSERE LA SPERANZA DI AVERE QUALCHE GIORNO LA RAPRESENTANZA DI QUALCUNA FASCIA SIGNIFICATIVA DELL'ELETTORATO NORDICO(FINO A ADESSO NON HA MAI PASSATO DI ESSERE UN PICCOLO FURGONE DI CODA ELETTORALE INTORNO AL 5 O 6 PER CENTO),E CHE BERLUSCONI NON HA PIU LA FIDUCIA DELL'ELETTORE PER GOVERNARE IL PAESE.LA ERA BERLUSCONI-BOSSI E' FINITA E SOLO RESTA STARE A VEDERE COME SARA LA "EXIT-STRATEGY".NEI PROSSIMI GIORNI I REFERENDUM,E PRINCIPALEMNTE QUELLO SUL NUCLEARE E IL LEGITTIMO IMPEDIMENTO CI DARA ALTRE INDICAZIONI.BENE GLI IATLIANI
-----------
5)-E sulle amministrative in rapporto alla NUOVA ERA nella pagina che segue il cui link vedi sotto ho espresso questa mia opinione nella nota "4 GIUGNIO 2011:QUANDO METTERE LA FACCIA NON PAGA", che dovrai leggere completa direttamente:
LA MIA REAZIONE:Questo è l'analisi di Berlusconi sulla schiacciante sconfitta nelle amministrative.Pesante sconfitta che riguarda sopratutto la sua tana Milanese,a mani di PISAPIA,e i comuni del Nord dove con la Lega crede di essere rapresentativo.Secondo Berlusconi avrebbe perso per colpa della TV e dei giornali stampa:meno male,fosse stato per Internet e i Network migliaia di Internauti oggi sarebbero in prigione.
Che certa giustizia politizatta è funzionale agli interessi politici di Berlusconi ben lo sapiamo:perfino Maroni,la Marcegaglia e Luca Cordero di Montezemolo hanno subiti guai giudiziari quando si sono azzardati a criticarlo e/o annunciare la loro scesa in campo in postulazioni politche elettorali.Che le network ed Internet siano sulla mira di questo ceto politico al potere non ha bisogno di essempi:basta ricordare che perfino i dirigenti di Google furono imprigionati accusati di editare fatti lessive per qualcuno,quando è ben chiaro che il motore di ricerca tutto al piu si limita ad offrire una risorsa tecnica ai titolari dei siti che sono i veri risponsabili del contenuto pubblicato(ammettendo che quello che ha motivato la condanna sia contenuto illicito,che non lo è).Grande è l'ipocrisia di certi PM.Quale è allora il motivo di misconoscere il ruolo delle reti Internet nella sua sconfitta,che non ho dubbi lo ha avuto?:Politico.Le famiglie Moratti-Della Valle imparentate e gestori del feudo comunale Milanese oltre a dei feudi sportivi,sono relazionati con la repressione della liberta di espressione sui mezzi tecnologici della NUOVA ERA,e particolarmente ai direttivi di Google.Ammetere che nella sconfitta avrebbero inciso i NUOVI MEDIA,sarebbe ammetere che il popolo ha condannato i repressori della liberta di espressione,ma sopratutto sarebbe ammettere che la NUOVA ERA preconizzata da queste pagine è alla base della sconfitta.E BERLUSCONI NON CI METTE LA FACCIA,NE VUOLE METTERCI QUELLA DI QUESTI POST-MODERNI NEOLIBERALI SIGNORI FEUDALI.
La TV e i giornali stampa tanto pubblica come privata subiscono uno scandaloso ed eversivo concentramento e tutti o quasi sono nelle mani di BERLUSCONI E I SUOI SEGUACI:sarebbe troppo umiliante ammetere che pure cosi ha perso di brutto i comizzi, e per sempre il suo presunto potere politico al NORD,solo convalidato dal suo propagandistico megalomane ottimismo e dai sondaggiometri che i suoi adoperano a piacere.Sarebbe troppo ammetere che gli Italiani oggi contano con un potente mezzo di espressione massiva BASATO NELLE NETWORK in grado di spiazzare le sue pretese elettorali con un tsunami di voti simile alle massive mobilitazioni della primavera Araba.E qua inciampiamo con un'altro simile:crede per caso Berlusconi che gode migliore immagine di quella del suo "amico" Libico immortalato in un PUNICO "Trattato di Amicizzia"?:il tsunami elettorale dice di no e mi ha dato ragione a questo quesito messo in anticipo su queste pagine.Non signor Berlusconi,lei non ha perso per la TV ne per i giornali stampa,ha perso perche la sua persona non sta a cuore agli Italiani,ne meno a quelli del povero Nord se dovessi essere rafigurato in prouomini come lei.Ha perso per sottovalutare l'intelligenza degli Italiani pensando che con vittorie sportive e parlando di spazzatura avrebbero accolto il suo voto,ha perso perche lei come si vede in questa nota,attinge alla minaccie violentisti(con fantasmi di guerra civile in questo caso),ogni volta che sente tremare la sua poltrona,ha perso perche il popolo Italiano ha capito chi è lei e i i suoi seguaci.No,lei non vince 4 a 1,lei non ha piu i numeri necessarie e utili per dare governanza e stabilita per lungo tempo.Per queste ed altre mille ragioni che non è del caso analizzare in questo scritto lei ha perso,e forse per sempre.CI METTA LA FACCIA,non faccia come lo struzzo che nasconde la testa sotto terra per non amettere il pericolo.CI LA METTA,SI ASSUMA LE SUE RISPONSABILITA,FACCIA UN SINCERO ANALISI DELLA SUA SITUAZIONE POLITICA E SI DIMETTA PRIMA CHE IL REFERENDUM LI DIA LA STOCCATA FINALE.SI METTA IL CUORE IN PACE E LASCI:OGGI LEI NON PUO PIU NASCONDERE QUESTE VERITA NEL MONOPOLIO MEDIATICO PERCHE IL POPOLO ITALIANO CONTA CON UNA NUOVA RISORSA LIBERATRICE TANTO COME LO E' LA VERITA,UNA "NUOVA ERA" DELLE TELECOMUNICAZIONI BASATA IN INTERNET E LE RETE.E LEI POTRA IMPRIGIONARE ALCUN DIRIGENTE GOOGLE,ALCUNI UTENTI MA NON TUTTI:70,80 90 MILA INTERNAUTI ECCEDONO LA CAPACITA LOCATIVA DELLE SUE PRIGIONI.E IL POPOLO ITALIANO NON SI FARA INTIMIDIRE DI LEI E I SUOI SEGUACI,CI SI PUO SCOMMETERE.E SE NON CREDE A ME DIA UNO SGUARDO A COSA STA SUCCEDENDO IN GRAN BRETAGNA DOVE IL PARLAMENTO HA PRATTICAMENTE DIROCCATO LA SUPREMA CORTE DI GIUSTIZZIA CHE A RICHIESTA DI UN SEMPLICE CALCISTA (RYAN)VOLEVA INCARCERARE CHI HA DATO A LUCE IL NOME DI UNA SUA RELAZIONE EXTRACONIUGALE GIA PUBBLICATO PRIMA IN UNA RETE DI 75.000 UTENTI.STESSA COSA STA SUCCEDENDO IN FRANCIA OGGI STESSO CON MOBILITAZIONI DI MASSA CHE COME QUELLI DELLA SPAGNA PRIMA DELLA SCONFITTA DI ZAPATTERO SI SONO "SALIDO DI MADRE",MA LA LIBERTA DI ESPRESSIONE NON SI TOCCA DICONO I FRANCESI.RIFLETTA,LEI NON HA PIU IL MONOPOLIO DELLE COMUNICAZIONI DI MASSA,UNA "NUOVA ERA" DELLE TELECOMUNICAZIONE SI HA MESSO IN MOTO URBI ET ORBI,PURE IN ITALIA HA SUONATO LA SUA ORA E NON SARA LEI HA FERMARLA.
-----
PD.:Il link è questo: http://espace.canoe.ca/dtgiuseppecianci/blog/view/545302
------------
6)-Finalmente il "raduno" elettorale di "mezzo termine" fatto dalle ELEZIONI AMMINISTRATIVE,il BALLOTAGIO dei comuni in bilico nel primo turno e ora il REFERENDUM,è arrivato alla fine.Prima del REFERENDUM leggi in questa pagina il cui link vedi sotto,"la previa" nello scritto: 8 GIUGNIO 2011:REFERENDUM:LE TRUFFE ELETTORALI DI BERLUSCONI.-LA MIA VIVENZA DEL REFERENDUM ALL'ESTERO.

E finalmente il REFERENDUM:questa è la mia opinione espressa nello scritto(che dovrai leggere completo direttamente) intitolato:13 GIUGNIO 2011:TSUNAMI REFERENDARIO
REFERENDUM:QUORUM RIAGIUNTO E IL WEB IMPAZZITO
-NO AL NUCLEARE,NON AL LEGITTIMO IMPEDIMENTO,NO ALLA PRIVATIZAZZIONE DELL'AQUA.

-LA MIA REAZIONE:QUESTO RISULTATO DOVREBBE FARE RIFLETTERE A TUTTI QUELLI CHE A DESTRA E A MANCA HANNO FATTO UNA LETTURA SBAGLIATA SIA DELLE ELEZIONI ANTERIORI CHE DEL VERO ANIMO DEGLI ITALIANI E LA SITUAZIONE POLITICA DEL PAESE.TUTTI QUELLI CHE SEMPRE SI SONO RIFIUTATO DI FARE UN CORRETTO ESSERCIZIO DELLA DEMOCRAZIA ANDANDO AL VOTO DI FRONTE ALLA NAUSEABONDA E STAGNATE SITUAZIONE POLITICA OLTRE ALL'IMMAGINE DEL PAESE,TUTTI QUELLI CHE CON LE PIU SVARIATI SCUSE(NON C'E' UNA FIGURA ALTERNATIVA ERA IL COMMENTO PIU FREQUENTE) SI NEGAVANO AL CAMBIO.DA QUESTE PAGINE HO SEMPRE SOSTENUTO CHE IL VOTO NON SAREBBE STATO FAVOREVOLE A BERLUSCONI E IL CETO AL POTERE ,NON HO MAI CONDIVISO LE LETTURE POLITICHE VERGOGNOSAMENTE SBAGLIATE DEI RISULTATI ELETTORALI CHE ANDAVANO A CONTRO CORRENTE DI CIO CHE ESPRIMEVANO SIA I NUMERI CHE UNO SGUARDO ATTENTO DEL CONFRONTO POLITICO.TUTTI LORO DOVRANNO RIFLETTERE ALLA LUCE DELLA SCHIACIANTE VALANGA DI VOTI ANTI-GOVERNO SIA NELLE AMMINISTRATIVE CHE NEL REFERENDUM,TUTTI LORO DOVREBBERO VERGOGNARSI:C'E' UN DIVORZIO FRA "L'ITALIA UFFICIALE",QUELLA CHE VIENE FUORI DAI MEZZI TRADIZIONALI(TV E STAMPA),QUELLA CHE CI RACCONTA DAL CETO POLITICO,DALLA CHIESA,DALLE CARICHE RAPRERSENTATIVE ECC,E QUELLA DEL CITTADINO CHE OGNI LUNEDI MATTINA SI ALZA PER ANDARE AL LAVORO SENZA LAMENTARSI MAI,FRA L'ITALIA DEL "RED CARPET" E QUELLA REALE INSOMMA.FORSE SE AVESSIMO IL CORAGGIO DI DARE UNO SGUARDO OGETTIVO AL "NETWORK" QUESTA ULTIMA SI VDREBBE MEGLIO RIFLETTUTA.ED E' POSITIVO CHE IN OCCASIONE DEL REFERENDUM TUTTI I MEZZI ABBIANO DISTACCATO IL RUOLO DELLA RETE.HA VINTO LA "NUOVA ERA",BERLUSCONI LASCI GIA.(Ah...tante grazie a Lady Gaga)
------------------
PD.:Questo è il link : http://espace.canoe.ca/dtgiuseppecianci/blog/view/548812
Pero tiene presente che è meglio leggere tutto il contesto nei link che vanno dalla pagina 124 a 129.

-RICONOSCIMENTO A LADY GAGA:Prima che le tecnologie della NUOVA ERA e le network(espressione della sua "visione del mondo") facessero della rete uno spazio naturale(non piu una INTERNET virtuale) con le dimensioni che oggi le conosciamo e l'influenza che hanno nella vita sociale dei paesi e piu in genere del "villagio globale",ci furono persone che hanno scomesso al futuro dei mezzi della NUOVA ERA quando questi erano ancora solo una promessa.Queste persone hanno fatto di queste tecnologie e dello spazio della rete una nuova dimensione dove progettare le sue attivita ,e fra di loro artisti.Fra di questi Lady Gaga si puo dire che è stata la prima cellebrita ad affidare la sua "fama" alla tecnologia e lo spirito della NUOVA ERA .Nell'atto di chiusura della campagna per il REFERENDUM Lady Gaga ha riunito 500.000 mila persone a Roma a cui ha lasciato il suo messagio.E' questo suo contributo lo è stato anche all'insediamento definitivo della NUOVA ERA in ITALIA:grazie LADY GAGA.E senza dubbi potremmo chiamarla "LA CELLEBRITA DELLA NUOVA ERA"
-Vedi la notizia della sua presenza a Roma.Direttamente nel link di sotto:
12 GIUGNIO 2011,DOMENICA DI REFERENDUM:"LADY GAGA CON GLI OMOSESSUALI"
-SU "CORRIERE ":EUROPRIDE A ROMA «Sono qui per difendere l'amore» Lo show di Lady GagaFoto-Video
Lady Gaga in concerto
.
.
.
.
.
.
.
15:12 CRONACA:La popstar infiamma la folla al Circo Massimo.Prima di cantare il discorso su diritti e uguaglianza.Nel pomeriggio il corteo e la festa dei 500mila nel centro della Capitale:«Uguali diritti»
Video:la giornata
Foto:Lady Gaga sul palco
I suoi fan,Il discorso prima della musica:«Io sono figlia della diversità",L'esibizione di Lady Gaga:tre canzoni per l'Europride,La giornata:la festa a la marcia nel centro di Roma,Fischi per la Polverini alla manifestazione
-VideoBlog-Amare è un diritto umano di R.Noury-Commenta
-E vedi nelle mie pagine cua,la sua prima incursione nella NUOVA ERA: http://cianciminotortoici.blogspot.com/2010/05/la-nuova-era-in-azione.html
Lady Gaga è una cellebrita ormai di non poco successo:la prestigiosa classifica Forbes la da come la "under'30" piu paga al mondo.In efetti secondo una nota sul Corriere della Sera":
"LA CLASSIFICA DI FORBES
Lady Gaga è l'under 30 più pagata
La cantante guadagna 90 milioni di dollari l'anno. Seguono Bieber, Lebron James e Federer
MILANO - Lady Gaga è la vip più pagata al mondo sotto i trenta anni d'età: con 90 milioni di dollari l'anno la cantante, famosa per il proprio abbigliamento eccentrico, conquista il titolo di regina della classifica Forbes delle celebrità under 30 più pagate al mondo.
LA CLASSIFICA - Il secondo posto lo conquista il cantante canadese 17enne Justin Bieber con 53 milioni di dollari."

EPILOGO:QUELLI MEZZI COSI TEMUTI
Non si puo nascondere il sole con una mano,e cosi dopo le parole di Berlusconi e questo scritto, e solo dopo,i grandi mezzi Italiani hanno lasciato trapellare quella verita che tanto impaurisce i politici Italiani:si i mezzi tecnologici della NUOVA ERA,specialmente i NUOVI MEDIA(Social Network)hanno avuto un ruolo nella sconfitta di Berlusconi e Bossi.Non è che si sono lasciati andare,ci mancherebbe altro,ma qualcosa ci hanno lasciato sapere.Di seguito vi faro vedere tre note stampa che ci informano della presenza dei nuovi mezzi ai comizi:

1)-Il "POST-AMMINISTRATIVE":ora,dopo le amministrative e in attesa del referendum,e non prima ci dicono che durante le amministrative la rete e i Social Network "sono entrate nella vita politica degli Italiani".Be...meglio tardi che mai.
Ma ora si,in tempi di pre-referendum la rete è presente:pero "ha un coro",cio'è parla con una sola voce,la voce del "popolo della rete". Naturalmente ha un interprete che ci dice quello che vuole quel popolo:la dimissione di Berlusconi in questo caso.E l'articolista ci informa anche che il"popolo della rete" vuole che questo referendum "abbia un neto valore politico".
Insomma al di la delle mie stuzzicanti ironie per la scarsa voglia di farsi eco dell'influenza dei NUOVI MEDIA,fatto sta che si ha ammesso che i Social Network hanno avuto un ruolo nella sconfitta di Berlusconi il magnate dei mezzi in Italia. Questa volta la NUOVA ERA non è stata ignorata.
Due parole voglio spendere sulla affermazione che il "popolo della rete" ha voluto dare un carattere politico al referendum.Non è vero questa smania manicheista che pretende omologare l'espressione della rete con il centro-sinistra:senza trascurare il fatto che gli organizzatori hanno voluto espressamente evitare il carattere politico dell'apello a votare dandole un aspetto trasversale ai partiti ,sta di fatto che nel dopo-referendum sia a manca che a destra i politici non hanno individuato nel voto un "comune denominatore" che li permetessi capitalizzare a vantaggio di parte l'alluvione contro Berlusconi-Bossi.(1)Caso mai lo schieramento dobbiamo cercarlo nel quorum:ambe due politici avevano fatto apello a non votare e quindi è logico che raggiunto il quorum tutte due vengano considerati SCONFITTI.E per i social network,che rispecchiano la realta, non dovrebbe essere diverso, ma non credo si possa individuare una espressione omogenea nel caso essistesse quella "unita di intenti" chiamata dall'articolista "popolo della rete". Anche estesi settori del chiamato centrodestra,centristi-centristi,moderati,radicali,organizazzioni non politiche,intelletuali,ecc,ecc,hanno chiamato a votare,difficile credere che non hanno una espressione sui NUOVI MEDIA.
(1)Il rifiuto della privatizazzione dell'aqua e l'istallazione degli impianti nucleari difficilmente possono essere visti come un rifiuto all'attivita privata e il mercato.Si tratta di delicati servizzi tradizionalmente gestiti dallo stato,difficili di darli in risponsabilita ai privati,e se venissero privatizzati,che non è "politicamente corretto" si tratterebbe della creazione di una struttura para-statale piu che di attivita privata.Lo abbiamo gia visto con Bertolasso e la protezione civile.Si tratta piu tosto di una voracita neo-liberale che si ha mostrato fallimentare in tutto il mondo(Queste ditte spagnole che dovevano privatizzarli sono state cacciati gia del sud-america perche la sua gestione non è stata efficente.Pero lo stato ha dovuto ripagare cio che aveva venduto per poco a prezzi d'oro)
Vedi di seguito la nota su "Corriere....":

IL WEB
«Ciao Silvio», per il popolo di Facebook Berlusconi si deve dimettere
Chiuse le urne si moltiplicano video, foto e slogan satirici che invitano il Presidente del Consiglio a lasciare
MILANO - «Ciao Silvio», «Legittimo Godimento», e «senti che bel vento». Che la Rete e i social network siano entrati come non mai nella vita politica del nostro paese ne avevamo già avuto prova durante le amministrative. A Milano per esempio, la maggioranza del popolo di facebook si era inequivocabilmente schierata con Pisapia, tra lazzi e sberleffi (ricordate i casi Red Ronnie, Sucate e Gigi D'Alessio?).
LEGITTIMO GODIMENTO - Analogamente ora che siamo in tempi di referendum: se prima delle 15 di oggi, molti avevano cambiato il proprio profilo mettendovi «sì assortiti» e inviti al voto o nelle ultime ore si erano scagliati contro Maroni per avere annunciato il risultato «in anteprima», adesso il coro è unanime. Su Facebook il de profundis è per Silvio: video che lo invitano a prendere il largo, ironici «vaffanquorum» o appunto «Legittimo godimento». Il popolo della Rete insomma non ha alcun dubbio: questo referendum ha un netto valore politico. Matteo Cruccu
.
.
.
.
.
.
TESTIMONIO GRAFICO:








.
.
.
.
.
.
.
.
.
2)-IL POST-REFERENDUM:CI SIAMO,LA "NUOVA ERA" HA VINTO:
Be la notizia stampa sul Corriere della Sera che vi faro vedere di seguito non lo dice essattamente cosi:loro metteno insiemi i MEDIA tradizionali (TV,GIORNALI E RADIO)con i NUOVI MEDIA ,tirano le somme e poi ci dicono che il "passaparola" serve pero,sempre c'è un "se" o un "ma",quelli che sanno di questa roba cua sono i giovani.Anche se non tutti la pensano cosi:c'è lo studioso dell'Ateneo Milanese della Bicocca che ci spiega che le social network sono solo "focalizzatore di energia" e il cambio lo fanno i fruttivendole.Poi c'è l'altro che privileggia i media tradizionali e ti mette la TV nel WEB:ecco YOU TUBE,adesso si,questo serve.E poi non è cosa di confondere la rete Internet con i social network:questo cua non sa che ormai INTERNET funziona su tutti i telefoni mobili?.
Insomma,ammetiamo che i NUOVI MEDIA servono pero.......all'Italiana:niente cambiamenti profondi ne rivoluzioni.E ne meno se è quella Francese,si capisce.E invece no,non si capisce bene:io penso che il solo ad avere ragione è Ridet, il corrispondente da Roma per il quotidiano francese Le Monde che sta scrivendo "«del successo dei referendum grazie a Facebook». E di come, spiega, il consenso non si conquista più (soltanto) con la televisione".
Si,infatti è stata la mia NUOVA ERA pura e dura,quella che funziona sui telefoni mobili,le social network insomma,cio che ha sconfitto la resistenza di Berlusconi e la sua concentrazione di media tradizionali.Quella che sta inaugurando propio adesso una NUOVA ERA anche in ITALIA.
Si certo,la destra Italiana a differenza di quella altrove non ha capito il valore di questi mezzi.D'accordo,siamo d'accordo,ora si :niente identificare le Social Network con il centro-sinistra,anzi.
Pero devo essere giusto,anche da sinistra,quella trasformista,una mano ci la danno ai manicheisti:loro si prendono il corset e accusano il Governo di ripremere l'uso dei NUOVI MEZZI.
Si tratta di politizzare anche la NUOVA ERA.Al riguardo vedi insieme alla nota del Corriere quella di "La Repubblica" di seguito.Pero ricordati la NUOVA ERA non fa politica,pure comprendendola la trascende.Ma questa è un'altra storia.
-Su CORRIERE:
Ecco come blog e social network sono riusciti a mobilitare gli elettori
Se YouTube e Facebook sconfiggono la televisione
Dalle elezioni milanesi al raggiungimento del quorum: due campagne in cui (anche) l'uso di Internet ha fatto la differenza.
Con il mouse si può scegliere di «cambiare canale» Per gli adolescenti ciò è normalissimo Venerdì prima di lezione, Andrea Rossetti si era fermato al mercato per comprare della frutta; insieme alle monete di resto, il fruttivendolo gli aveva dato un volantino non richiesto con scritto «Vota quattro sì». Ieri sera Marco Ripoldi era in scena al prestigioso Piccolo Teatro. Oggi Philippe Ridet dovrebbe consegnare ai capi l'ultima inchiesta sull'Italia. All'ateneo milanese della Bicocca, Rossetti insegna Informatica giuridica. È uno della materia. La tratta, la studia, la vive. Eppure dice: «Non pensiamo che senza Facebook non sarebbe arrivato il quorum. È la gente, come quel fruttivendolo, che genera i cambiamenti. Certo, la rete è un ottimo focalizzatore di energie». Ripoldi, attore di 29 anni, è il volto del cortometraggio su Youtube «Il favoloso mondo di Pisapie». Satira stracliccata sulle dichiarazioni del centrodestra contro Pisapia e icona dell'internettiana campagna elettorale del neosindaco. Ammette Ripoldi: «Il web è spazio di democrazia che mi ha portato un pochino di pubblicità gratuita». Quanto a Ridet, è il corrispondente da Roma per il quotidiano francese Le Monde. Sta scrivendo «del successo dei referendum grazie a Facebook». E di come, spiega, il consenso non si conquista più (soltanto) con la televisione.
Ora, non sarebbe in corso nessuna rivoluzione. Almeno a leggere i numeri. Nonostante una certa crescita - 15 milioni di utenti Internet nel maggio 2007, 16 milioni nel novembre dello stesso anno, 19 milioni nell'aprile 2009, 25 milioni nel marzo scorso - l'Italia resta indietro. In Europa, secondo le stime dei ricercatori di Internet world stats, per percentuali di utenti del web rincorriamo una ventina di nazioni. Dall'Olanda all'Estonia, dalla Svezia alla Danimarca, dalla Slovacchia alla Polonia. Sarà perché siamo più vecchi? «Non è unicamente una questione d'età» dice Giancarlo Livraghi, 83 anni, già pubblicitario, scrittore e studioso della rete. In una sua ricerca si legge che, nel pubblico, il «segmento tradizionalmente più forte (25-44 anni) è la metà delle persone online. Una fascia più estesa, dai 25 ai 54 anni, è il 65% del totale. Rimane debole la diffusione della rete negli anziani ma si cominciano a notare miglioramenti». Fermo restando, giovani e meno giovani, un confine insuperabile: il confronto ineluttabile, e perdente, con i «nativi digitali».
I «nativi digitali» sono gli adolescenti. Quelli, spiega il professor Rossetti, «nati dentro il mondo della tecnologia. Non hanno dovuto imparare i nuovi strumenti. Ci hanno convissuto da subito. Per noi l'Ipad è una novità enorme. Per loro no». Sono il futuro, e bisogna farci i conti. Modificando radicalmente i sistemi di comunicazione? Alessandro Lazari, classe 1978, è avvocato esperto di diritto digitale. Dice Lazari: «Il fruitore di Internet può continuare a seguire i "vecchi canali" d'informazione che hanno esportato nel mondo del web gli stessi messaggi, giusti o sbagliati, precedentemente trasmessi per radio, giornali e televisioni. Oppure può scegliere di "cambiare canale". Usando Internet per cercare l'informazione senza filtri che, alla portata di tutti, compare su blog e portali indipendenti, sui forum, oppure sulla piattaforma più libera del momento che è Twitter». Eccoci a un nodo strategico. L'informazione. Francesco Siliato è docente di Sociologia della comunicazione al Politecnico di Milano: «Aumentano gli italiani che non credono più nella realtà raccontata dai telegiornali, una realtà giudicata in qualche modo distorta da convenienze e da amicizie politiche». Non che i telespettatori siano calati. «Utilizzano il piccolo schermo per distrarsi, guardare i film e i programmi generalisti».
Secondo un rapporto Nielsen, dal 2009 al dicembre 2010, in Italia su un totale di 24,7 milioni di navigatori attivi con in un mese una media di quasi 24 ore su Internet, le aziende inserzioniste sul web sono cresciute del 22,4%. Mentre i social network sono balzati al +10%. Facebook, appunto. Non più puro svago: bensì una risorsa. Sentite Luca Conti, esperto del settore: «Nel mondo oltre tre milioni di pagine ufficiali di Facebook sono state aperte da aziende per promuovere le proprie attività e dialogare con i clienti». Un boom. Però qualcuno è rimasto lo stesso al palo. Adam Arvidsson è professore di Sociologia della Statale di Milano. «In Italia il governo e, in generale, la destra non aveva colto la potenzialità dei new media. Al contrario di tanti politici esteri del medesimo orientamento». Giuseppe Civati, esponente del Partito democratico lombardo, ha un blog con un lungo elenco di lettori. Civati, la politica e il web: cosa ci racconta? «L'urgenza di un cambiamento sono stati sentimenti valorizzati dalla rete. Che ti fa sentire protagonista. Hai libertà di espressione, puoi commentare e dire cosa non ti piace».
La rete, la rete, la rete. Non più sedi di partito e le piazze. La mobilitazione avviene altrove. Anche se serve cautela. Riccardo Mangiaracina è il coordinatore dell'Osservatorio new media del Politecnico. Una premessa: «Interpretare il voto delle persone è difficile». Dopodiché, dice Mangiaracina, «il passaparola si è rivelato efficace». Rimane forse più rapido sui tempi... Uno studio della società specializzata Akamai su 72 Paesi ci fa sapere che sulla velocità di trasmissione del web siamo penultimi sul continente. Però gli italiani sono fra i primi a sferrare attacchi informatici in tutto il pianeta.
Benedetta Argentieri e Andrea Galli.15 giugno 2011© RIPRODUZIONE RISERVATA







.
.
.
.
.
.
.
.
.
 
-Su "La Repubblica":
LA POLEMICA
Stracquadanio: "Bisogna puniregli statali che vanno sul web"
L'onorevole del Pdl attacca anche Repubblica.it. "La sinistra vince su internet perché i lavoratori pubblici non fanno un c."
Giorgio Stracquadanio
ROMA - L'uomo che ha celebrato il metodo Boffo 1, che ritiene lecita la prostituzione per fare carriera in politica 2, adesso ha un altro obiettivo: gli utenti di Internet. Giorgio Stracquadanio, parlamentare del Pdl, ha prima lanciato le sue accuse da un convegno a Roma: "Il blocco sociale dei quattro milioni di dipendenti pubblici è più forte di noi: certo che la sinistra vince sul web, non fanno un cazzo. Se proprio lavorano, alle due del pomeriggio sono fuori".
IL VIDEO E I PRECEDENTI DI STRACQUADANIO 3
Oggi è tornato sul tema durante un collegamento a Radio 24. "Bisogna punire i dipendenti pubblici che usano internet per motivi privati durante l'orario di lavoro" ha detto. "Ci sono migliaia e migliaia di persone, prevalentemente nel pubblico, che trascorrono la mattina a postare i video di Repubblica.it, che oramai oggi detta l'agenda anche agli altri media - aggiunge. Bene, io penso che vadano presi provvedimenti di diversa natura: multe, sospensioni".15 giugno 2011) © Riproduzione riservata










 

11:12 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

15/06/2011

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 79)

mercoledì 18 maggio 201

"NUOVA ERA" SOTTO ATTACCO II:L'AMMINISTRAZIONE OBAMA VUOLE ESTENDERE IL BAVAGLIO ALL'ESTERO

Faro di seguito riferenza ad un articolo su "The Guiardian" dell'Ingliterra circa le ultime iniziative dell'Amministrazione Obama sulla Cyber-Sicurezza,e dopo la mia parola:

.

Stati Uniti in cerca di aiuto per resistere cyber-attacchi.

Una ricenzione dela Casa Bianca definisce una strategia per trattare con l'espansione di Internet e le interruzioni arbitrarie e dannose. Una minaccia a uno è una minaccia per tutto il Trattato,si dice nel rapporto della Casa Bianca,ma l'analisi "net aperta contro pivacy" omette WikiLeaks.

 

 

.

.

.

Il personale della forza aerea spaziale degli Stati Uniti nel centro di comando delle operazioni di rete a Colorado Springs.Gli Stati Uniti stanno rinforzando le sue cyber difese. Fotografia:Rick Wilking/Reuters

Gli Stati Uniti hanno dato il più ampio accenno ancora a che un cyber-attacco su un paese della NATO sarà considerato come un attacco a tutti. E' uno sviluppo potenzialmente pericoloso in quanto gli attacchi informatici sono sempre più comuni con milioni di segnalazioni al giorno di sonde e azioni da più di 100 agenzie di intelligence straniere. Nel 2007,l'Estonia era quasi paralizzata da un cyber-attacco,pensiamo di origine in Russia.Al momento,l'Estonia,un membro della Nato,ha detto di non sapere se l'alleanza copre cyber-attacchi,e gli Stati Uniti, Gran Bretagna e altri hanno ballato intorno alla questione. Lo sviluppo è contenuto in una relazione da parte dell'Amministrazione Obama,"Strategia Internazionale per il ciberspazio",in cui Stati Uniti per la prima volta definisce una strategia per affrontare l'espansione di internet e quello che descrive come "interruzioni arbitrarie e dannose".Esso rileva le crescenti minacce da parte di hacker individuali,società e stati ostili,e offre ampie proposte su come affrontare questi. Essa suggerisce che gli attuali trattati statunitensi come quelli che ha istituito la Nato,richiede che un attacco contro uno Stato membro deve essere trattato come un attacco a tutti,anche i cyber-attacchi. Ma evita di dirlo categoricamente."Tutti gli Stati possiedono un intrinseco diritto alla legittima difesa,e ci rendiamo conto che certi atti ostili condotte attraverso il cyberspazio potrebbero affettare le azioni compresi negli impegni che abbiamo con i nostri partner del trattato militare", dice. La spinta della relazione è su come conciliare la media della libertà di Internet degli Stati Uniti in posti come la Cina e l'Iran con la protezione della privacy negli Stati Uniti.Il rapporto è sottile su come raggiungere questo obiettivo. L'amministrazione Obama prevede un obiettivo generale: "Gli Stati Uniti lavoreranno a livello internazionale per promuovere un dialogo aperto,interactvo,sicuro e con informazioni affidabili e infrastrutture di comunicazione che supporti il settore del commercio internazionale, rafforzi la sicurezza internazionale, e promuova la libera espressione e l'innovazione. " Ma il rapporto continua:"Il mondo deve riconoscere collettivamente le sfide poste dalla voce degli attori malevolenti nel cyberspazio,e aggiornare e rafforzare le nostre politiche nazionali e internazionali accordati.L'attività nel cyberspazio ha conseguenze per la nostra vita nello spazio fisico,e dobbiamo lavorare verso la costruzione dello Stato di diritto per prevenire i rischi dell'accesso alla rete troppo elevati rispetto ai suoi benefici. " Allo stato attuale,il diritto internazionale in gran parte non copre l'internet,né i trattati internazionali. Pero Wikileaks,ritenuto responsabile della più grande violazione alla sicurezza nella storia degli Stati Uniti,non è menzionato e non è stata sollevata da nessuno dei relatori alla presentazione del rapporto,tra cui il segretario di Stato Hillary Clinton.Invece,ha parlato di un bisogno di consenso:"Non c'è un taglio adatto a tutti,un percorso diretto per questo obiettivo. Noi dobbiamo costruire un consenso globale su una visione condivisa per il cyberspazio." Ma ciò che Clinton,che ha sottolineato la centralità della libertà di Internet per la politica estera degli Stati Uniti,ha messo in evidenza è il ruolo di Internet nelle mobilitazioni popolari e i tentativi da parte dei governi per fermare questo:"Mentre Internet offre nuove modalità per essercitare i loro diritti politici,inoltre,come abbiamo visto molto chiaramente negli ultimi mesi,dà ai governi nuovi strumenti per reprimere il dissenso ". Il segretario di Commercio,Gary Locke,nominato come prossimo ambasciatore degli Stati Uniti alla Cina,ha detto che aveva intenzione di continuare a premere "per perseguire questi obiettivi e la più ampia serie di questioni del cyberspazio con le nostre controparti cinesi". Wikileaks è riuscito a ottenere un quarto di milione di file segreti Dipartimento di Stato Usa lo scorso anno,pubblicato su The Guardian e altri giornali.Questo tipo di violazione non sarebbe stata possibile senza Internet. La relazione sollecita gli Stati a lavorare insieme per dare una protezione migliore."Quando gli incidenti della cybersicurezza demandi azione di governo,i funzionari possono detettare dati di tali minacce precocemente e condividerli in tempo reale,per mitigare la diffusione di malware o limitare le conseguenze di gravi problemi,tutti pur conservando la portata più ampia della circolazione delle informazioni quando il reato è impegnato a livello internazionale,le forze dell'ordine sono in grado di collaborare per la salvaguardia condividendo la prove per portare gli individui alla giustizia",dice il rapporto. Pur condannando gli cyber-attacchi,al tempo stesso gli Stati Uniti, insieme a Israele,è ampiamente creduto di essere stato responsabile per il virus Stuxnet che l'Iran sostiene interrotto nel suo programma nucleare. L'amministrazione ha inviato la scorsa settimana le proposte al Congresso per fare pressione sulle aziende per migliorare la sicurezza. I regimi di fondi degli Stati Uniti sono per sviluppare nuove tecnologie e treni di attivisti per eludere i controlli del governo.Ma gli attivisti accusano questo di ipocrisia insistendo che Internet deve avere anche uno "Stato di diritto":un segnale che le violazioni non autorizzate come WikiLeaks non sarànno tollerati. Cliccando sul testimonio grafico puoi leggere l'originale(inglese):

 

 

 

 

.

.

.

.

COMMENTO:Secondo me questa iniziativa,oltre ad essere ipocrita e malintenzionata per motivi che piu avanti mi dilunghero,si tratta di un diversivo,un tentativo dell'Amministrazione Obama di portare le restrizioni della liberta di espressione che vuole imporre in USA,lungamente segnalata e combattuta dal nuovo congresso di maggioranza Repubblicana,anche a livello internazionale, e ha come sottosfondo un attacco alla NUOVA ERA da cui questa Amministrazione non è all'avanguardia con un tentativo mai abbandonato di Hillary Clinton di portare la NUOVA ERA delle Telecomunicazioni al campo della politica.Cosa gia fatta in USA inoltre includendo nella stessa legislazione "bavaglio" che vuole imporre ad INTERNET,restrizzioni per i fabricanti di mobili. Vedi cua: http://cianciminotortoici.blogspot.com/2011/03/obama-continua-ad-attacare-la-nuova-era.html

Ma andiamo per parti:non c'è nessuno a discutere del bisogno di rispettare lo spirito fondante della NATO per cui un attaco ad un membro deve essere un attaco a tutti,ma cio che vuole fare nel Cyberspazio non è in coerenza con cio che fa nella vita politica:34 paesi dell'America del Sud impediscono alle nave di guerra della Gran Bretagna di approdare nei suoi porti di mare in solidarieta con l'Argentina per causa della guerra delle Faulkland,ma invece di fare sentire la solidarieta dell'Amministrazione USA verso la Gran Bretagna,un paese NATO,cio che abbiamo sentito è l'apoggio all'Argentina espressamente pronunciato per Hillary Clinton a Buenos Aires chiamando al "dialogo" fra entrambi per "superare il differendo".
E cosa dire del costante attaco alla Common Wealth(vantaggioso interperete dei miei concetti sulla Tecnologia delle Telecomunicazioni) per la lotta di mercati e la supremazia delle tecnologie delle Telecomunicazioni dominato ed egemonizzato per le tecnologie della NUOVA ERA,mobili,personali e senza fili,a scapito del vecchio binomio "INTERNET-PC.:lo avete letto in queste pagine e ricorderete ora il caso Blackberry dove la Clinton ha raggiunto il limite di appogiare contro i fabricanti del CANADA paesi come il Pakistan ed altri del mondo Arabe che costantemente violano la liberta di espressione e proteggono in rete l'intolleranza religiosa e il pestaggio del diritto delle donne.
Si attaca solo la Cina che anche se con violazioni e molte essitazioni ha raggiunto un accordo minimo con Google(avanguardia della NUOVA ERA) ,pero dopo la firma dello START II si chiude un occhio con le violazione della Russia all'Estonia.

C'è qualcuno che sia contrario ad evitare i mali menzionati sulla rete?:non credo,ma questo stesso tentativo di "regolare" Internet in USA(oltre ha volere ostacolizzare lo sviluppo dell'industria del mobile) ha sollievato la ferma resistenza del Congresso etichetandola come intento di restringere la liberta di espressione e sottomettre l'attivita sulla rete al disegno politico del partito di governo.Sembra che adesso che l'Amministrazione non ha piu le maggioranze necessarie in USA cerca consensi all'estero in modo di etendere lo scopo politico dell'Amminsitrazioe ad altre posti del mondo.
Io credo che quando si parla di "minaccie da hacker individuali" si sta aprendo la porta all'abuso degli stati di fronte alla liberta di espressione e i diritti individuali dell'essere umano,dell'utente.Porta che resta spalancata quando si parla di "rischi eccesivi dell'acceso alla rete al riguardo dei benefici":chi sara in grado di valutarli?.(Questi concetti benissimo possono essere un giustificativo alle interruzioni dei miei blog per parte di alcuni giornali dell'Italia,e non solo,o dal propio Microsoft,"padrone dell'Intenet".
Per quanto all'attaco alla NUOVA ERA non ci possono essere dubbi dal momento che oltre alla Common Wealth viene attacata anche l'industra del mobile nella propia USA.
Nessuno pou essere contrario alla Cyberdifesa anche sul pero bisogna essere coerenti:perche non parlare di WEAKILEAKS?Obama e la Clinton non sono credibili.Si fa un gran parlare di cybersicurezza ma la piu grande violazione alla sicurezza online dell'istoria degli USA viene fatta sotto gli occhi dell'Amministrazione nel propio Dipartimento di Stato.
Inoltre tutti abbiamo salutato il ruolo dei nuovi media nella difesa dei diritti umani,ad ess in Iran e altri paesi mussulmani,ma ci vuole troppa immaginazione(per non dire strumentalizazzione a scopi politici) nell'agguidicare alla tecnologia della NUOVA ERA di per se una spinta generatrice di rivolte sociali.Queste le fanno gli attivisti e non la tecnologia .
Insomma credo che questa iniziativa altro non sia che un tentativo dei "esportare frustrazioni interni",un diversivo per non afrontare le resistenze interne alle legge bavaglio su internet,e uno sproposito a quanto viene ennunciato:di sottosfondo c'è un attaco alla NUOVA ERA e i suoi protagonisti nella corsa per la supremazia nelle Telecomunicazioni e i suoi mercati.Una pericolosa iniziativa con la tendenza di omogeneizare le restrizzioni della liberta di espressione gia tentate in USA.

LINK ILLUSTARTIVI:

1-martedì 19 aprile 2011:ATTENZIONE:NUOVO "BAVAGLIO" ALLA "NUOVA ERA" IN U.S.A. http://cianciminotortoici.blogspot.com/2011/04/attenzione...

2- BLOG PERSONALE 1(ATTENZIONE MICROSOFT CENSURA)

3- https://docs.google.com/Doc?docid=0AZ2yYESqnv0PZGdrd3NwZ2...

4- https://docs.google.com/View?id=dg8k66gs_46nqjbt2gb

5- https://docs.google.com/View?id=dg8k66gs_32c2phbbdj

-CUA L'ALLOCUSIONE DI HILLARY CLINTON,VEDILA:

 21 MAGGIO 2011,BOTTA E RISAPOSTA:ERIC SCMIDT(DI GOOGLE):"NON AL BAVAGLIO ALL'ESTERO"

In una conferenza pronunciata da Eric Scmidt all'estero,a Londra piu precisamente,ripresa in un articolo di "Le Figaro" della Francia,troviamo tanto una conferma alle mie parole di sopra al riguardo dell'iniziativa dell'Amministrazione Obama,come una propia risposta a quella nella stessa linea del mio pensiero.

Inanzi tutto troviamo la conferma alla mia presunzione di "omogenizazzione" all'estero delle iniziative di regolamentazione della rete in USA:ci informiamo in questa conferenza che gli Stati Uniti e Gran Bretagna "si apprestano a legiferare in materia di accesso ai siti di file condivisi illegali".Iniziativa che quasi certamente si vedra accentuata dalla prossima visita di Obama in Gran Bretagna in questo mese.Anche la Francia leggifera in questa linea.Lo vediamo opporsi con grinta a queste legislazioni restrittive sulla privacy in nome della liberta di espressione.
Si lascia intendere anche una velata critica ad Obama nello stesso spirito del Congresso USA.
E viene anche menzionata la Cina.
Insomma c'è tutto e le mie parole avanzano:lui lo dice,naturalmente,meglio di me.Le sue parole sono le mie parole:NO AL GRANDE FRATELLO.Vedi la nota di seguito:

Google si ribella contro il filtraggio del web

Tags:Hacking,serrature,Privacy,Eric Schmidt,Google

Virginia Malbos 19/05/2011

Ultimo aggiornamento:19:15 Commenti(20)


.

.
.
.
Eric Schmidt,presidente esecutivo di Google,ha rifiutato di bloccare i siti di download di fili illegali.Foto di:Justin Sullivan/AFP

Il motore di ricerca rifiuta di prendere parte il blocco dei siti per scaricare file illegali.Il suo presidente esecutivo denuncia le leggi "stupide".

-Google non cedera alle sirene del blocco.Ieri,durante una conferenza in materia di privacy,svoltasi a Londra,Eric Schmidt,presidente esecutivo della società,come lui di solito non lo ha fatto in ombra.Mentre gli Stati Uniti e Gran Bretagna si apprestano a legiferare in materia di accesso ai siti di file condivisi illegali,ha sventolato la bandiera della libertà di espressione."Se fossi al posto di un governo,sarei molto molto prudente di offrire soluzioni semplici a problemi complessi.Bloccare l'accesso a un sito sembra essere una soluzione interessante,ma si stabilisce un precedente disastroso.Poiche prima o poi gli altri paesi diranno:"Non mi piace la libertà di parola per tanto blocchero l'accesso",e diventerà la Cina ".
Oltre l'ironia della situazione la società non è sempre stata rinomata per il suo rispetto della libertà di espressione,quando era presente in Cina,notoriamente la radicalita di Google su questo tema ci ha colto di sorpresa."Se c'è una legge [...],è passato da entrambe le camere del Congresso e firmata dal presidente degli Stati Uniti,e che non siamo d'accordo con essa,allora noi continueremo a lottare.Se si tratta di una semplice applicazione,non diamo il via",ha anche dichiarato.
Leggi "stupide"
Se l'azienda rispetta questo impegno,si rifiutera di rimuovere i siti coinvolti nei risultati di ricerca e di bloccare il loro accesso. Fin qui,fino al presente nulla obbliga a farlo.In Francia, la Corte d'Appello di Parigi ha anche recentemente fatto un verdetto a suo favore.Il Sindacato nazionale dell'edizione fonografica lo rimproverò per suggerire,quando l'utente ha digitato la sua ricerca,dei link che portano direttamente verso siti di condivisione di file illegale.
Ma Google potrebbe dover combattere su più fronti.Eric Schmidt,ha denunciato le "conseguenze non intenzionali"di futuri proposte di legge "stupide" che riguardano Internet.Essi obligheranno per esempio a certe imprese a non potere piu fare business legalmente in Internet.Ha segnalato chiaramente con il dito:il decreto francese relativo alla conservazione dei dati.Pubblicati nel giornale ufficiale nel marzo ultimo,si richiede alle imprese di memorizzare durante un anno l'indirizzo e-mail,la password e dati utente,al fine di migliorare la lotta contro il terrorismo.
La legislazione dell'UE è anche nel mirino del presidente esecutivo di Google,e piu particolarmente la sua direttiva sulla privacy su Internet.Ciò porterebbe a chiedere sistematicamente all'utente l'autorizzazione prima di usare i cookies."Alcune persone ben intenzionate nel governo finiranno per scrivere testi piuttosto evasivi.È necessario essere prudente quando si fanno questi tipi di regolamenti.Si potrebbe toccare qualche cosa che avrebbe una conseguenza inprevedibile.Questo è quello che ci preoccupa",ha assicurato. Commenti (20),J'aime(1),Condividi Rank .
SUL TESTIMONIO GRAFICO PUOI LEGGERE LA NOTA ORIGINALE(FRANCESE):


 24 MAGGIO 2011: LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI :LIBERALI BRITTANICI AL CALCIO
Prove al canto:Infatti,nel giorno di oggi mentre Obama sbarca in Gran Bretagna,volando dall'Irlanda in anticipo per scappare al ritorno della nuvola Islandese del vulcano che gia sta cancellando voli e decretando "no-fly zone" in Europa,il Partito Liberale smaschera nel Congresso la Suprema Corte di Giustizia,rea di dare mandati per proteggere la PRIVACY delle cellebrita sui mezzi.Viene fuori una sordida storia di ricatti,tangenti e corruzione.La polemica divampa dopo che il parlamentare Liberale ha identificato un calciatore del Manchester United di avere avuto privileggi del massimo organo di giustizzia perche non venisse divolgata una sua relazione amorosa segreta con una star della Televisione.Altri accusano il parlamentare di usare i suoi prvileggi parlamentari per fare questo nome che la legge aveva protetto:in 75 mila lo avevano gia fatto su Tweeter si difende,cio che mette sotto luce le differenze nella legislazione fra la censure su i "NUOVI MEDIA" e sui mezzi tradizionali come la stampa la TV e la Radio.Il Governo intende,in mezzo ad un gran dibattito,che è arrivato il momento di riformulare le leggi sulla Privacy per ugualare,fra l'altro, vecchi e nuovi media.
E immediatamente nomina una Commisione :"David Cameron, di fronte a una campagna sempre più aggressiva dei tabloid per fermare concessioni e ingiunzioni dell'Alta Corte per proteggere la privacy delle celebrità, ha annunciato una commissione parlamentare mista per esaminare le complesse tematiche relative alla privacy, le ingiunzioni, la regolamentazione di Internet e il ruolo delle denunce stampa. Ha detto che la posizione attuale non era sostenibile.L'annuncio formale del Comitato misto è stato fatto in fretta da Dominic Grieve, il procuratore generale. La commissione mista, prevista per questo autunno, è stato uno sforzo deliberato da un governo nervoso per trasformare il futuro della libertà di stampa e della privacy in un problema trasversale, in modo da ridurre la pressione su Cameron personalmente per giungere a conclusioni potenzialmente controverse. Le sue conclusioni potrebbero tuttavia avere conseguenze di vasta portata per i giornali scandalistici anche se il governo tenta di riformulare le leggi sulla privacy."Insomma quello del titolo:prove al canto.Le regolamentazioni sui Nuovi Media fra qui Internet si sono messi in moto a causa della identificazione del calciatore per parte de Partito Liberale,propio mentre Obama si trova in Gran Bretagna insieme alla Hillary Clinton: NON POTRANNO NON TENERCI CONTO.(E NE MENO IL MANCHESTER UNITED).
Ma meglio leggi una nota di "THE GUARDIAN" nelle fotocopie del testimonio grafico cliccando di seguito(Solo in Inglese)
Ryan Giggs footballer identificato al centro dei privileggi sulla privacy.

.


.



11:40 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |

Impact public de mon travail écrit:mises à jour(Continuation 78)

venerdì 3 giugno 2011

QUESTO NON E' "NUOVA ERA"(HILLARY NON E' PIU DI MODA)

 
EDITORIALE:Di seguito vi faro leggere una nota stampa su "La Repubblica" di Italia che riguarda il ruolo dei "NUOVI MEZZI" di difussione massiva nell'amministrazione Obama-Clinton.
Prima di continuare un chiarimento:do per scontato che ormai tutti voi lo sapete pero non c'è male ripeterlo per rinfrescare che "NUOVI MEZZI"(di difussione massiva) in principio è stata una denominazione destinata a parlare del binomio "INTERNTE(virtuale)-PC(fisso)" differenziandolo di quelli "vecchi" o tradizionali come la TV,RADIO E GIORNALI STAMPA che cosi diventarono nominati.
Dopo il successo universale della mia "NUOVA ERA" il PC fisso è stato spiazziato,archiviato dal MOBILE,cio'è la tecnologia delle Telecomunicazioni MOBILE,PORTATILE O PERSONALE (sono le denominzioni piu usati e da me acconiati e diffusi in queste pagine)quindi senza fili,(wireless) in qualsiasi dei suoi "supporter":in principio il Telefono solo voce (chiamato CELLULARE in riferimento alle selle exagonali che adotta il modo di emissione eletromagnetica del suono in questi apparechi,ma oggi inessistenti);e dopo gli SMARTPHONES(che altro non sono che la denominazione anglosassone dei cellulari arrangiati al mio concetto di integrazione naturale in un solo supporter dell'espresione tecnologica a distanza degli organi dei sensi,anche chiamati telefoni intelligenti),i LAPTOP(versione anche mobile,portatile del computer fisso),le TAVOLETTE( che altro non sono che il nome dato da Apple alle sue Laptop),e ancora altri tipi di supporter mobili.
Inoltre sempre secondo i miei concetti espressi in queste pagine,anche il "modo di fare internet",sia fissa che mobile, è mutato smettendo di essere solo virtuale per passare ad essere, in concordanza con la "visione del mondo della NUOVA ERA","naturale",cio'è con incidenza nella vita reale tra altre modificazioni .E cosi sono nati le "NETWORK",cosi chiamati in principio,tipo Tweet o Facebook che sono le piu note.Oggi queste rete hanno aquisito uno sviluppo tale,e hanno tanto mutato il modo di relazionarsi gli essere umani ,e naturalmente di organizzarsi la vita sociale,che hanno aquisito la dimensione dei veri "nuovi mezzi di difussione massiva" alla pari di quelli "vecchi" come la TV,Radio e giornali,con la denominazione di "NUOVI MEDIA"(che non devono confondersi con la pretesa senza succeso di denominarli "SOCIAL MEDIA" mettendoli nella stessa borsa dei "vecchi media" come la TV ecc,come se la NUOVA ERA non fosse mai essistita)
Inoltre,oggi il binomio INTERNET(virtuale)-PC(fisso)e le sue modalita di funzionamento ha smesso di essitere come entita nosologica delle telecomunicazioni ,si ha convertito alla NUOVA ERA e oggi INTERNET funziona indifferentemente sia sui fissi che sui mobili(tutti) e quindi quando si parla genericamente di "NUOVI MEZZI" si parla delle telecomunicazioni della NUOVA ERA e non piu di INTERNET(virtuale)-PC(fisso) come in principio
.Anche se in America ancora alcuni hanno la pretesa di continuare a riferirsi alla INTERNET(virtuale)associata al PC(fisso)questo non trova riscontro reale nei fatti:le aziende si sono convertiti (operando sia nella produzione di tecnologie per la primitiva INTERNET che nella produzione di tecnologie mobili,i servizzi operano sulle network,hardware e software si producono per funzionare sui mobili quasi esclussivamnente,ecc),e questo binomio ha passato ad essere "vecchio" al riguardo delle tecnologie e la modalita di funzionamento dei mezzi della NUOVA ERA.Di questi oggi si parla quando si parla di "NUOVI MEZZI" e i "vecchi" ormai sono sia i tradizionali come TV,Radio e Giornali stampa,che il binomio "INTERNET virtuale-PC fisso.
Ed è in questo mondo,il MONDO della NUOVA ERA che Hillary ha incaricato Ross di entrare.E va di suo che non è possibile differenziare INTERNET delle tecnologie della NUOVA ERA e le sue modalita di uso nati della sua "visione del mondo".E va di suo che entrambi tenologie e servizzi vanno implicite quando si dice INTERNET "tout court" a prescindere del suo support e mezzo di difussione elettromagnetica.Pero va fatto subito un chiarimento:questo mondo,come bene lo lascia intendere la nota, non è quello della politica.Come ho detto piu volte,pur comprendendola la trascende senza identificarsi ne omologarsi alla sua noosfera.Ross è qualcuno che fa politica con queste tecnologie e con queste servizzi nati dalla "visione del mondo della NUOVA ERA".
Non tornero sull'argomento pero in queste pagine ho profondamente analizzato come la politica ,ma non solo,ha adoperato questo "mondo" sin dall'inizio e non essendo,naturalmente la campagna elettorale del successo di Obama,ne l'implementazione della Diplomazia del XXI secolo del Dipartimento di Stato di Hillary i primi a servirsene di lui,e ne meno gli unici(vedi McCain).Certo il successo politico di Obama ha dimostrato che questo "mondo" poteva essere utile ed efficace alla politica,e Hillary una volta arrivata al Dipartimento di Stato,che poteva essere persino "rivoluzionario" nell'azione Diplomatica,rendendolo una specie di strumento di "politica diretta" allo stille della vecchia Democrazia di Atene e le sue agore di discussioni pubbliche sui problemi della polis. Non i primi ho detto ma bensi gli ultimi:l'America "ufficiale",quella della "cosa pubblica",pure salutando l'opera di difussione di Hillary in America è il mondo,pure salutando alcuni contributi teorici iniziali basati nella lettura politica della mia opera;è stato l'ultimo paese ad aderire alla NUOVA ERA ,ad adoperare le sue tecnologie e le sue modalita di funzionamento(anche non senza resitenze tutt'oggi)e mai prima dell'amministrazione Obama.Relativiziamo se vogliamo essere realisti:diverso è il panorama a livello privato dove ,anche se non in modo omogeneo,da molto tempo prima era gia operativa e Google è stato l'avanguardia.E non è poco dire perche in realta in America l'impresa privata e la vera "religione di stato". Pero,ne la politica,ne la cosa pubblica di America si adoperava in questo "mondo".
Detto questo resta chiaro che l'ideologia e la filosofia politica di Roos non coincide con la "visione del mondo della NUOVA ERA":diversi sono le sue visioni teorici e diversi sono i suoi campi di azioni e sfere di influenza:sulla politica (particolarmente quella che fa capo al partito democrata) e naturalmente funzionale agli interessi del suo partito e dell'America il primo,tutto "il da fare umano" compresa la politica naturalmente pero con prescindenza dell'ideologia,partito,religione o paese,l'ultimo.
Naturalmente ha volte coincidono :concretamente ho distaccato ruolo delle tecnologie della NUOVA ERA nel soccorso in catastrofi naturali come il Cile e Haiti(vedi le mie pagine)e nell'azione politica solidaria di assitenza e ricostruzione sociale dei disagiati.Pero a proposito della polemica del ruolo dei NUOVI MEZZI nella primavera Araba,ho smontato la pretesa di omologare automaticamente l'essenza della NUOVA ERA ai cambiamenti socio-politici.Quella cambia l'uomo(anche politicamente se vuoi,pero non solo,ne prioritariamente),questi vengono fatti dagli attivisti e politici in genere:la NUOVA ERA non fa proselitismo ne azione politica,ne rivolte sociali.Se vogliamo riferirci alle parole di Ross,quella non evita "filtri" perche non ha portavoci ne singoli interlocutori.Alla NUOVA ERA non succedera mai un "affaire Renault",ne a bisogno di scambi di spie perche non succede in un mondo compartimentato,non ha un mondo diviso in due ne essiste per ella ormai un muro da scavalcare.La "visione del mondo della NUOVA ERA" permea il quotidiano trascendente delle masse in movimento verso la ricerca di certezze valide,di verita utili e non solo contemplativi.Le sue tecnologie delle telecomunicazioni,nati del ridimensionamento delle nozzioni del tempo e dello spazio adeguandole alla dinamica dell'uomo attuale, hanno modificato per primo il costume dell'uomo,il suo modo di stare nel mondo,di stare insieme agli altri,di lavorare,di vivere insomma;e dopo,e solamente dopo,da queste mutazioni "personali" se vuoi,sono scaturiti cambiamenti culturali,sociali,economici e naturalmente politici,dimostrando cosi che la storia dell'UOMO MODERNO non era finita.
Per quanto riguarda all'ispirazione storica la NUOVA ERA non si rifa al Medioevo le qui nefasti mali cerca di superare,ma caso mai trova campo fertile nel RINASCIMENTO e il NEOCLASSICISMO che porta alla rivalutazione dell'uomo come fine ultimo della creazione.La NUOVA ERA crede nell'uomo,in tutti gli uomini ed in ogni individuo personalmente,e non nella sua negazione e annientamiento sotto idee e utopie elittisti che mai raggiungera e solo giovano ai pochi suoi ispirati attivisti.
Finisco con quello del titolo:HILLARY CLINTON non è piu rapresentativa ne rapresentante della NUOVA ERA.Per ella non è piu di moda:è fuori da queste pubblicazioni da oltre un anno e questi sono alcuni dei motivi. Altri vedili cua,in fondo pagina:
https://docs.google.com/View?id=dg8k66gs_37hkcf84g9&pli=1
-VEDI DI SEGUITO LA NOTA STAMPA:
USA
Alec Ross,"il papà della web-diplomazia"
"Con Internet ci spieghiamo senza filtri"

Già consigliere di Obama durante la campagna elettorale, è oggi l'uomo incaricato da Hillary Clinton di far entrare il dipartimento di Stato nel mondo di attivisti, blogger e fruitori della Rete che influenzano la politica estera. L'esperienza con le rivolte africane: "Quando ci hanno chiesto aiuto, ci siamo stati. In modo discreto"
di FRANCESCA CAFERRI


Il diplomatico-modello dell'era Obama-Clinton tutto sembra meno che un diplomatico: 39 anni, faccia da ragazzino che gli permette di dimostrarne ancora di meno, modi affabili, laurea in Storia medioevale e un amore per nulla nascosto per l'Italia, si stenta a credere quando ci si siede davanti a lui che sia davvero la persona a cui Hillary Clinton ha affidato uno dei compiti più delicati del suo mandato: svecchiare la diplomazia americana. Alec Ross è il "Secretary of State's Senior adviser on innovation",ovvero l'uomo incaricato dal Segretario di fare entrare il dipartimento di Stato in quel mondo di attivisti, blogger e Internet-freak che oggi influenzano la politica estera come - se non di più - un tempo facevano solo ministri o capi di Stato. Ross qualche giorno fa era in Italia per partecipare al Forum sulla digital economy a Venezia organizzato dall'ambasciata Usa. Dall'Italia ha inondato i suoi 349 mila followers su Twitter di commenti: @AlecJRoss è il secondo account più seguito fra quelli dei politici americani, dopo quello di Obama. Ross tweeta da qualunque area del mondo e sugli argomenti più diversi: "Uno studio McKinsey dimostra che il contributo economico di Internet al Pil mondiale è maggiore di quello dei settori energetico ed agricolo", scriveva nei giorni scorsi dal G8 Internet di Parigi 1. Frutto del suo lavoro sono anche i tweet in diverse lingue con cui il dipartimento di Stato ha riempito gli account di migliaia di giovani arabi nelle ore successive alla morte di Osama Bin Laden, lodando il successo delle loro rivoluzioni pacifiche in opposizione al messaggio di Al Qaeda: "Abbiamo fatto uscire il nostro punto di vista immediatamente. Le critiche ci sono state lo stesso - spiega - ma Internet è un potente mezzo per provare a spiegarsi senza filtri. E questo è il compito che mi è stato affidato".Di fatto, in uno dei campi tradizionalmente più formali della politica - la diplomazia - Ross tenta di far arrivare lo stesso messaggio di rinnovamento sperimentato durante la campagna elettorale che ha portato Obama alla Casa Bianca. Nel team elettorale Ross era consigliere per l'innovazione tecnologica: è anche grazie a lui che il messaggio del candidato ha raggiunto quelle migliaia di elettori fino ad allora inattivi che si sono rivelati la chiave del suo successo. Subito dopo la formazione della squadra di Obama, è passato dalla parte della "ex rivale" Clinton. "Credo che il segretario capisca meglio le potenzialità dei social network anche perché in campagna elettorale il suo team li ha sottovalutati - dice con un sorriso - oggi siamo una squadra molto affiatata". Così affiatata che Ross nelle interviste definisce la Clinton "la madrina della diplomazia del 21nesimo secolo" e non nasconde che alcuni dei momenti più belli della sua esperienza sono stati quando, nel gennaio 2010, lei ha definito l'accesso a Internet "un diritto umano di cui tutti dovrebbero godere" o quando, qualche mese fa, lo ha chiamato a "catechizzare" i 170 ambasciatori Usa nel mondo sull'uso della Rete, nel primo incontro del genere nella storia americana. Da quell'incontro sono nate iniziative come il sistema di allarme anti-droga in Messico, o quello per raccogliere soldi via sms all'indomani del terremoto di Haiti, ma ne è scaturita anche la convulsa attività con cui il dipartimento di Stato ha seguito la primavera araba: "Diciamo che gli ultimi mesi sono stati particolarmente eccitanti", dice Ross. Il consigliere è stato in prima linea in questi mesi, facendo pressioni per gli attivisti arrestati, fornendo tecnologie per aggirare la censura e i vari blocchi alla Rete e, soprattutto dimostrando - tweet dopo tweet, iniziativa dopo iniziativa - da che parte stava l'America. "Abbiamo cercato di non immischiarci troppo - racconta oggi - i movimenti locali volevano essere locali e non bollati come filo-Usa. Ma quando ci hanno chiesto aiuto ci siamo sempre stati, in modo discreto". Una cosa di cui Ross va particolarmente fiero è l'aver portato la Clinton a dialogare direttamente e senza filtri con i giovani egiziani, tramite un'ora di Q&A on line: "E' stato un modo per far vedere che eravamo aperti al confronto, senza pregiudizi: un dialogo diretto che senza le nuove tecnologie sarebbe impossibile". In pieno stile diplomazia del futuro.
(02 giugno 2011) © Riproduzione riservata

TESTIMONIO GRAFICO:











.
 13 GIUGNIO 2011:E NE MENO QUESTO E' "NUOVA ERA":
-Vedi due note stampa su "La Repubblica" e su "Corriere della Sera" e dopo due parole mie:
-Su "La Repubblica":
STATI UNITI
Nasce internet-ombra per i dissidenti
il piano di Obama contro i dittatori

Washington finanzia un progetto di reti parallele per telefonia e Wifi. Tecnologia contro la censura: è la strategia studiata dopo la rivolta in Egitto. Il primo obiettivo è il sostegno agli oppositori dei regimi in Iran, Siria e Libia.
dal nostro corrispondente FEDERICO RAMPINI

NEW YORK - Sembra un incrocio tra James Bond, la fantascienza di Philip Dick, e WikiLeaks: una banale valigetta, con dentro computer portatili e telefonini, capace di by-passare i server Internet, attivare reti di comunicazione parallele che resistono ad ogni blackout di regime e censura di Stato. È un progetto che nasce con l'avallo autorevole di Barack Obama. L'hanno chiamata "Operazione Internet Invisibile", o anche "la Rete-ombra". È dai tempi della guerra fredda che l'America non progettava un'offensiva clandestina così ambiziosa e a vasto raggio. Stavolta però non c'entra la Cia, e al posto di generali golpisti gli alleati stranieri da aiutare sono dissidenti pacifici e disarmati.Obama e Hillary Clinton tengono fede alla promessa di usare le nuove tecnologie a sostegno dei movimenti antiautoritari: dal mondo arabo ai militanti cinesi per i diritti umani. Ma nessuno immaginava che dietro i proclami ufficiali di Washington si stesse muovendo una miriade di esperti in tecnologie, giovani hacker, in grado di montare già oggi raffinate operazioni anti-censura. Una Santa Alleanza in nome delle rivolte democratiche unisce la Casa Bianca e un esercito di giovani esperti auto-definitosi "movimento delle tecnologie alternative", fino a ieri più vicino a Julian Assange che al governo di Washington. A rivelarlo è uno scoop del New York Times, risultato di mesi di lavoro, interviste e "soffiate" da alcune gole profonde che collaborano con il Dipartimento di Stato. La stessa Clinton conferma indirettamente al New York Times queste rivelazioni. "Sempre più numerosi - dice il segretario di Stato - sono coloro che nel mondo intero usano Internet, i cellulari e altre tecnologie per far sentire le loro voci, protestare contro le ingiustizie. È una storica opportunità, un cambiamento positivo, che l'America deve sostenere. Perciò stiamo facendo il possibile per aiutarli a comunicare tra loro, con le loro comunità, e con il mondo intero".Centinaia di milioni di dollari sono stanziati per finanziare la versione aggiornata al XXI secolo di quel che erano la Voice of America o Radio Free Europe prima della caduta del Muro di Berlino. Non è una novità che gli Stati Uniti aiutino i dissidenti democratici, in passato avevano messo a disposizione degli attivisti umanitari cinesi dei software che consentono di navigare online dissimulando la propria identità. Ma l'"Internet Invisibile" apre una dimensione nuova. Il progetto è più ambizioso di tutti i precedenti perché punta ad aggirare i server di Stato, l'Internet che usiamo tutti i giorni, che può essere manipolato, controllato, perfino "chiuso" da governi autoritari. La necessità di costruire delle Reti parallele, clandestine e non individuabili, per gli americani è nata anzitutto nel teatro di guerra afgano. Perfino in un paese arretrato come l'Afghanistan, gran parte della popolazione ormai comunica con i cellulari. Ma le "torri" dei ripetitori usate per la telefonìa mobile sono un bersaglio facile per i talebani, che riescono a sabotarle o a prenderne il controllo. Così è partito il primo progetto di reti mobili alternative, invisibili e difficilmente attaccabili, con un budget di ricerca di 50 milioni dal Pentagono.La sua applicazione al servizio della "primavera araba" è recente. Washington ha visto Hosni Mubarak entrare in azione con un blackout generale di Internet, negli ultimi giorni della dittatura. Di colpo le armi usate dai giovani di Piazza Tahirir, cioè Facebook e Twitter, rischiavano di essere inutilizzabili. È lì che la Casa Bianca e il Dipartimento di Stato hanno messo assieme quella che il New York Times descrive come "un'improbabile alleanza di diplomatici, ingegneri militari, giovani informatici e dissidenti da una dozzina di paesi diversi" per cooperare al grande progetto. Tra i protagonisti c'è Sascha Meinrath, direttore della Open Technology Initiative, un'autorità fra i teorici della "liberazione attraverso le tecnologie". Con lui collaborano lo hacker Thomas Gideon, e un esperto di sicurezza contro i cyber-attacchi, Dan Meredith. La media di età non supera i trent'anni. Si ritrovano in un anonimo palazzo di uffici sulla L Street di Washington, e lavorano alla costruzione di un "mesh network", o tecnologia "reticolare", che sfrutta la potenza di gadget diffusi e decentrati per mettere "in rete" comunicazioni che by-passano l'Internet tradizionale.La valigetta 24 ore con laptop e cellulari che consente di costruirsi un "Internet fatto in casa, portatile", è una delle creature di questo progetto. Collin Anderson, 26enne ricercatore delle "tecnologie della liberazione" del North Dakota, specialista dell'Iran, ha cominciato ad appassionarsi a questa sfida nel 2009, quando Teheran dimostrò di poter chiudere l'accesso a Internet durante le rivolte popolari contro i brogli elettorali. "Quell'episodio - spiega Anderson - ha dimostrato che non basta padroneggiare Facebook e YouTube, bisogna avere canali alternativi, che circumnavigano gli snodi di comunicazione e saltano direttamente fuori dal paese". Un altro progetto finanziato dal Dipartimento di Stato usa la tecnologia Bluetooth per trasmettere immagini - per esempio della repressione poliziesca contro una protesta - saltando direttamente da un telefonino all'altro senza usare le reti telefoniche di Stato, bensì sfruttando un "network civico fidato", parallelo. La valigetta portatile, con tanto di manuale per l'uso tradotto in decine di lingue per non addetti ai lavori, include microantenne Wifi, chiavette e cd con software per crittare le comunicazioni, cavi Ethernet. Un solo pc basta a governare l'intero sistema. "Sarà una sfida per qualsiasi governo, riuscire a controllare un sistema così", dice Aaron Kaplan, un esperto austriaco di cyber-sicurezza. (13 giugno 2011) © Riproduzione riservata
TESTIMONIO GRAFICO:

.
.
.
.
.
.
.
.
.

-Su "Corriere della Sera":
50 milioni di dollari spesi in Afghanistan per contrastare l'abilità digitale dei talebani
Internet in valigia per i dissidenti:
Gli Usa la «rete ombra» contro le dittature
Reti di telefonia fantasma, kit on-line portatile per collegamenti wireless. La Clinton sostiene il piano clandestino per sostenere le rivolte contro i regimi
MILANO - Lo hanno chiamato «Operazione Internet Invisibile», oppure «la Rete ombra». Si tratta di collegamenti internet e di telefonia mobile «fantasma». Un piano clandestino che non ha eguali dal tempo della Guerra Fredda, con l'unica differenza che i beneficiari saranno oggi e domani pacifisti e dissidenti disarmati. A sostenerlo è il governo Usa.
RETE ANTITALEBANI - Il Dipartimento di stato e il Pentagono hanno già speso almeno 50 milioni di dollari per creare una rete indipendente di telefonia mobile in Afghanistan, usando i ripetitori delle basi militari nel Paese. L'operazione è mirata a contrastare l'abilità dei talebani a spegnere le telecomunicazioni afghane ufficiali. Il governo americano, inoltre, sta finanziando la creazione di reti wireless nascoste per permettere agli attivisti di comunicare oltre la portata dei governi in paesi come Iran, Siria e Libia.
PORTATILE - Un altro progetto, forte di uno stanziamento di 2 milioni di dollari, riguarda lo sviluppo di «internet in valigia», una sorta di kit on-line, portatile, in grado di essere contrabbandata oltre confine e attivata per permettere comunicazioni wireless collegate alla rete Internet mondiale. I piani hanno ricevuto un'accelerazione dopo che il regime egiziano di Mubarak «spense» la rete durante le proteste all'inizio di quest'anno. Strategie usate, anche in queste settimane, dal governo siriano che ha cercato di arginare la diffusione della protesta e la mobilitazione dei dissidenti sospendendo Internet.
GLI AIUTI SECONDO LA CLINTON - A guidare questo nuovo corso della diplomazia americana, è il capo del Dipartimento di Stato, Hillary Clinton: «In giro nel mondo - ha spiegato - vediamo ogni giorno sempre più persone usare Internet, la telefonia mobile e le altre tecnologie, per dare più forza alla loro voce e alle loro proteste contro l'ingiustizia, e per realizzare le proprie speranze di libertà e democrazia. Siamo di fronte a un'opportunità storica per gli Stati Uniti di cambiare il suo concetto di aiuto. L'America è concentrata ad aiutare questa forma di dialogo delle persone tra di loro, delle loro comunità e dei loro governi con il resto del mondo». Redazione online
TESTIMONIO GRAFICO:

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
----------------------------------------------------
-IL MIO COMMENTO:Naturalmente non c'è bisogno di dirvi che questo non è NUOVA ERA.Senza entrare nel merito dell'iniziativa della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato risulta evidente che non si trata di difussione della NUOVA ERA,ne delle sue Tecnologie ne della sua "visione del mondo":questo semplicemente è POLITICA.E la NUOVA ERA non è politica e non fa proselitismo ne agitazioni di nessun genere.Questa iniziativa è semplicemente l'uso delle Tecnologie della NUOVA ERA fra altre,per scopi dell'azione politica.Tutto al piu si tratta allora di una delle tante aplicazioni delle tecnologie della NUOVA ERA,in questo caso in campo politico,come altre volte in catastrofi naturali o nella solidarieta in situazioni di disastro,ecc,ecc.Non è ne meno una lettura politica della NUOVA ERA ma solo una aplicazione politica delle sue tecnologie,insomma.Senza entrare ho detto,nel merito dell'iniziativa,ne giudicare le idee blandite dal Governo USA o le finalita politiche espressi da essa ,sarebbe reduttivo omologare "la visione del mondo" a ideologie politche o alla sua praxis.E' ben piu profonda,astratta ed estesa.La conoscete gia e non faro la sua descrizione cui.D'altronde la NUOVA ERA non essendo politica non la rifuta,solo che i cambiamenti politici prodotti dalla NUOVA ERA non sono la risultante ne di proselitismo ne di agitazioni ma l'adeguazione politica ai cambiamenti scientifici e socio-culturali nella vita delle masse implicite nell'uso delle sue tecnologie e la "visione del mondo" che le anima.La NUOVA ERA è un modo di vivere scaturito dell'uso di queste tecnologie,implicito nella "visione del mondo" che anima la sua creazione,e per tanto i mutamenti politici sarebbero connaturali alla causa del suo uso e non la conseguenza.Quando decido usare le sue tecnologie,servizzi e modalita di funzionamento significa che sono convinto della "visione del mondo" che le anima e non perche me ne attenda produrre altri mutamenti socio-politiche.
Su questo ne abbiamo gia discusso a proposito del ruolo delle nuove tecnologie nei mutamenti politici della "Primavera Araba":la NUOVA ERA di per se non produce cambiamenti politici,ne la sua Tecnologia ne la sua "visione del mondo",è di per se portatrice di una "filosofia",che precisamente filosofia non è, ma "visone del mondo" come ho deciso chiamarla perche scaturita dalla scienza,resta a se stante non riconoscendosi in altre gnosologie del sapere,e perche si dirama su tutto il "da fare" umano.La NUOVA ERA insomma ,non ha una ideologia politica,ne un partito,ne un movimento,ne un regime ne un paese,e tanto meno "personeri" che la rapresentino.E la NUOVA ERA nulla c'entra con la Primavera Arba e i fatti del Nord Africa

11:22 Écrit par DOTT. GIUSEPPE CIANCIMINO TORTORICI | Lien permanent | |  del.icio.us |